Dimmi che credi al destino - Luca Bianchini - copertina

Dimmi che credi al destino

Luca Bianchini

Scrivi una recensione
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 12 maggio 2015
Pagine: 262 p., Brossura
  • EAN: 9788804650553
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,18

€ 17,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ornella ama i cieli di Londra, il caffè con la moka e la panchina di un parco meraviglioso dove ogni giorno incontra Mr George, un anziano signore che ascolta le sue disavventure, legate soprattutto a un uomo che lei non vede da troppo tempo, e che non riesce a dimenticare. A cinquantacinque anni, Ornella si considera una campionessa mondiale di cadute, anche se si è sempre saputa rialzare da sola. Per fortuna può contare su Bernard, il suo vicino di casa, che la osserva da lontano e la conosce meglio di quanto lei conosca se stessa. L'ultima batosta, però, è difficile da accettare. La piccola libreria italiana che dirige nel cuore di Hampstead - dove le vere star sono due pesci rossi di nome Russell & Crowe - rischia di chiudere: il proprietario si è preso due mesi per decidere. Lei, che sa lottare, ha imparato anche a lasciarsi aiutare, e così chiama in soccorso la Patti, la sua storica amica milanese inimitabile compagna di scorribande - che arriva in città con poche idee e tante scarpe, ma sufficiente entusiasmo per trovare qualche soluzione utile a salvare l'Italian Bookshop. La prima è quella di assumere Diego, un ragioniere napoletano bello e simpatico, che fa il barbiere part-time, ha il cuore infranto e le chiama guagliuncelle. Ma proprio quando la libreria ha più bisogno di lei, il destino riporterà Ornella in Italia, a bordo di una Seicento malconcia guidata in modo improbabile dalla Patti.
2,86
di 5
Totale 36
5
8
4
4
3
8
2
7
1
9
  • User Icon

    Silvia

    19/09/2018 07:47:14

    Libro molto bello. All'inizio la storia mi sembrava un pochino noiosa ma poi andando avanti a leggere mi sono sentita coinvolta in questa storia e non vedevo l'ora di arrivare alla fine per sapere cosa sarebbe successo ad Ornella. Consigliatissimo.

  • User Icon

    marta

    18/11/2016 17:01:29

    L'ho trovato deludente...

  • User Icon

    Maria Cristina

    19/01/2016 21:01:23

    Caro Bianchini, mi sei simpatico, ma da uno scrittore ormai di fama mi aspetto almeno qualche emozione che resti nel tempo. Invece: trama banale, personaggi improbabili, scrittura così così. Dai impegnati un po' di più che ce la puoi fare. Alla prossima. Maria Cristina

  • User Icon

    teresa

    03/01/2016 08:19:19

    ...solitamente chi decide di andare a Parigi é in cerca del sogno? a Londra si decide di andare per scappare da qualcosa di rotto, da un amore finito male.. Ornella è fuggita a Londra con la voglia di ricominciare...... Libro piacevole.

  • User Icon

    ant

    31/10/2015 18:38:12

    Luca Bianchini Dimmi che credi nel destino Un libro, che a mio avviso, vuole raccontare fondamentalmente la storia di una libreria che ha le ore contate e allo stesso tempo di un gruppo di persone, dai caratteri e dalle peculiarità più disparate, unite insieme dal destino e che si uniscono per tenere in vita il negozio di libri, tutto ciò ha come location Londra. C'è Ornella con un passato burrascoso di ex tossicodipenedente, c'è Clara che da quando vive a Londra detesta tutto ciò che è italiano, c'è Diego che ha ancora non ha capito se sia attratto dalle donne o dagli uomini, poi Bernard, MrGeorge etc. Le digressioni personali di tutti questi personaggi s'intersecano alla perfezione e poi, concludo, c'è Londra col suo clima e ciel variabile a far sì che tutto possa assumere connotati o colori diversi. Estrapolo un passaggio che parla propro del cielo di Londra: """Il cielo di Londra sembra fatto per raccontare l'amore. Cambia continuamente, anche quando ti illude con una giornata piena di azzurro, ecco che qualche nuvola compare all'orizzonte, si mette a correre veloce, e di colpo la luce è buio, e la pioggia si mischia alle tue lacrime. Poi per fortuna passa, passa tutto, ma nel momento in cui ti trovi in mezzo alla tempesta ti dimentichi com'era prima e di come sarà""". Simpatico

  • User Icon

    Isa

    27/09/2015 16:54:11

    "Se non fosse andata lì, non avrebbe mai incontrato un'amica cosi' speciale, e pazienza se aveva dovuto pagare un prezzo alto. Le grandi amicizie sono comunque dei lussi."

