Categorie

Fabrizio De André, Alessandro Gennari

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 148 p.
  • EAN: 9788806175917
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 5,13

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe Guarino

    03/10/2010 22.09.02

    L'ho letto tutto d'un fiato, impaziente e voglioso di conoscere anche il Fabrizio scrittore. I temi sono quelli lì, i mondi anche. Gli manca qualcosa per potere essere perfetto.

  • User Icon

    donato manenti

    23/07/2009 16.49.25

    Questo libro lo compri perchè vedi "De André" sulla copertina (o almeno, per me è stato così). Ma la mia impressione è che non è il libro di De André; si riconosce sicuramente la sua penna in molti passaggi, ma è chiarissimo che anche l'altro autore ha lasciato moltissime tracce. La tesi del romanzo, chiara fin dal titolo, è il destino già deciso, l'illusione del libero arbitrio, la vita che si diverte a fare scherzi, con esiti che possono essere solo drammatici. Banale, signori, e pochissimo originale. Ma la storia è bellissima, i personaggi credibili e variegati, la morale di fondo è quella a cui siamo abituati tutti noi che abbiamo amato Fabrizio: santi e criminali, mamme e puttane, diamanti e letame, tutti insieme e allo stesso modo presentati inesorabilmente ai casi della vita.

  • User Icon

    Claudio

    01/06/2009 23.56.49

    Non conosco bene il De Andrè cantautore ma questo romanzo è commuovente.

  • User Icon

    Baba

    15/10/2007 18.10.07

    Se il libro non fosse scritto bene cadrebbero tutte le - legittime - credenze sulla maestria poetica di Fabrizio. Libro fortemente autobiografico, con spunti lirici interessanti. Ma naturalmente, il cantastorie resta il cantastorie.

  • User Icon

    elena

    23/02/2007 18.36.41

    E' Faber. Non si discute.

  • User Icon

    Giuseppe Iannozzi

    07/07/2006 17.54.03

    “Un destino ridicolo” l’ha scritto un vero contestatore, Fabrizio De André insieme ad Alessandro Gennari. Il destino parla di tre uomini, d’una girandola di personaggi raccolti in una metaforica Trinità, un intellettuale marsigliese passato dalla Resistenza alla malavita, un pappone sognatore e indolente e un pastore sardo che ha alle spalle una pesante condanna da cui è fuggito. Insieme organizzano il furto d’un carico di merce: una trinità di uomini che sembrano essere agli antipodi per carattere e ideali e che, invece, potrebbero essere idealmente un’unica geografia umana , una sola persona, una Trinità. Tre uomini lontanissimi che il destino riunisce a Genova per il colpo della vita “alla vita”. Poi ci sono anche due donne, una prostituta dell’angiporto e una istriana che, a dispetto della Trinità disegnata da Fabrizio De André e Alessandro Gennari e del disastro cui va incontro (la Trinità), aspettano e intanto se la ridono per quegli uomini tormentati da un destino troppo ridicolo per essere considerato come espressione della libera religiosità umana. Della “libertà”. E Fabrizio e Alessandro, personaggi marginali, all’inizio e alla fine del romanzo, sono i veri protagonisti insieme a “Bocca di Rosa”, insieme alle prostitute, coloro che sanno raccontare e che non censurano la storia che vedono e sentono lì, a Genova. “Bocca di rosa” ha finalmente smesso di piangere e contesta ancora perché così tu avresti voluto che fosse, mentre i tre uomini che racconti ridicoli sono rimasti assorbiti dal loro destino, un destino di cui non riescono a capacitarsi. La vita è già stata disegnata per loro, si è posata inesorabile sulle loro spalle senza che se ne rendessero conto: per loro, la vita non potrà essere proiezione nel futuro perché presente e futuro sono un unico tempo, il presente, e solo questo conta veramente.

  • User Icon

    ant

    13/12/2005 07.32.33

    Il viaggio come metafora della vita, l'incontro casuale che può cambiare il destino di un esistenza

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione