Categorie

Il denaro in testa

Vittorino Andreoli

Collana: Saggi
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 250 p., Brossura
  • EAN: 9788817054645
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    D.M.

    16/08/2015 13.39.23

    Un libro la cui lettura diventa necessaria per comprendere uno degli aspetti più controversi della società contemporanea: il rapporto con il denaro. Un prezioso strumento visto non più solo come un mezzo ma che diventa un fine e, spesso, l'unico metro per misurare il peso sociale delle persone. Il denaro ha così una doppia faccia, quella buona che innalza a semidio chi lo possiede e ne fa uso, e quella cattiva, che mortifica e condanna ad un'esistenza ignobile chi ne è sprovvisto. Testo di gradevolissima lettura e facile comprensione, ad eccezione dei proverbi latini cui spesso ricorre l'autore, non certo alla portata di tutti. La patologia del denaro è ormai così vasta e radicata nella società tanto da dover chiamare in causa uno psichiatra per decifrarne gli effetti. Il tanto ambito denaro viene qui vilipeso, demonizzato e maledetto ma, che piaccia o meno, è e sarà sempre il miglior amico dell'uomo.

  • User Icon

    MAuro

    04/02/2012 11.18.03

    Argomento molto interessante, perccato che non è stato trattato nella maniera giusta. Poteva essere scritto meglio.

  • User Icon

    Giuseppe Califano

    17/06/2011 16.52.14

    Per chi come me parla da anni di "malattia dei soldi", averlo trovato in libreria è stata una conferma non desiderata. Un libro di chi studia la mente che sembra scritto per chi ha definito un Corpo dello Stato "mentalmente disturbato". Un esempio di come si può affrontare un tema senza cadere nella polemica.

  • User Icon

    Aurelio

    23/04/2011 17.43.42

    Un libro assolutamente straordinario. Forse non per come è scritto ma per ciò che vi è scritto. Per la prima volta uno psichiatra denuncia una classe politica, senza mai fare un solo nome, descrivendola come fortemente malata in termini psichiatrici. Una denuncia fortissima a mio avviso e decisamente coraggiosa. Uno scritto che tra decenni potremmo ricordare con coraggio dicendo "Andreoli se ne era accorto e lo aveva denuniciato". Complimenti

  • User Icon

    Federica Macchi

    17/02/2011 09.42.05

    Una lettura sostanziosa, nutriente e trascinante. Un saggio "umano", nonostante l'argomento, dove chi scrive si ricorda (e ricorda a chi legge) fino all'ultima parola , di essere un UOMO prima ancora che un UOMO DI SCIENZA.

  • User Icon

    M.T.

    14/02/2011 15.44.07

    Mi aspettavo dei casi clinici sul tema del denaro e sul suo uso ed invece ho letto un excursus a tratti un po' confusionario su esperienze personali dello psichiatra; un avvitarsi tra pietas, etica senza morale e buoni propositi.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione