La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale - Fabio Paglieri - copertina

La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale

Fabio Paglieri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 14 maggio 2020
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788815286369
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale

Fabio Paglieri

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale

Fabio Paglieri

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La disinformazione felice. Cosa ci insegnano le bufale

Fabio Paglieri

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Elefanti nani, inesistenti regni medievali, parodie politiche scambiate per vere, panzane virali e dibattiti privi di senso sui social media. Le bufale un tempo erano oggetto di curiosità, bizzarri orpelli della credulità umana di cui discutere fra il serio e il faceto. Oggi causano allarme sociale, come ci dimostra la cronaca recente: la baraonda digitale prodotta dal diffondersi di un'epidemia può minare alla radice i tentativi di combatterla, o al contrario facilitare una risposta collettiva sensata ed efficace. Perché la disinformazione online è soprattutto il sintomo di cambiamenti radicali nelle nuove tecnologie di comunicazione. Convivere felicemente con tutto questo è possibile, e persino necessario. Per farlo, bisogna considerare le bufale non spazzatura di cui sbarazzarsi, ma piuttosto fantastici laboratori su cui affinare le nostre competenze. Una proposta originale per orientarsi meglio nella nuova ecologia dell'informazione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Egome

    09/06/2020 17:07:25

    Bufale o fake news sono termini che caratterizzano molte vicende e cronache di questi ultimi tempi, alimentate dallo stragrande utilizzo dei media, indubbiamente diffusori e talvolta ‘distorsori virali’ delle informazioni : i media, l’on-line, risultano una rete ‘epistemica’ di algoritmi conoscitivi condizionanti. L’autore, nella premessa, provocatoriamente sostiene che le bufale sono ‘un patrimonio da valorizzare’, un patrimonio che caratterizza una società libera e democratica, che non deve far paura e che anzi va considerato come stimolo forte ad una chiarimento e approfondimento conoscitivo, indispensabile per la formazione di una opinione individuale. In pratica, ogni ‘escursione in rete costituisce una importante occasione educativa’ Pochi immaginano che le bufale sono sempre esistite, volontarie o involontarie, intese come paralogismi (ragionamenti , riferimenti sbagliati con apparenza di verità e creduti veri anche da chi li riporta) o sofismi ( idem come sopra, ma con ‘dolo’ da parte di chi li divulga, che ben ne conosce la falsità o inesattezza). In tal senso Paglieri , che dimostra grande preparazione e professionalità sulla materia , si dilunga in esempi ‘storici’ ( gli elefanti nani della Sicilia, il regno ricchissimo, fantastico ma inesistente di prete Gianni, la California, inizialmente considerata un’isola…), non trascurando riferimenti al mondo della politica e della informazione attuali. Il tutto con dovizie di particolari ed analisi tematiche che, per la loro complessità di argomentazione, spesso sembrano più indirizzati agli addetti ai lavori, piuttosto che ad un occasionale lettore curioso. Questo a mio parere il limite (o il pregio ?) di questo interessante, rigoroso ed attualissimo saggio.

Premessa
I. Archeologia e anatomia della disinformazione
1. Bufale che lasciano il segno.
2. Figli di una bufala minore: Empedocle, i Ciclopi e gli elefanti nani.
3. Il regno che non c’era.
4. Sognando California.
5. Elementi di anatomia della disinformazione.
II. La famosa invasione delle bufale in rete
1. Le bufale nel terreno fertile dei social network.
2. L’insostenibile leggerezza dell’essere online.
3. Dagli amici di Facebook mi guardi Iddio…
4. Apocalittici da reintegrare.
III. Cosa non fare con le bufale
1. I benintenzionati producono disastri: debunking e polarizzazione.
2. Chi è senza peccato sveli la prima bufala: confirmation bias come male comune.
3. Oltre la semplificazione.
IV. A scuola di disinformazione
1. Contro lo spreco: chi trova una bufala trova un tesoro.
2. Conoscenza e complessità: atteggiamenti epistemici e valutazione dell’informazione.
3. Tecnologie anti-bufala: da errori madornali a soluzioni minimali.
4. Il buon governo della disinformazione: prospettive politiche ragionevoli.
Epilogo: da Cappuccetto Rosso a Pollicino
Riferimenti bibliografici
Note legali