Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Disturbo della quiete pubblica - Richard Yates - copertina

Disturbo della quiete pubblica

Richard Yates

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Mirella Miotti
Editore: Minimum Fax
Collana: Minimum classics
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 15 novembre 2004
Pagine: 285 p., Brossura
  • EAN: 9788875210267
Salvato in 49 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Disturbo della quiete pubblica

Richard Yates

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Disturbo della quiete pubblica

Richard Yates

€ 12,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Disturbo della quiete pubblica

Richard Yates

€ 12,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lo sguardo penetrante e la scrittura precisa e implacabile che hanno aperto la strada a Raymond Carver e Richard Ford tornano a dissezionare l'apparente normalità della middle class americana, ma con toni ancora più drammatici: sullo sfondo dell'ottimismo e della prosperità dell'era Kennedy si disegna la storia dell'ambizione frustrata - e della discesa nella follia - di John Wilder, impiegato che sogna il successo come produttore cinematografico e invece conoscerà soltanto l'angoscia dell'ospedale psichiatrico e le manipolazioni di Hollywood. Introduzione di A. M. Homes.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,38
di 5
Totale 13
5
6
4
6
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mary

    20/09/2019 13:21:42

    Prima esperienza con questo autore, devo dire che ne esco più che soddisfatta. Definire "bello" questo libro suona quasi fuori luogo, nel senso che il tema è impegnativo e il clima che pervade la lettura non è precisamente piacevole, eppure è veramente ben scritto, capace di trascinare anche il lettore nel gorgo di follia e disperazione in cui cade John. Bellissima la parte finale, metaletteraria e affascinante, nonché i deliri delle ultime pagine. Un libro che lascia poco spazio alla speranza, ma che dipinge alla perfezione un'epoca e una caduta ineluttabile.

  • User Icon

    Olga

    10/03/2019 10:21:58

    Richard Yates in questo romanzo imperdibile mette in risalto con estrema maestria tutte le incongruenze e le ipocrisie della “perfetta” famiglia americana, trasmettendo il senso di insoddisfazione del suo protagonista. Un libro la cui trama è accostabile ad ogni tempo e ad ogni contesto. Imperdibile per lo stile inconfondibile di Yates, per il modo in cui riesce a descrivere l’infrangersi del Sogno americano e per il fatto che, alla fine, non da’ colpe né giudizi.

  • User Icon

    Chiara R.

    05/02/2019 15:18:08

    La scrittura di Richard Yates è chirurgicamente perfetta da risultare quasi asettica - seppur in senso buono s'intende - brillante e totalmente onesta, a tal punto di squarciare veli e mostrare tutte le brutalità possibili semplicemente perché Richard Yates è uno scrittore che rompe schemi e convenzioni e non si vergogna di certo a mostrare i lati più oscuri dell'essere umano. Il protagonista di "Disturbo della quiete pubblica" è John Wilder, un uomo apparentemente di successo e appartenente alla middle-class americana che al ritorno da un breve viaggio di lavoro, si ritrova rinchiuso in un reparto ospedaliero interamente dedicato ad uomini violenti. John Wilder non può infatti tornare a casa sua, semplicemente per paura di fare del male ai suoi cari e in quelle due settimane di ricovero forzato, comprende così tante cose sul suo conto che non durante una vita intera, che all'improvviso tutto viene messo in discussione.

  • User Icon

    stefano

    25/09/2014 17:25:37

    Si tratta di un romanzo che lascia disorientati e rattristati. La parabola esistenziale del personaggio, tra sogni di ricchezza, riscatto, voli pindarici con la fantasia e poi la dipendenza dall'alcool, gli scatti furiosi, i ricoveri e la sensazione che il crollo sia lì dietro l'angolo, rendono la lettura un' esperienza quasi dolorosa. Si avverte tutta la tensione dell'autore, la sua conflittualità con il mondo, la sua ricerca dell'autenticità attraverso la scrittura ed il desiderio di trasmettere al lettore tutta la sua delusione e rabbia nei confronti dell' american dream. Un romanzo scritto con l'anima.

  • User Icon

    ilaria

    19/01/2014 15:09:40

    Mi ripeto ma adoro Yeates e tutto cio' che scrive mi coinvolge e non annoia mai. Non e' il mio libro preferito forse perché come e' stato gia' detto da altri la cupezza della storia e' piu' dura da digerire della sua armonica malinconia a cui siamo abituati.I maestri comunque non si discutono

  • User Icon

    ilaria di martino

    02/12/2013 15:00:48

    Il secondo a mio parere miglior libro di Yates. Tragico, disperato libro. il protagonista spogliato di ogni sua dignita' sociale sopravvive alle finzioni degli altri, che vogliono scaricargli addosso come normalita', un dolore talmente muto e inconscio da lasciare paralizzato e inerme di fronte alla grettezza della vita. Scomodo e a volte disgustoso non per le descrizioni ma per i turbamenti interni che scatena. Non abbiamo forse provato anche noi a volte quelle sensazioni? Non le abbiamo messe a tacere con un pizzico di paura, perche' non volevamo soffermarcisi troppo?

  • User Icon

    armando

    09/05/2012 19:17:11

    A mio avviso non il miglior Yates (altri suoi lavori mi hanno colpito di più, come The Easter Parade, Revolutionary Road o Undici Solitudini), ma certamente questo è un libro da leggere.

  • User Icon

    Patroclo

    02/05/2011 18:52:24

    é il mio primo Yates e non so perché mi aspettavo il classico "Postmoderno" un pó freddo e iperintellettuale un pó alla Barth per dire (che pure ho apprezzato) e invece qui c'é tanta vita e un bel pó di sofferenza (parte della quale si suppone autobiografica), tanto che a me ha ricordato l'altro lato della medaglia di Bellow, insomma visto dalla parte dei perdenti o meglio del nevrotico che non sa superare le proprie nevrosi. ottimo romanzo, peraltro per niente invecchiato, e una stella tolta solo per qualche pagina finale che ho trovato superflu

  • User Icon

    la2884

    03/03/2009 12:53:24

    Splendido come tutti i libri di Yates, consigliatissimo!

  • User Icon

    matteo casali

    08/12/2006 17:35:18

    Forse questo è il romanzo più autobiografico di Yates.Se Revolutionary Road (1961) ha dato inizio in modo straordinario alla sua stagione letteraria, "Disturbo della quiete pubblica" (1975) pone fine con altrettanta cristallina durezza alla sua vita di scrittore e uomo. In tutti i personaggi presenti si riscontra un carattere, un riflesso opacizzato della vita dell'autore.A cominciare dalla malattia dell'alcolismo, tramandata di padre in figlio, che vedrà soccombere per un'intera vita Yates come John Wilder in preda per tutto il libro a "i semi dell'autodistruzione", all'incapacità di reagire a qualsivoglia situazione negativa.Paradossalmente l'uomo che detiene dentro di sé tutte le caratteristiche non solo per vivere dignitosamente,ma per emergere e distinguersi dalla massa,è imprigionato, relegato a schiavo dalla propria impotenza ad accettare il comune sentire,a reggere il confronto con gli altri.In un lento processo di annientamento,in cui l'angoscia e l'ansia divorano l'anima a John Wilder,agente pubblicitario di grande successo peraltro,prova inutilmente ad uscire dal suo stato depressivo passando da una seduta psichiatrica a una partecipazione agli alcolisti anonimi,da rapporti adulterini a pose famigliari tranquillizzanti,l'unico approdo sicuro rimane la bottiglia.Che l'umanità sia un legno storto lo si sa dai tempi di Caino,ma finendo di leggere questo romanzo non si può non notare come la società celata nella trama, sia oramai generatrice e istitutrice di uno stile di vita contrassegnato sostanzialmente da oggetti e denaro.Da tutto quello che può sostituire il rapporto umano,il conforto di una voce, la terapia del dialogo tra due persone.Non c'è spazio per pretenziose ambizioni cinematografiche da parte del protagonista,non c'è spazio per trovare in un'altra donna la forza di uscire dal vicolo cieco della disperazione.E'talmente crudo e reale il tono con cui viene vergata ogni pagina da farci credere che l'uomo è un'anomalia assurda e inumana, un errore nella catena evolutiva.

  • User Icon

    dylan

    15/11/2005 14:14:36

    una sottile linea divide la pazzia dalla cosidetta normalita. Chi è pazzo e chi no? Chi non segue i canoni della vita borghese può considerarsi pazzo? O è la vita borghese che ti può portare alla pazzia? Romanzo secondo me inferiore rispetto a "revolutionary road", ma si sta parlando di livelli altissimi di letteratura. Grande, grande Yates e grazie minimum fax!

  • User Icon

    il devoto

    30/12/2004 13:21:05

    bellissimo anche questo, come revolutionary road. Una scoperta per tutti gli italiani.

  • User Icon

    Libetta

    08/12/2004 19:13:01

    Rispetto a Revolutionary Road, libro splendido e pudico circa il disagio,Yates perde qui ogni ritrosia nel rappresentare l'infelicita'. La condizione interiore di malessere, profondamente radicata nel protagonista e che in un giorno come un altro decide di manifestarsi ed esplodere, e' crudamente data ed inesorabile, non serviranno la possibilita' della realizzazione del sogno, un nuovo innamoramento, mentalita' ed ambienti differenti con cui confrontarsi e, potendo, riappropriarsi del proprio. Il classico "non si puo' scappare da noi stessi", prima o poi verremo ripresi.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente
  • Richard Yates Cover

    Richard Yates nasce da Vincent, aspirante tenore diventato rappresentante della General Electric, e da Ruth, detta Dookie, scultrice sempre sul punto di sfiorare il successo. Dopo l'abbandono del marito, pur senza un soldo Dookie cerca di far frequentare ai figli scuole e ambienti che li rendano persone raffinate.Nel 1944, subito dopo il diploma, Richard viene arruolato e spedito in Francia. Comincia a leggere scoprendo Wolfe, Hemingway, Eliot e soprattutto Il grande Gatsby, che riterrà sempre, con Madame Bovary, il libro-chiave della tecnica narrativa.Congedatosi nel 1946, si sposa a New York; nel 1951 grazie a una piccola pensione assegnatagli per la lieve forma di tubercolosi contratta in servizio può tornare in Europa e dedicarsi per due anni e mezzo alla scrittura a tempo... Approfondisci
Note legali