Discutere e pensare. Un approccio retorico alla psicologia sociale

Michael Billig

Traduttore: M. Bonaiuto
Collana: Nautilus
Anno edizione: 1999
Pagine: XXVI-454 p.
  • EAN: 9788870785722
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 24,00

€ 32,00

Risparmi € 8,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

24 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Maghini, A. L'Indice del 2000, n. 04

Discutere e pensare non presenta numeri, grafici e tabelle, bensì storie, racconti e narrazioni - anche divertenti, sempre interessanti - per mezzo dei quali viene sviluppato il tema del libro, ovvero, come indica il sottotitolo, un approccio retorico alla psicologia sociale. Molti sono gli elementi che accomunano la retorica e la psicologia sociale: alcuni dei problemi studiati dai moderni psicologi erano già stati affrontati dai retori del passato. In altre parole, Billig riprende l'antica tradizione della retorica per argomentare - con intelligenza e ironia - contro quelle teorie cognitiviste che considerano il pensare un silenzioso processo di elaborazione delle informazioni e vedono poi gli atteggiamenti come strutture di significato interne all'individuo. L'approccio retorico invece non concepisce gli atteggiamenti nell'ottica di una psicologia interiore ma, al contrario, come dotati di significati esteriori - in questo senso "retorici" - e implicanti una presa di posizione in una controversia. Il significato della posizione occupata è dato sia da ciò che viene affermato sia da ciò che viene respinto. Ogni argomentazione cerca infatti di escludere le asserzioni contrarie per avvalorare se stessa, e questo rende evidente l'inevitabile interconnessione di affermazione e negazione. Gli antichi retori - Protagora ad esempio - già avevano rilevato l'importanza dell'argomentazione, e proprio in questa direzione si colloca Discutere e pensare, che, criticando la psicologia sociale scientista, rifiuta l'idea di una verità unica per proporre una visione di dialogo e discussione delle opposte tendenze.

Alessandra Maghini