DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
I demoni - Fëdor Dostoevskij - copertina

I demoni

Fëdor Dostoevskij

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Francesca Gori
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 luglio 2017
Pagine: XXXII-759 p., Brossura
  • EAN: 9788811811602
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I demoni

Fëdor Dostoevskij

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I demoni

Fëdor Dostoevskij

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Introduzione di Fausto Malcovati
Traduzione di Francesca Gori
La critica russa lo definì «il libro della grande ira». Traendo ispirazione dal brutale omicidio di uno studente a opera di una cellula di nichilisti, un fatto di sangue che nel 1869 sconvolse la Russia intera, Dostoevskij scrive un romanzo cupo e disperato, in cui tornano i grandi problemi posti da Delitto e castigo: la personalità, la libertà, l’esistenza di Dio, l’impietosa critica della sconsiderata cecità della borghesia liberale e dello spirito rivoluzionario, dietro cui si annidano cinismo e un troppo fragile progetto politico. Attraverso la delittuosa parabola politica del «grande peccatore» Verchovenskij e del suo oscuro e demoniaco suggeritore Stavrogin, Dostoevskij sottolinea la convergenza necessaria tra il discorso politico, sociale e quello morale e religioso, condannando con forza l’abisso del nichilismo che allontana l’uomo da tutti i suoi legami naturali.
4
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    sandro landonio

    10/10/2010 14:23:01

    Mi sono avvicinato al romanzo con molta esitazione, sapendo che le 700 pagine sarebbero state difficili da digerire, la recente lettura de “Il giocatore” mi aveva però invogliato a passare a qualcosa di più corposo. Purtroppo è stata una delusione. Per prima cosa si tratta apertamente di un romanzo basato su una tesi specifica ovvero che l’origine del movimento rivoluzionario in Russia ha le sue radici nel liberalismo filo-occidentale di certi intellettuali e dal distacco dell’aristocrazia dalle tradizioni del popolo. La reale organizzazione rivoluzionaria di Necajev, scoperta dalla polizia, mentre il romanzo veniva scritto, diede poi lo spunto allo scrittore per la visione “demoniaca” dei cospiratori, anche se l’indagine storica ha dimostrato che la maggioranza dei rivoluzionari del tempo avevano caratteristiche molto più positive di quelle descritte nel romanzo. Essendo costruiti su una tesi i personaggi mi sono sembrati troppo netti, quasi personificazioni di certi tipi umani e quindi non del tutto credibili. Fa eccezione a questa categoria Stavrogin, in quanto marchiato di un male assoluto, ma contemporaneamente spinto da impulsi contraddittori verso altri lidi. Aggiungo poi che la lunghezza del romanzo mi è sembrata eccessiva e se buona parte dell’ azione si svolge nella seconda metà del libro, in generale il ritmo è un po’ lento in tutta la vicenda. La descrizione particolareggiata della festa, gli incontri notturni di Stavrogin sono tutte parti in cui l’autore mostra la sua maestria di narratore, ma lasciano un certo senso di artificiosità proprio perché tutto sembra essere diretto a dimostrare la tesi preordinata.

  • User Icon

    Carlo

    17/11/2008 00:10:47

    bellissimo libro ma all'inizio un pò troppo pesante dopo la consueta maestria

  • User Icon

    BlSabbatH

    02/01/2006 22:52:25

    questo libro ricchissimo semplicemente "dà", dà davvero molto sul piano storico, politico, religioso e filosofico! il romanzo inizia a farsi interessante dopo circa 150 pagine, penso che l'autore ponga questa tortura di proposito, per selezionare la tipologia di lettore; la "scrematura" è il classico vizietto di dostoevskij, quindi per chiunque leggesse questo mio commento e fosse agli inizi della lettura, consiglio di munirsi di sacra pazienza..! passata la barriera iniziale, poi è tutto un godimento: ogni capitolo può dare lo spunto necessario a numerose riflessioni, pensieri, idee..i demoni è un romanzo di un'attualità sorprendente, l'analisi della società segreta, della forza che sta nelle idee della nuova gioventù nichilista, la descrizione della componente nobile della società, varvara petrovna, giulja michaelovna, lembke.. del cedimento dell'elite di fronte al ribollire dei moti rivoluzionari..la russia come ultima chance per la vera rivoluzione socialista, al contrario dell'europa, dove tutto è clamorosamente fallito..dostoevskij in questo ha una lungimiranza che ha dell'incredibile, prevede la rivoluzione proletaria del 1917! da brivido (seppur troppo esasperate, dato il rancore!) le descrizioni minuziose dei componenti del quintetto diabolico e delle loro perversioni..personalmente non riuscirò mai a scordarmi di Kirillov, l'unico personaggio a mio avviso, che nella follia (ma in fondo, cosa è follia e cosa no?) ha un'idea davvero mirabile, il discioglimento dell'unico vincolo che lo separa dal totale arbitrio e che lo farà diventare dio: l'uccisione di sè stesso. complimenti a dostoevskij, si è rivelato essere di nuovo un genio - p.s. personalmente ho letto l'edizione einaudi, contenente "la confessione di stavrogìn", capitolo 9 intitolato "da tichon"..consiglio di controllare la presenza di tale capitolo, visto che è stato reso pubblico solo nel 1922 e che non è contenuto in tutte le edizioni (tipo in quelle economiche..)

  • Fëdor Dostoevskij Cover

    Figlio di un medico, un aristocratico decaduto stravagante e dispotico, crebbe in un ambiente devoto e autoritario. Nel 1837 gli morì la madre, da tempo malata, e D. venne iscritto alla scuola del genio militare di Pietroburgo, istituto che frequentò controvoglia, essendo i suoi interessi già risolutamente indirizzati verso la letteratura (risalgono a quegli anni le sue prime letture importanti: Schiller, Balzac, Hugo, Hoffmann). Diplomatosi nel 1843, rinunciò alla carriera che il titolo gli apriva e, lottando con l’indigenza e con i disagi di una salute cagionevole, cominciò a scrivere: il suo primo libro, il romanzo Povera gente (1846), che ebbe gli elogi di critici come Belinskij e Nekrasov, rivela già l’attenzione pietosa di D. per... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali