Il delitto della pineta piccola

Vito G. Cassano

Editore: StreetLib
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 1 gennaio 2018
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788828306542
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

È il primo caso per il commissario Giovanni Anselmi, appena arrivato, qui, sulla costa adriatica, dopo qualche anno passato in Liguria. Lui, dispeptico, solitario, che il poliziotto proprio non voleva farlo, si ritrova subito alle prese con il mistero della morte violenta di una bella romana. C'è un professore di liceo al quale, più che altro, piace bere bene (martini, ça va sans dire); c'è una ragazza misteriosa che piange spesso e altrettanto spesso mostra le gambe; c'è un avvocato che, di professione, fa il benestante; ci sono due camerieri sgangherati. E, infine, c'è il patriota di bronzo, che, a modo suo, o forse per il solo fatto di essere lì, immobile, statuario, al centro della piazza, aiuta Anselmi a chiarire gli aspetti oscuri della vicenda. È con tutta questa gente che il commissario, insieme all'ispettore Domenico Cacace, deve vedersela per arrivare a risolvere il suo primo caso sull'Adriatico. Ma anche e soprattutto con la scarsa stima che ha di sé e con la predisposizione per un lavoro, quello del poliziotto, che sembra essersi ritrovato a fare quasi per caso.

€ 10,19

€ 11,99

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Romolo CHIANCONE

    16/07/2018 11:58:28

    Premetto che non sono un abituale lettore di gialli (se si esclude la mia quasi ‘dipendenza’ da Camilleri... ma quella è una storia a parte). Ciononostante, ho letto tutto d’un fiato questo giallo di Vito G. Cassano, forse perché incuriosito dalla precedente lettura del suo “In difesa dell’oliva nel Martini”, un saggio (anomalo per la categoria), intrigante... alcolico e ironico al punto giusto per indurre all’acquisto del romanzo d’esordio del suo autore. Lo stesso sottile, raffinato umorismo (dal sapore decisamente old british) che caratterizza il già citato saggio, si affaccia con discrezione anche sullo sfondo di questo delitto estivo che - nonostante la sua efferatezza - non riesce a movimentare più di tanto la tranquilla ripetitività della stagione balneare in corso sulle sponde di una ben nota cittadina del medio Adriatico, mai svelata dall’autore. Non solo i protagonisti, ma tutti i personaggi che animano il racconto sono ben delineati e riescono a incuriosire il lettore che finirà per fare comunque un inevitabile tifo per quel commissario che, alla faccia del suo molto basso livello di autostima, riuscirà ad annodare tutti i fili di una matassa parecchio ingarbugliata. Piacevolissime digressioni accompagnano la lettura fra soste al bar, inciampi nel mondo dell’arte e della cultura locale, e una godibilissima citazione musicale finale sulle note di un must di ‘The Voice’. Romolo Chiancone

Scrivi una recensione