Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Diario di un peccatore - Samuel Pepys,Milli Dandolo - ebook

Diario di un peccatore

Samuel Pepys

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Milli Dandolo
Editore: Castelvecchi
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1017,62 KB
Pagine della versione a stampa: 236 p.
  • EAN: 9788869444340
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Samuel Pepys è stato uno stimato funzionario pubblico inglese, vissuto nella seconda metà del XVII secolo. Nel 1659 comincia per diletto un diario, nel quale annota gli avvenimenti delle sue giornate alternando confessioni intime a commenti sugli eventi storici, come la seconda guerra anglo-olandese, la grande peste e l’incendio di Londra. In un’epoca in cui l’autonarrazione del vissuto quotidiano non è una pratica comune, e la morale esige una condotta irreprensibile, Pepys rivela con disarmante candore le proprie debolezze e le proprie passioni per il vino, il teatro e le donne. Il diario copre un periodo di dieci anni e si interrompe solo quando, per problemi alla vista, il suo autore non è più in grado di scrivere autonomamente. Alla morte di Pepys le memorie restano nella biblioteca di famiglia: sei volumi finemente rilegati e redatti in codice stenografico. Pubblicato per la prima volta nel 1825, il testo è oggi considerato un’eccezionale fonte storica, un capolavoro del genere autobiografico e soprattutto un palpitante documento umano. La presente edizione, concisa ma esauriente, è introdotta da un testo di Robert L. Stevenson.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Carlo

    22/11/2018 15:06:13

    I diari di Samuel Pepys (1633-1703), redatti tra il 1660 e il 1669 e raccolti dall’Autore in 6 volumi, costituiscono una delle principali testimonianze della Londra della seconda metà del XVII secolo. In questa ottima selezione edita da Castelvecchi, Pepys si dimostra curioso e perspicace osservatore della realtà politica e sociale del tempo, descrivendo doviziosamente la fastosa incoronazione di Carlo II Stuart, gli sviluppi della Seconda Guerra Anglo-Olandese, il flagello della pestilenza del 1665 e il devastante incendio che infuriò per giorni sulla capitale nel settembre del 1666. Funzionario di alto livello, specializzato in questioni riguardanti l’amministrazione navale, Pepys poté valutare gli avvenimenti dell’epoca da una posizione privilegiata e ciò rende il suo diario un prezioso documento per ciò che concerne la fase della Restaurazione. Uomo di vasta cultura e molteplici interessi, la sua imponente biblioteca (comprendente circa 3000 volumi) costituisce una delle maggiori collezioni private del 1600 giunte sino ai nostri giorni, essendo tuttora conservata nella Pepys Library del Magdalene College di Cambridge. Testo consigliato sia per l’indubbio valore storico sia per l’estrema franchezza con cui Pepys racconta vari accadimenti della sua vita professionale e privata, entrambe offerte al lettore senza nascondere difetti e debolezze.

  • Samuel Pepys Cover

    (Londra 1633-1703) scrittore inglese. Di umili origini, partecipò attivamente alla vita politica e intellettuale del tempo come segretario dell’ammiragliato e presidente della Royal Society. Lasciò un Diario (Diary) in linguaggio stenografato, che fu decifrato e pubblicato in parte nel 1825 e integralmente solo nel 1970. L’opera, non destinata alla stampa, è un eccezionale documento della vita e dei costumi del popolo e della corte nel periodo della restaurazione monarchica, e rivela una personalità assai vivace, spregiudicata e animata da un senso tutto pragmatico delle cose e degli eventi. Approfondisci
Note legali
Chiudi