  • User Icon

    lalla

    24/09/2015 15:57:57

    Mi è piaciuto molto perchè scritto molto bene e scorrevolissimo. Una storia intima e profonda. Da leggere.

  • User Icon

    lau

    24/09/2015 13:48:47

    un libro bellissimo....mi ha commosso. Pieni voti come sempre, bravo Luca!!

  • User Icon

    annalisa

    18/09/2015 12:31:01

    Tanto rumore per nulla!! i primi romanzi sono decisamente più accattivanti e coinvolgenti.

  • User Icon

    Federica

    05/09/2015 22:52:33

    Meno bello dei precedenti romanzi, inizialmente mi ha un po' delusa poi andando avanti nella lettura mi sono ricreduta almeno in parte. Personaggi descritti molto bene a livello interiore...tutti hanno una seconda possibilità quindi alla fine è una lettura leggera ma piacevole.

  • User Icon

    silvia

    02/09/2015 17:03:45

    Il nuovo Bianchini non mi ha entusiasmato. In questo romanzo, i luoghi comuni sono un tantino troppi e l'aspetto psicologico non convince. Rimane una lettura piacevole che consiglio.

  • User Icon

    sergio

    31/08/2015 22:04:03

    Bianchini ha provato a strafare, ad essere chi non è: uno scrittore. Prima era solo un autore di romanzetti fiacchi e buonisti da gustare (?) sotto l'ombrellone, ma con questo libro ha cercato di alzare il livello psicologico, drammaturgico, filosofico cercando, secondo più o meno imprecisate regole di relazione tra il cerchio e la botte, di rimanere facilmente identificabile dai suoi fedelissimi. Il risultato non si limita a essere una chimera inquietante ma varca la soglia dell'umanamente tollerabile e rappresenta il capitombolo rovinoso (e definitivo?) di un individuo che oltre a dimostrare, come in passato, di non saper scrivere, per un eccesso di confidenza o per un abbassamento della soglia del pudore ha creduto di saper pensare, tirandosi la zappa sui piedi.

  • User Icon

    maria grazia

    27/08/2015 16:44:22

    Non mi è piaciuto , niente a che vedere con quelli pubblicati precedentemente.

  • User Icon

    Elena

    27/08/2015 12:19:18

    e' il primo libro che leggo di Bianchini, mi ha incuriosito perchè è torinese e a me non è dispiaciuto. Storia leggera per carità, ma piacevole perchè scorrevole e ben "intrecciato"...

  • User Icon

    Giovanna Maria

    24/08/2015 21:37:41

    Assolutamente no. Incontrato di persona, simpaticissimo e ottimo intrattenitore, ma il libro non mi era piaciuto per nulla, e gliel'ho detto. Vuoto, misero, banale. Ho preferito di gran lunga Io che amo solo te (e seguito)Speriamo sia solo una ciambella non riuscita, per quel prezzo intendo leggere almeno al livello dei precedenti. Delusa.

  • User Icon

    Pierfrancesco

    13/08/2015 14:59:33

    ottimo libro è libro che leggo di questo autore devo dire la scrittura è molto scorrevole, ho notato che a volte la storia che viene narrata ha dei punti un pò scoperti ma nella totalità direi che pè stto un buon acquisto

  • User Icon

    paola

    08/08/2015 14:51:50

    belissimo romanzo,scorrevolismo e profondo, consigliabilissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Giorgia

    05/08/2015 17:57:27

    Luca Bianchini non delude mai. E' un autore che seguo fin dal suo esordio con "Instant Love" e quello che me lo fa amare incondizionatamente è che in questi anni i suoi libri sono cresciuti, con lui e con i suoi lettori. Dagli amori acerbi di Viola e Daniele siamo piano piano arrivati a quelli più maturi e ingarbugliati di "Io che amo solo te" dei genitori degli sposi Chiara e Damiano. La scrittura si è fatta più raffinata e pungente e le riflessioni più profonde. I personaggi hanno acquistato maggior spessore e le storie sono diventate sempre più coinvolgenti. E anche quest'ultima fatica porta la sua preziosa firma.

