Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il delitto di Saccargia. Le indagini del tenente Roversi - Gavino Zucca - copertina

Il delitto di Saccargia. Le indagini del tenente Roversi

Gavino Zucca

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2019
Pagine: 380 p., Brossura
  • EAN: 9788822730374
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 9,50

€ 9,90
(-4%)

Venduto e spedito da Multiservices

spinner

Disponibile in 10 gg lavorativi

Solo una copia disponibile

+ 5,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un cadavere accanto alla basilica di Saccargia sconvolge i piani del tenente Roversi...

Sembra a prima vista un banale incidente ad avere provocato la morte di Salvatore Mazzoni, ma un particolare insospettisce i carabinieri: a una cinquantina di metri dalla vittima viene trovato anche il corpo del suo cavallo, deceduto per un colpo di pistola alla testa. Il tenente Roversi, che sperava di ottenere un permesso per andare a Bologna, viene invece inviato sul luogo per sostituire il comandante, vittima di un infortunio. Salvatore Mazzoni era un rappresentante di commercio e noto dongiovanni locale, con la passione per i lavori di intaglio sul legno e la pessima abitudine di rappresentare, nelle sue opere, in modo sibillino e ambiguo, le sue conquiste. Alcune piccole stranezze, e soprattutto la scoperta di una testa di gallo mozzata nei terreni di Mazzoni, inducono Roversi a non chiudere subito il caso. Il tenente è convinto che nelle statuette di Mazzoni si trovino delle indicazioni per far luce sulla sua morte e che seguendo una di quelle piste riuscirà a risolvere il mistero...

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 6
5
1
4
1
3
4
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco

    05/06/2020 15:43:52

    Terzo libro delle serie Le indagini del tenente Roversi. Romanzo semplice e lineare. Il protagonista principale non compie il salto di qualità rimane piatto, come nei romanzi precedenti..

  • User Icon

    Ivan Coralluzzo

    29/05/2020 08:15:31

    Ho letto tutti e tre i libri di Gavino in una raccolta, quindi continuamente. Una lettura estiva, non impegnativa. Tranne aspetti di territorialità, sarda, che arricchiscono e rendono curioso il testo, si trova difficoltà a leggerli. Faticosi a tratti prolissi. I personaggi non decollano mai sono privi di una personalità forte anche se bisogna ammettere sono ben costruiti. Bisogna leggerli insieme per avere chiare le storie.

  • User Icon

    lea

    17/04/2020 15:08:25

    È il terzo libro che leggo di questo autore e mi sono piaciuti tutti molto. Le atmosfere della Sardegna anni 60 sono riprodotte in maniera eccellente. Il tenente Roversi si fa amare e seguire facilmente. Non vedo l’ora che esca il prossimo libro!

  • User Icon

    ratavuleira

    30/08/2019 20:36:51

    È il terzo libro di Zucca che leggo e devo dire che dopo il mistero di Abbacuada il cammino anziché progredire si è involuto. Troppe azioni inutili convergono: il Michele alla ricerca del medaglione è un dettaglio per riempire un pò di pagine, ma non serve a nulla, rallenta una narrazione già di per se lenta. E' come una fotografia in cui ci sono troppe cose dentro: si perde il filo .. Il ten. Roversi non è Holmes e il suo amico Gualandi non è Watson (ma anche la coppia Poirot-Hastings è lontana …); si cita spesso Tex Willer (vedovo però di Kit Carson) per cavarne suggerimenti e soluzioni …. . Una Sardegna d’antàn dove tutti, a cavallo o in campagnola, hanno tempi di percorrenza e capacità di spostamento come se le strade bianche dei primi anni ’60 fossero le autostrade d’oggi; troppe situazioni laterali aggrovigliate senza necessità e ‘sciolte’ un po' troppo semplicisticamente; le concessioni eccessive e compiaciute – dopo Camilleri, nessuno più resiste!- alle citazioni in dialetto sardo (anzi in diversi dialetti sardi) e, soc!, in un talvolta più criptico interloquire bolognese hanno consumato i personaggi rendendoli macchiette. A Saccargia quasi tutti i personaggi sono diventati improbabili: da Roversi-Tex all’improbabile spedizione bolognese del Gualandi con gara di danza e - effetto collaterale - crisi di gelosia della Brunilde; come improbabile e impensabile, a quel tempo e in quella Sardegna, l'incontro tra l’onesto ‘caramba’ e il pericoloso latitante oppure l’impossibile all’epoca attività del cadavere di violatore seriale di talami altrui in un paese della campagna (non solo sarda, ma di tutta Italia) con l'aggravante dell'esibizione dei ‘trofei’ al popolo!. E infine la soluzione affidata ad un farmaco anti-meteorismo…..! Una nota negativa per l’impaginazione: quasi mai c'è uno stacco – un interlinea doppio sarebbe bastato – quando l’azione si sposta da Saccargia a Sassari o da Codrongianus a Bologna: il lettore ne resta confuso

  • User Icon

    Monique

    19/07/2019 16:55:20

    Bellissimo anche questo, proprio come i due precedenti romanzi sul tenente Roversi. Una grande conferma

  • User Icon

    Fabio

    19/07/2019 07:02:56

    Atmosfere anni sessanta,quando la vita era più semplice senza internet e cellulari,ma le passioni più intense e violente.L'Autore è bravo e il romanzo si legge facilmente,però ci sono cose che non mi hanno convinto.Troppi riferimenti a Tex Willer i cui fumetti influenzano buoni e cattivi e una complessità inspiegabile nella trama che lascia più di qualche perplessità,anche perché poi è il fulcro dell'indagine con cui il nostro tenente Roversi arriva al colpevole.Comunque una buona lettura estiva.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi