Categorie

Paolo Crepet

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2004
Pagine: 108 p. , Brossura
  • EAN: 9788806172466
Usato su Libraccio.it € 6,75

L'amore qui si vive solo da lontano. Da una distanza incolmabile che separa, e fatalmente, le vite di quattro generazioni di donne. Paolo Crepet, psichiatra di fama, anche televisiva, aveva già messo in scena il confronto tra due destini in La ragione dei sentimenti. Racconto (Einaudi, 2002), ora l'intreccio si fa ancora più rarefatto e allargato. Il centro però non cambia - del resto è lo stesso anche nelle indagini di natura saggistica -, riguarda la non comunicabilità tra esseri umani. Siano giovani, vecchi, figli e genitori, l'umanità sembra essere assediata da una totale, quasi astratta, mancanza d'amore.

A cominciare da Rada, di origine bosniaca emigrata in Grecia, capostipite di una famiglia che si compone di sole donne, tranne il nonno Selim che si propone come modello di dandysmo orientale, a cui è stata sottratta la nascita: "Se a una persona è sottratta la nascita, la vita si presenta senza verità, e la verità è senso di appartenenza". Coloro che le seguiranno, Colette, Cleo, infine Mirò, sono segnate tutte da questo originario vuoto, da questa epica assenza. Sono donne bellissime, eleganti e forti, seducenti e mute che invano cercano l'approdo dove pacificare la loro sete d'amore, costrette a un'"inagibile" indifferenza. Sono anche coraggiose viaggiatrici, esotiche creature prodotto di molteplici etnie, sirene crudeli soprattutto con loro stesse. Hanno un fallimento alle spalle, professionale o matrimoniale, non sanno stare dentro un ruolo o gli aderiscono troppo. Senza radici, non sanno nidificare. Non sono madri, né figlie, né amanti. Cosa può salvarle da questa spirale di freddezza? Quale meccanismo è in grado di antropomorfizzare questi personaggi da fiaba?

La fiaba appunto. Crepet infatti è quel tipo di raccontatore di storie che proprio nel raccontare trova la sua misura e il senso ultimo del suo mestiere di psichiatra. Storie che via via, orami al terzo romanzo, hanno assunto la forma delle fiaba. Dietro alle sue donne sentiamo la presenza di una tradizione - molto legata all'oralità - così interiorizzata da farle scomparire. Come nelle fiabe, non come nella vita. Che ha bisogno di filtri (di terapie?) per essere accettata nel suo nocciolo di dolore, di non amore, di rarefazione sentimentale. Crepet usa la lingua come un'alleata: (a proposito di una sorella di Cleo) "Senza pensieri, senza emozioni, senza numeri, senza nulla d'astratto se non le ore passate a guardare un mare grigio che spuma ritmicamente sulle rocce verdi di muschio. Un nuvola lattea ferma alla luce del tramonto".

Le immobili statue di Paolo Crepet poste davanti al ritmo marino ricordano da vicino quella della Sirenetta, nelle forme in cui il mito fu ripreso da H. C. Andersen. Con quel in più di divino che impedisce loro di camminare sulla terra, e di amare. Come il loro creatore, sempre più saggio e antico, da rimettere in scena ciò che tutti sappiamo: nel mondo non c'è amore, possiamo solo raccontarne la scomparsa. Un'idea assai collaudata.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    icaya

    17/02/2005 16.54.57

    Avevo comprato questo libro con molto entusiasmo, mi avevano ispirato soprattuto i personaggi e la storia riassunti sul retro. Non mi è piaciuto e non lo consiglio.

  • User Icon

    Mattia

    11/02/2005 18.17.04

    Forse sarò l'unico, ma ho trovato il libro eccezzionale. Soprattutto dalla metà in poi ci ho preso mano e l'ho divorato. Arrivato all'ultima riga mi è passato per un attimo tutto l'intreccio, rivivendolo con nostalgia.

  • User Icon

    giangi68

    12/01/2005 17.30.11

    Uno di quei libri per i quali i momenti migliori si vivono leggendo le presentazioni contenute nella copertina posteriore. Ad ognuno è data una seconda prova, ma non credo che la darò a Crepet.

  • User Icon

    tsuby 84'

    27/12/2004 15.32.30

    Sarà anche corto, ma ho fatto più fatica a finire questo "libro" che non Millennio di Montalban!La trama promette emozioni inesistenti, il libro è una continua ed inutile ripetizione.Noiosissimo e inconcludente.Evitatelo!Ciauz!

  • User Icon

    gbl

    05/12/2004 18.48.41

    Accidenti! Ha superato ogni aspettativa in quanto melansaggine, noia e un pizzico di sruffianamento.una vera schifezza, il tuttologo Crepet ha superato sé stesso dando prova delle sue "sublimi" capacita' letterarie. Meglio se cambia mestiere, forse ai mercati generali cercano qualcuno...

  • User Icon

    Gaute da Suta

    02/12/2004 09.49.56

    un'autentica porcheria. complimenti.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione