Diario di scuola

Daniel Pennac

Traduttore: Y. Mélaouah
Editore: Feltrinelli
Edizione: 5
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 243 p., Brossura
  • EAN: 9788807880902

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Educazione e formazione - Scuole

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    28/04/2016 09:50:12

    Le idee sono molte e incisive, profonde e talvolta commoventi, vuol dire che Pennac è davvero un ottimo collega (io sono un insegnante, che condivide quasi tutto ciò che dice). Voto alto all'insegnante, ma basso allo scrittore, perché letterariamente questo è un libro meno che mediocre: prolisso, ripetitivo, lento, un semplice accumulo che un patito di Pennac si beve entusiasticamente senza capire che se fosse lungo cento pagine sarebbe quasi un capolavoro. A scrivere tanto, sono buoni tutti, a buttar giù un fiume di pagine senza sintetizzare lo fanno anche i miei alunni che non distinguono idee memorabili da ripetizioni e pleonasmi. Meno male che il Pennacchioni aveva scritto anche l'ottimo "Come un romanzo" (129 pagine), che me lo fa rivalutare.

  • User Icon

    faffa

    05/09/2015 18:32:35

    Testimonianza del Pennac "da somaro a professore" reagalatami da cinque speciali colleghe per la conferma del ruolo. Il punto di vista dell'autore è quello dell'alunno considerato "ultimo della classe "perché non si impegna, è svogliato, sfaticato e non vuol capire. Per di più come è possibile se l'alunno proviene da un buon contesto borghese? Non può essere possibile. L'alunno Pennac subisce a scuola ed anche in famiglia, nonostante la bonaria ironia paterna. Pennac parte da sé per parlare di scuola, di alunni deboli, di alunni con "disturbi dell'apprendimento", di alunni bravi che, malgrado tutto, possono diventare vittime della loro bravura, di alunni che, per trovare il loro posto nella società odierna, preferiscono seguire "Nonna Marketing". Pennac si impegna, nelle sue pagine, a trovare una risposta per il bene degli alunni che sono la risorsa del futuro, ognuno con le sue peculiarità e nonostante i suoi limiti. Lo stesso Pennac grazie a tre professori è riuscito ad essere salvato dalla sua somaraggine, tanto da diventare professore e scrittore. Quei tre professori sono andati oltre le apparenze: hanno visto l'alunno e non si sono fermati alla tipologia di alunno che, nell'immaginario collettivo degli anni 50-60, rientrava nella categoria del "caso perso". Pennac analizza la scuola dal doppio punto di vista e trova la soluzione in una parola che nell'universo scolastico è bandita, ossia l'"amore": amore verso il proprio mestiere di docente, amore nel diventare il riferimento per quei tanti "Maximilien" che possono dare, inaspettatamente e contro il parere della massa, la svolta positiva alla loro vita, amore nell'abbattere le differenze tra il "sapere" e l'"ignoranza" veicolando con passione la propria materia."UNA SOLA CERTEZZA,LA PRESENZA DEI MIEI ALLIEVI DIPENDE STRETTAMENTE DALLA MIA:DAL MIO ESSERE PRESENTE ALL'INTERA CLASSE E A OGNI INDIVIDUO IN PARTICOLARE,DALLA MIA PRESENZA ALLA MIA MATERIA,DALLA MIA PRESENZA FISICA,INTELLETTUALE E MENTALE...".

  • User Icon

    Sergio

    24/04/2015 23:29:02

    Pennac ha una penna squisita. Il libro è ricco di spunti interessanti, ma alla fine si resta con l'impressione che forse ci si aspettava qualcosa di più. Vale la pena comunque leggerlo, se il genere interessa.

  • User Icon

    Giuliana

    18/12/2014 11:20:49

    Penso di essere la persona meno adatta ad esprimere un giudizio su questo libro:sono nonna con poca scuola, ben lontana dal mondo dei professori .Finito ieri sera e questa mattina sono andata a rileggermi i capitoli che più mi hanno commossa. Si ,questo libro mi ha informata ,mi ha sorpreso ,mi ha detto delle cose che mi sono accorta di sapere da sempre ,una specie di solidarietà con lo scrittore non solo per i somari ,ma per gli ultimi della terra e più volte mi sono commossa ,la metafora delle rondini mi ha preso il cuore . Bravissimo Pennac ,come scrittore come professore e penso anche come persona

  • User Icon

    Michele Lucivero

    06/07/2014 08:54:05

    Non certo un romanzo di formazione, ma una testimonianza sul lavoro quotidiano di educazione, alle prese con difficoltà, appagamenti e grandi delusioni. Sullo sfondo resta il piacere della professione d'insegnante, il frizzante e coinvolgente contatto con la freschezza delle nuove generazioni, di cui occorre avere fiducia e prendersi cura, senza indugiare nel postulato anacronistico del: «Ai nostri tempi, noi avremmo fatto meglio». Pennac, come Sartre, preferisce il lavoro nelle retrovie, il lavoro di costruzione dell'impalcatura necessaria non solo per gli studi successivi, ma per la vita da affrontare quando termina il periodo di estrema protezione che offre la scuola. E la soddisfazione più grande, per l'insegnante, sta nel gestire gli alunni difficili, perché quelli bravi non hanno certamente bisogno di una guida. Se il docente è uno dei protagonisti del volume di Pennac, certamente l'altro è rappresentato dall'«asinello», l'alunno demotivato, svogliato o giudicato semplicemente incapace. Con Pennac emerge il punto di vista dell'ultimo della classe, la sua solitudine, il lento processo di autopersuasione che conduce a prendere consapevolezza del fatto di essere una nullità, nonché l'atroce circostanza di deludere quotidianamente i propri genitori. Una volta ho sentito dire da qualcuno: «se non sai far nulla, allora fai il professore»; non so se c'è più mediocrità tra gli insegnanti o in altri settori della classe dirigente, ma non sottovalutiamo il fatto che molto spesso i docenti diventano veri e propri punti di riferimento per i giovani che costruiscono pezzo dopo pezzo il loro futuro e la loro personalità.

  • User Icon

    Michele Lucivero

    06/07/2014 08:52:44

    Non certo un romanzo di formazione, ma una testimonianza sul lavoro quotidiano di educazione, alle prese con difficoltà, appagamenti e grandi delusioni. Sullo sfondo resta il piacere della professione d'insegnante, il frizzante e coinvolgente contatto con la freschezza delle nuove generazioni, di cui occorre avere fiducia e prendersi cura, senza indugiare nel postulato anacronistico del: «Ai nostri tempi, noi avremmo fatto meglio». Pennac, come Sartre, preferisce il lavoro nelle retrovie, il lavoro di costruzione dell'impalcatura necessaria non solo per gli studi successivi, ma per la vita da affrontare quando termina il periodo di estrema protezione che offre la scuola. E la soddisfazione più grande, per l'insegnante, sta nel gestire gli alunni difficili, perché quelli bravi non hanno certamente bisogno di una guida. Se il docente è uno dei protagonisti del volume di Pennac, certamente l'altro è rappresentato dall'«asinello», l'alunno demotivato, svogliato o giudicato semplicemente incapace. Con Pennac emerge il punto di vista dell'ultimo della classe, la sua solitudine, il lento processo di autopersuasione che conduce a prendere consapevolezza del fatto di essere una nullità, nonché l'atroce circostanza di deludere quotidianamente i propri genitori. Una volta ho sentito dire da qualcuno: «se non sai far nulla, allora fai il professore»; non so se c'è più mediocrità tra gli insegnanti o in altri settori della classe dirigente, ma non sottovalutiamo il fatto che molto spesso i docenti diventano veri e propri punti di riferimento per i giovani che costruiscono pezzo dopo pezzo il loro futuro e la loro personalità.

  • User Icon

    Roberto Scaffia

    24/03/2014 23:03:13

    Un libro importante se valutato sotto l'aspetto dei contenuti pedagogici , che l'autore con marcata personalità e pochi formalismi se non con veri e propri tocchi di sana ironia riesce a trasmettere al lettore , spingendolo sino all'autoriflessione. La lettura risulta abbastanza appesantita in certi parti del libro, questo non mi permette di giudicarlo un capolavoro , ma indubbiamente un lavoro degno di nota. * Importante per gli Educatori Sociali , la lettura di questo libro è secondo me Più che necessaria per gli Insegnanti degli Istituti di secondo grado . Roberto Scaffia

  • User Icon

    Antonella

    22/11/2011 12:36:43

    Molto deludente.Do 2 solo perchè ho amato molto "Come un romanzo"

  • User Icon

    R&L

    08/11/2010 22:14:20

    A mio avviso è un capolavoro. La scuola viene messa al centro e osservata con due occhi diversi: quello dello studente e quello dell'insegnante. E' uno dei pochi libri che ci aiuta a capire cosa provano tutti quegli scolari con difficoltà scolastiche. Lo consiglio vivamente a insegnanti, genitori con bambini con disturbi d'apprendimento e ad operatori che lavorano con questi bambini. Trattando un tema così specifico può effettivamente risultare noioso o poco piacevole a chi non appartiene alle categorie appena menzionate. In conclusione a me piaciuto veramente tanto, ottimo libro.

  • User Icon

    Gozer

    05/07/2010 14:37:30

    Mi è capitato solo tre volte di non finire un libro. Questo l'ho abbandonato per noia intorno alla trentesima pagina.