  • User Icon

    sara

    05/08/2015 12:27:17

    Nonostante la passione nei confronti dei ns bravi scrittori italiani, questo romanzo di Bianchini mi è piaciuto relativamente. Come hanno riscontrato in molti, sembra quasi scritto per contratto, e alcuni personaggi son buttati li per buttare via via pagine. Il fatto che poi, strizzi sempre l occhio a un pubblico gay, con figure che sono omosessuali ma fanno finta di nn esserlo mi ha veramente un po' stancato.

  • User Icon

    cri

    23/07/2015 11:15:50

    Speravo in meglio dopo aver letto e consigliato "Io che amo solo te" invece...la scrittura è sempre scorrevole, ma la storia davvero poco interessante..

Vedi tutte le 36 recensioni cliente



Il cielo di Londra sembra fatto per raccontare l’amore. Cambia continuamente, e anche quando ti illude con una giornata piena di azzurro, ecco che qualche nuvola compare all’orizzonte, si mette a correre veloce, e di colpo la luce è buio e la pioggia si mischia alle tue lacrime.

Londra chiama e Ornella risponde. Un giorno decide di abbandonare la sua città, Verona, e di rifugiarsi nella città d’oltremanica che offre a tutti un riscatto. Evidentemente non è stato sufficiente. I fantasmi del passato, che credeva aver cancellato per sempre, sono tornati e chiedono una resa dei conti.
A Londra, la cinquantacinquenne Ornella è pronta a dimenticare il marito e a ricominciare da zero aprendo una piccola libreria: l’Italian Bookshop che gestisce con passione e dedizione. Insieme alla collega Clara, dedica ai libri le sue giornate, intervallate da tante passeggiate un po’ di solitudine. L’unico a interessarsi a lei, è il vicino di casa Bernard che la osserva da lontano, aspettando di essere notato.
La città, però, non le riserva soltanto grandi opportunità, ma anche enormi sfide. La crisi economica colpisce anche la sua libreria. Il proprietario è determinato a venderla per farne un ristorante.
L’unica speranza per risollevare le sorti dell’attività potrebbe essere quella di incrementare le vendite. E Ornella non può far altro che chiamare La Patti, l’esuberante ed eccentrica amica milanese – conosciuta anni prima in una clinica di disintossicazione – che l’aiuta a prendere nuove decisioni, tra cui quella di assumere il barbiere che lavora di fronte, un giovane ragioniere napoletano dal cuore infranto.
Un giorno però Ornella è costretta all’ennesimo cambiamento e ritorna a Verona per chiudere una volta per tutte con il passato. Inizia una nuova sfida, una nuova avventura durante la quale la presenza e il supporto di Patti si rivelano vitali. Partono alla conquista della libertà. Una libertà diversa, più ragionata e radicale. Una libertà più autentica.
Con un delicato tocco dalla distintiva ironia – questa volta tinta da humor inglese – Bianchini popola il suo nuovo romanzo tratto da una storia vera, di personaggi più maturi che portano con sé riflessioni più lente, con un peso specifico maggiore e forse accumulato dalle esperienze vissute nel corso della vita. Personaggi accomunati dalla volontà di far chiarezza, di dissolvere ogni tormento e di riportare una volta per tutte il sereno.

  • Luca Bianchini Cover

    Luca Bianchini è uno scrittore italiano, originario di Torino. Ha pubblicato con Mondadori Instant Love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), la biografia di Eros Ramazzotti, Eros. Lo giuro (2005), Se domani farà bel tempo (2007), Io che amo solo te (2013), Dimmi che credi al destino (2014), Nessuno come noi (2017) e So che un giorno tornerai (2018).Dal 2007 conduce all'alba su Radio 2 la trasmissione Colazione da Tiffany. Scrive su «Vanity Fair», per cui tiene il blog «Pop up», e su «la Repubblica» nelle pagine di costume. Approfondisci
Note legali