Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 30 marzo 2010
Pagine: 372 p., Brossura
  • EAN: 9788806199326
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,99
Descrizione
Tra regolari visite al sert, sterili incontri con medici e psicologi, litri di metadone in affido, astinenza che morde e frantuma le ossa, il rapimento di Annette, ragazza ricca, potrebbe risolvere una volta per tutte il problema di procurarsi la roba. Svanita l'onnipotenza dello sballo, però, il sequestro della francesina è un incubo che fa paura. Come i rapporti indispensabili ma ormai avvelenati - la madre, la sorella, l'amica Giara - che Nikita non ha saputo salvaguardare. Come il sogno di diventare scrittrice, sgretolato ogni giorno di più dai buchi in vena. Come l'Epatite C: killer silente che sta decimando uno dopo l'altro i suoi amici. E che forse anche Nikita ha contratto. Nikita non è Christine F. Nel 2006 la tossicodipendenza non è più solo ruberie, marchette, squallore. Nel 2006 il metadone - la droga dello Stato - libera dalla strada, dall'emarginazione coatta. Ma Nikita sa che può incatenare a una dipendenza infinita. È difficile smettere di amare l'eroina.

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio

    14/03/2015 21:10:05

    Semplicemente un romanzo senza vie d'uscita. Maledetta devozione per la droga! Da leggere.

  • User Icon

    massimo

    05/10/2011 09:12:01

    Un libro crudo, che racconta una storia molto dura e al tempo stesso vera. La prosa è incalzante, incisiva. Scorre molto, però a un certo punto sembra avvolgersi, stancarsi. Si arriva alla fine un po' col fiatone. Complessivamente un libro discreto.

  • User Icon

    Franca

    27/08/2011 17:56:57

    Brava la Lattanzi. Essenziale e dolorosa la sua prosa. Aspetto i prossimi.

  • User Icon

    Vale

    23/05/2011 07:52:30

    Mi è piaciuto. Crudo (a tratti troppo) ma vero. Una brava scrittrice e un romanzo da tenere in considerazione.

  • User Icon

    M.

    13/05/2011 09:49:01

    Bello e durissimo. Questa autrice mi è stata segnalata da un amico che aveva visto giusto. Giovani scrittrici crescono! :) mary

  • User Icon

    Charlie

    28/03/2011 09:01:32

    Una storia che racconta il contrasto stridente tra l'esistenza giovanile e la presenza immanente della droga. L'eroina è la cupa protagonista delle vite dei ragazzi che vivono e muoiono in questa storia. La scrittura, cruda e contaminata sostiene un racconto che talvolta sembra tendere l'orecchio ad altre storie già viste e già lette. Comunque un buon romanzo d'esordio.

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    12/05/2010 17:31:54

    E' un romanzo eccezionale da tutti i punti di vista: linguistico, letterario, umano. La Lattanzi è una maestra di stile e dà vita a personaggi di giovani che, sebbene possano risultare a volte sgradevoli perchè distruttivi, hanno delle psicologie interessantissime. Il libro è pieno di innovazioni a livello di racconto che cambia continuamente , con continue sorprese narrative . Lo stile oltre che elevato è anche cinematografico e c'è molta suspance. Trovo poi geniale l'alternarsi nei dialoghi dei dialetti calabrese e barese, con in più il personaggio di Annette, che si esprime in un curioso misto di italo-francese.

  • User Icon

    luigi r.

    27/04/2010 10:48:28

    ho appena finito di leggerlo, sicuramente lo rileggerò subito, per gustarmi tutti i particolari curatissimi, sia delle azioni che degli stati d'animo che delle descrizioni (mai sterili, sempre funzionali). la natura sempre presente nella sua bellezza distaccata dalle vicende umane mi ha fatto pensare a leopardi. la lingua è sorprendente, la storia avvincente, i personaggi vivi.

  • User Icon

    ada bassi

    19/04/2010 11:15:16

    non so come abbia fatto l'autrice a porre la stessa cura nella descrizione realistica (pare di vedere un film) e nella scelta del linguaggio sempre adatto ad ogni momento. Il libro mi ha preso dalla prima parola all'ultima. ho sofferto con i protagonisti e, malgrado tutto, ho sperato con loro. assolutamente lo consiglio.

  • User Icon

    Nicola

    16/04/2010 19:19:31

    E' un romanzo avvincente, coinvolgente, sconvolgente. Bellissimo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione