Democrazia elettronica. Metodo Delphi e politiche pubbliche

Maurizio Bolognini

Editore: Carocci
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 21 settembre 2001
Pagine: 164 p., ill.
  • EAN: 9788843020355
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 16,06

€ 18,90

Risparmi € 2,84 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

La democrazia elettronica l'uso delle tecnologie di informazione e comunicazione (in particolare di Internet) per rendere più trasparenti le istituzioni politiche e accrescere la partecipazione dei cittadini sta uscendo dalla fase pionieristica. A distanza di almeno un decennio dalle prime esperienze significative, si può cominciare a fare un bilancio degli innumerevoli progetti e a porre interrogativi più realistici sulle potenzialità democratiche dei nuovi media, in particolare sulla possibilità di usare la comunicazione elettronica non per dar luogo a occasionali dibattiti politici ma per consentire ai cittadini di intervenire efficacemente in alcuni processi decisionali. Dopo aver preso in esame il funzionamento degli attuali servizi di democrazia elettronica, in Europa e negli Stati Uniti, l´autore propone e illustra con approfonditi esempi applicativi una tecnica di comunicazione di gruppo il metodo Delphi in grado di strutturare l'interazione tra i partecipanti (politici, amministratori, esperti, cittadini) in modo da rendere il processo decisionale più aperto al contributo esterno di soggetti diversi. Il libro si rivolge sia a chi è interessato alle più recenti vicende della democrazia elettronica, sia a chi è interessato al metodo Delphi e alla sua applicazione (anche off-line) alle politiche pubbliche; quindi agli esperti della comunicazione elettronica e delle reti civiche ma anche agli studenti di Sociologia, di Scienze politiche e di Scienze della comunicazione, ai ricercatori sociali, ai politici e agli amministratori.