Dieci (possibili) ragioni della tristezza del pensiero

George Steiner

Traduttore: S. Velotti
Editore: Garzanti Libri
Collana: Le forme
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 08/03/2007
Pagine: 87 p., Rilegato
  • EAN: 9788811597735
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,94

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    03/03/2018 17:52:55

    L'uomo, ancor prima della modernità, si è posto pressanti domande sull'esistenza, la moralità, il divino...Su queste domande egli ha generato, nei secoli, sistemi " teologici e metafisici affascinanti, per la loro sottigliezza, e suggestivi per la loro forza propositiva". Eppure "rispetto a Parmenide o a Platone, noi non ci siamo avvicinati di un centimetro a una qualsiasi soluzione verificabile dell'enigma della natura". L'uomo continua a domandarsi se l'universo ha uno scopo, oppure no, se la morte è definitiva o meno, se esiste o no Dio... Il nostro pensiero non riesce a sciogliere questi nodi. L'autore vede in questo una delle dieci ragioni per cui il nostro pensiero poggia su un fondo di tristezza o melanconia.

  • User Icon

    Guglielmo

    29/09/2012 11:55:36

    In dieci capitoletti Steiner riorganizza tutto ciò che abbiamo (o non abbiamo) pensato sul pensiero, avvicinandocelo mentre ci dimostra quanto siamo lontani dalla conquista dell'essenza del nostro essere. Un libretto fondamentale, da lettere e rileggere, da pensare e ripensare.

  • User Icon

    Xanthos

    19/06/2008 12:28:57

    Ho trovato il libro non di facilissima lettura, non perchè sia scritto male(anzi!), quanto piuttosto per le sottili implicazioni dei significati trattati. Un libro sicuramente da leggere se si vuole mettere ordine o tentare di chiamare per nome una certa inquietudine che spesso possiamo incontrare (inquietudine tra le più sane del resto). Non ci sono soluzioni finali. Non c'è una ricetta per ovviare a queste tristezze, quindi non prendetelo come un manuale, prendetelo come alta letteratura, quella che si lascia completare dalla sensibilità e dalla vita stessa del lettore.

Scrivi una recensione