  • User Icon

    Jonathan Schiesaro

    24/08/2009 18:21:51

    Partendo dal presupposto che nulla è assoluto, bensì ha un valore relativo, secondo una concezione pirandelliana, Diario di scuola è sicuramente uno tra i più profondi saggi sul mondo dell'educazione. E si differenzia, come si potrebbe invece pensare, da un semplice slancio volto all'esclusivo fine pedagogico, bensì acquisisce quel tocco particolare, che porta come emblema l'idea di amore. In questo mondo del tutto particolare, di cui Pennac si fa portavoce, a esprimere le proprie opinioni non sono i tipici psicologi da supermercato, come li si potrebbe definire, né tanto meno quella figura così controversa di studente ribelle omologato in realtà da una profonda macchina consumistica, bensì un professore, che ha visto da vicino la scuola, la ha amata, ha rappresentato in un certo senso il keating della situazione, e il suo carpe diem non è che un invito alla scoperta della magia che la letteratura cela, e che la scrittura aiuta a svelare. Interessante, scritto da uno tra i principali autori francesi contemporanei.

  • User Icon

    Massimo F.

    31/05/2009 23:32:41

    Un lavoro a metà tra il saggio, riflessioni, racconti di vita vissuta. Molto arguto, ironico e ben scritto.

  • User Icon

    Marek

    20/04/2009 23:44:20

    Primo libro di pennac per me..!Molto interessanti soprattuto il quinto e sesto capitolo!Ammetto che la lettura non è stata molto scorrevole!!!ora ritroverò pennac in "come un romanzo"!

  • User Icon

    DonCoca

    08/04/2009 16:28:44

    un ottimo libro. leggendo queste pagine, rivivo alcune pagine della mia vita scolastica. mi rivedo perfettamente in quel ke dice l'autore. soprattutto mi è piaciuto il capitolo "diventare", mi ritrovo in accordo su tutto quello ke dice. a volte, però, si perde in giri di parole ke secondo me sn inutili. resta comunque un bel libro.

  • User Icon

    betti80

    13/02/2009 12:05:59

    Anche i somari prima o poi smettono di esserlo grazie a professori che ti aiutano a capire che hai le capacità di toglierti da dosso quell'etichetta che ingiustamente è stata tua per molto tempo,chi non è stato un somaro e poi salvato da prof.veri non può capire i sentimenti dell'autore e ciò che denuncia nel suo libro.

  • User Icon

    Oz

    05/02/2009 00:36:38

    Purtroppo non posso dare il voto che vorrei a uno dei miei autori preferiti. Nonostante abbia iniziato la lettura della sua ultima fatica con tutto l'entusiasmo possibile, sono incappato in una storia tediosa, priva dell'arguzia e della genialità che trapela dalle sue altre opere. Speravo di trovare una rievocazione scanzonata e inverosimile degli anni di scuola, e invece il libro non è altro che una raccolta di riflessioni, confuse e a volte noiose, sul ruolo dell'insegnante, sulla scuola, sui "somari". Non mancano i momenti piacevoli, certo, ma sono troppo pochi per salvare l'intera opera. Peccato.

  • User Icon

    silvia

    17/11/2008 17:32:43

    Deludente per la firma che porta... cmq sono convinta che Pennac sia un grande scrittore per questo ho deciso di leggere la saga della famiglia Malaussene forse più propriamente nel suo stile così da avere dei suoi libri un bel ricordo... questo purtroppo è davvero riduttivo e poco coinvolgente

  • User Icon

    Flavia

    05/11/2008 10:11:40

    Bello, si legge in un lampo. Alcuni spunti strappano un sorriso al somaro che c'è in noi.

  • User Icon

    Francesco

    30/10/2008 22:03:16

    Pennac non ha uno stile particolarmente ricercato, ma è anche la sua forza: si legge, eccome se si legge! Bella idea che sostanzialmente mantiene le promesse. In alcuni frangenti la lettura si appesantisce, ma ecco pronto il coniglio dal cilindro che ti fa annuire con la testa strappandoti anche la risata o, ancora meglio, un sorriso.

  • User Icon

    Fausto

    08/10/2008 15:33:30

    Chi ha valutato negativamente questo libro o non è mai stato a scuola oppure fa finta di non esserci mai stato. E' vero, in alcuni momenti Pennacchioni (il vero cognome di Pennac) non è lineare, ma l'apprendimento lo è? La scuola lo è? Chi non ha mai avuto difficoltà scolastiche non riuscirà ad apprezzar appieno questo libro, ma tutti i genitori, i fratelli, gli amici di chi, almeno per un po', è stato "somaro", lo avranno nel cuore.

Vedi tutte le 67 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione