Categorie
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2017
Pagine: 392 p., Brossura
  • EAN: 9788806233310
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Salvo rare eccezioni, i giudici di pace, io, non li posso vedere. Non è che abbia qualcosa contro di loro. Cioè, sì. È istintivo generalizzare, quando una categoria occasionalmente rappresentata da un cretino ti manda in bestia. E ve lo dice uno che appartiene a una categoria notoriamente bistrattata. Ma è chiaro che non puoi sparare a una classe intera per farne fuori qualcuno. Prendete i tassisti. Dice: Ce l'hai coi tassisti? No. Ma se la tua esperienza tassistica include una quota considerevole di tassisti stronzi, è probabile che sarai portato a pensare che la stronzaggine sia molto diffusa tra i tassisti. Senza che questo significhi che tutti i tassisti sono stronzi. Io, p. es., ho visto dei tassisti a Napoli - lo giuro - che raccomandavano ai turisti intronati cu togliersi il Rolex. Mi è addirittura successo, una sera che non sapevo più dov'ero, di prendere un taxi per disperazione (quelle sere in cui cerchi via Raspoli o Respoli, in quei quartieri labirintici che a una certa ora, neanche tarda, inspiegabilmente si svuotano, e benché tu sia quasi convinto che via Raspoli o Respoli sia dietro l'angolo, appena giri l'angolo via Raspoli o Respoli non c'è, e non c'è neanche un'anima a cui chiedere, anzi l'intero quartiere è sprofondato in un silenzio innaturale e vagamente satanico, così imbocchi una serie di stradine tutte uguali fra loro e continui a vagare finché ti dici che forse se8i tu che ricordi male perché la via non si chiamava Raspoli e nemmeno Respoli ma Rispoli, che però era il cognome del tuo professore di Applicazioni alle medie, al che sei disposto a pagare qualcuno, cioè un tassista, perché ti salvi da quell'incubo e ti conduca in via Raspoli o Respoli o Rispoli, se non altro per dimostrarti che esiste), e così quella volta appena ho visto passare un taxi l'ho fermato, ho comunicato la destinazione al tassista e quello s'è voltato e mi ha detto: «Guardi che via Fratelli Ruspoli è la seconda a sinistra, saranno trecento metri, se la faccia a piedi che risparmia». Questo per quanto riguarda le debite eccezioni.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    katia

    11/07/2017 19.52.03

    Quanto mi sei mancato avvocato Malinconico!!!!! Un libro bellissimo,ironico,coinvolgente,ricco di sfumature che soltanto uno scrittore come Da Silva può regalarci. Mi è dispiaciuto terminarlo,perchè adesso sono di nuovo prigioniera della sua mancanza.Diego,ti prego,non lasciarci a lungo senza il nostro avvocato!!!!

  • User Icon

    Ombretta

    04/07/2017 14.00.16

    Malinconico non si smentisce mai. Lui è un pò tutti noi ma solo fino ad un certo punto perchè per lui "comunque vada sarà un successo". Nella vita di tutti i giorni tanta fortuna è proprio rara. Ma leggere Diego De Silva è sempre un piacere.

  • User Icon

    Danilo G.

    20/06/2017 14.49.56

    Divertentissimo e molto profondo. Un capolavoro di leggerezza.

Scrivi una recensione