Il Dio di Machiavelli e il problema morale dell'Italia - Maurizio Viroli - copertina

Il Dio di Machiavelli e il problema morale dell'Italia

Maurizio Viroli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 20 ottobre 2005
Pagine: XXXVI-312 p., Rilegato
  • EAN: 9788842074984
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 70,00

Venduto e spedito da Libreria Fernandez

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Né ateo né pagano, come lo ha interpretato tanta parte degli studi, il Machiavelli di Viroli trova il suo Dio nel cristianesimo repubblicano che viveva a Firenze. Una tradizione fondata sul principio per cui il vero cristiano è il buon cittadino che serve il bene comune e la libertà. Dio partecipa alla vicenda umana, sostiene e premia chi governa con giustizia, vuole che gli uomini operino per rendere la città terrena simile alla città divina. Machiavelli delinea una religione della virtù senza la quale le libere repubbliche non potrebbero nascere, né esistere, né difendersi dalla corruzione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Che le opere di Machiavelli abbiano uno scopo educativo è evidente a ogni lettore del Principe dei Discorsi o dell'Arte della guerra: “la forza della parola” permette di esortare all'azione e d'invocare una futura riforma della politica e della morale. In tal senso l'eloquenza machiavelliana rimanda alla rivalutazione umanistica della retorica e nello stesso tempo agli slanci profetici di Gerolamo Savonarola. Proprio a una dimensione oratoria e omiletica fa riferimento il saggio che Maurizio Viroli dedica alla “religiosità tipicamente cristiana” di Machiavelli insistendo però sulle sue sfumature civili. Riformare politica e morale infatti significa innanzitutto riformare la religione che per Machiavelli non è semplice maschera o instrumentum regni ma coincide invece con la carità di patria l'amore della virtù e del bene comune il culto della libertà repubblicana. Viroli ricostruisce la genealogia medievale e umanistica di questo “ideale del cittadino cristiano” unito nei Discorsi machiavelliani a una feroce critica non della religione ma della “cattiva religione” della chiesa romana che “ha reso gli italiani cattivi”. Le buone leggi e la libertà formano allora “l'ethos civile della religione” una religione interiore e strettamente legata al “sentimento del dovere”. Non stupisce che questo Machiavelli intimamente savonaroliano si proietti sul versante “puritano” della cultura occidentale in una discendenza che va ben oltre le censure controriformistiche. Sono infatti le voci di Bruno e degli illuministi di Alfieri Foscolo Gioberti e Leopardi a chiudere con brillante rassegna il saggio di Viroli: richiami secolari alla profezia machiavelliana di una religione della “bontà” civile e della virtù che ispirerà anche la dottrina politica dei primi patrioti americani e (ancora in Italia) il liberalismo di Croce e Gobetti.


Rinaldo Rinaldi

  • Maurizio Viroli Cover

    Maurizio Viroli, Senior Fellow del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri e direttore dell'Istituto di Studi Mediterranei dell'Università della Svizzera italiana di Lugano, insegna teoria politica all'Università di Princeton. Dirige il Master in Civic Education presso ETHICA, ad Asti, è stato consulente della Presidenza della Repubblica durante il settennato di Carlo Azeglio Ciampi e ha coordinato il Comitato per la valorizzazione della cultura della Repubblica presso il Ministero dell'Interno. Approfondisci
Note legali