Topone PDP Libri
Dicerie e pettegolezzi. Perché crediamo in quello che ci raccontano - Sergio Benvenuto - copertina
Salvato in 8 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Dicerie e pettegolezzi. Perché crediamo in quello che ci raccontano
8,00 €
LIBRO USATO
8,00 €
disp. in 2 gg lavorativi disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 4,90 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
ibs
8,84 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,84 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
8,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Dicerie e pettegolezzi. Perché crediamo in quello che ci raccontano - Sergio Benvenuto - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Corre voce che segni tracciati sul muro di casa siano opera di zingari o ladri. Oppure si dice che una moneta arrugginita immersa nella coca-cola perda la ruggine, che raccogliendo cinquanta chili di scontrini fiscali si può far avere un cane-guida a un cieco, oppure ancora che la Stella di Natale avvelena i bambini poiché essi, attratti dal rosso delle sue foglie, le toccano e poi si mettono le dita in bocca. Leggendo questo libro scopriremo che le dicerie diventano popolari proprio perché si pongono come un sapere e non una fantasia; che proprio per questo molte cose che sappiamo quanto a fondatezza hanno i piedi d'argilla.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2000
3 novembre 1999
160 p.
9788815073280

La recensione di IBS

Nel momento attuale, caratterizzato dal predominio e dalla diffusione globale dell'informazione, pochi libri appaiono tanto opportuni quanto questo interessante saggio di Sergio Benvenuto dedicato alla diceria e al pettegolezzo. Vi si analizzano il variegato mondo delle voci e delle notizie fantasiose e senza fondamento, partendo dai meccanismi con cui nascono e si diffondono, considerando i motivi che le rendono attendibili, per poi giungere alla tesi finale secondo cui il motore della diceria è un desiderio non riconosciuto: "in particolare, vanno a produrre dicerie quei desideri che non ammetteremmo mai che diventino realtà". Il tutto in nove capitoli ricchi di analisi psicologiche, sociologiche e antropologiche, di ipotesi, interpretazioni e ampie casistiche, in cui si coniugano magistralmente serietà, rigore scientifico e una prosa semplice e di piacevole lettura. Tra i temi toccati dall'autore, psicologo presso il Cnr di Roma e direttore del prestigioso "Journal of European Psychoanalysis", la pulsione a pettegolare, la diceria come memoria, dicerie "rosa" e filantrope, dicerie interpretanti, retorica della diceria.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Sergio Benvenuto

Sergio Benvenuto è uno psicoanalista e un filosofo, ricercatore in Psicologia Sociale al CNR a Roma e direttore dell’European Journal of Psychoanalysis. Tra i suoi titoli si ricordano Accidia. La passione dell'indifferenza. I 7 vizi capitali (Il Mulino, 2008), Lo jettatore (Mimesis, 2011), Sono uno spettro ma non lo so (Mimesis, 2013), Leggere Freud. Dall'isteria alla fine dell'analisi (Orthotes, 2017) e Godere senza limiti. Un italiano nel maggio '68 a Parigi (Mimesis, 2018).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore