Dioniso. Archetipo della vita indistruttibile - Károly Kerényi - copertina

Dioniso. Archetipo della vita indistruttibile

Károly Kerényi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: L. Del Corno
Curatore: M. Kerényi
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 gennaio 2010
Pagine: 518 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788845924644

59° nella classifica Bestseller di IBS Libri Religione e spiritualità - Altre religioni non cristiane - Religioni e mitologie antiche

Salvato in 309 liste dei desideri

€ 23,75

€ 25,00
(-5%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

Solo una copia disponibile

+ 3,85 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 23,75

€ 25,00
(-5%)

Punti Premium: 24

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 25,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Nell'interpretazione di Dioniso Kerényi sconvolse la traccia storica tradizionale, l'origine del dio dalla Tracia... Egli poteva ricondurre tutto il mondo dionisiaco alle origini minoiche della civiltà greca. Dal secondo millennio a.C. Dioniso era stato vivo! Rappresentava il terrore ebbro e creatore. Dal terrore panico nasce lo Stato, diceva Platone: dall'anarchia micidiale nasce il bisogno di coesione e unità". (Elémire Zolla)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Un classico

    20/09/2019 11:35:23

    Uno dei piùinteressanti "Dioniso" mai scritti. La grande sensibilità di Kerény è tanto affine a quella greca da rendere limpida la sua esposizione. Sono sempre presenti i riferimenti ai testi, nonché delle illuminanti osservazioni sull'arte figurativa cretese, da cui il libro prende le mosse. Essenziale è la componente naturalistica della religione greca arcaica, per l'autore, al fine di comprendere l'essenza della divinità dionisiaca. Più che consigliato! (Inoltre è piacevolissima, sia esteticamente che al tatto, l'edizione Adelphi)

  • User Icon

    Teofilatto Dei Leonzi

    22/04/2019 09:01:12

    Il classico dei classici sull'argomento, il testo con cui volenti o nolenti tutte le interpretazioni sull'origine e lo sviluppo del culto di Dioniso devono confrontarsi. Ci sono lampi di autentico genio in queste pagine, è emozionante seguire l'evolversi del culto dalla divinità del miele minoica al dio del vino ad Atene e in Magna Grecia, fino a sfociare nel mondo romano come religione universalistica. Certamente la tesi della "zoé" dionisiaca come archetipo junghiano è forte, e l'addetto ai lavori forse sarà un po' più prudente nel riconoscerla come essenza di ogni manifestazione del culto dionisiaco, ma il Kerenyi resta ancora il testo di riferimento sia per accoglierne le tesi sia per rifiutarle. Manca ancora un successore di questo spessore, il Jeanmaire è un bel compendio ma ancora nessuno ha avuto l'ardire di proporre una nuova tesi a 360° sul dio. Ho letto l'edizione del "ramo d'oro" di Adelphi, ma per fortuna ne hanno fatta una più economica.

  • Károly Kerényi Cover

    ungherese di nascita, è stato uno tra i più illustri interpreti del pensiero mitologico e filosofico antico, e tra i più auterovili storici delle religioni classiche. Tra le sue opere ricordiamo, pubblicate da Bollati Boringhieri: Prolegomeni allo studio scientifico della mitologia (2012) con C. G. Jung, Figli del sole (2014) e Nel labirinto (2016). Approfondisci
Note legali