Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 20 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Dolore minimo
11,40 € 12,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Dolore minimo - Giovanna Cristina Vivinetto - copertina
Chiudi

Descrizione


Il «dolore minimo» del titolo esprime la complessa condizione transessuale pronunciata con grande potenza poetica, volta a infrangere il muro del silenzioso tabù culturale. La giovane autrice racconta la sua rinascita luminosa con versi, delicati e profondissimi al tempo stesso, che hanno fatto parlare Dacia Maraini e Alessandro Fo di un caso letterario. «Quando nacqui mia madre / mi fece un dono antichissimo. / Il dono dell'indovino Tiresia: / mutare sesso una volta nella vita», narra Giovanna Cristina Vivinetto, che, in questo diario in versi, confessa: «non mi sono mai conosciuta / se non nel dolore bambino / di avvertirmi a un tratto / così divisa. Così tanto parziale». Con una nota di Alessandro Fo e presentazione di Dacia Maraini.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
26 aprile 2018
139 p., Brossura
9788868571658

Valutazioni e recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Rita Imperatori
Recensioni: 5/5

“Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto Interlinea edizioni Ho mani piccole e “Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto è, fisicamente, un libro piccolo, adatto a mani innamorate della carta più che delle tastiere. Aperto, però, il libro diventa grande, come la profondità delle analisi che vi sono contenute e la sapienza formale con cui il vissuto viene disposto in un racconto lucido e coinvolgente. Dopo tante prestigiose recensioni, commentando “Dolore minimo” si rischia di ripetere il già detto o di scadere nella banalità, ma la sua lettura genera l’irresistibile tentazione di parlarne, perché pochi libri di poesia sono così permeabili alla comprensione del filo conduttore e, perciò, così necessari da trattenere. “Dolore minimo” racconta una ri-nascita nel senso di una nascita diversa dalla prima e dalla sua involontarietà: Giovanna sceglie di rinascere e impegna tutto il suo corpo in questo parto di sé che tuttavia non è “annullamento né mutilazione”, non è “rinuncia, non negazione”. È attraversamento di un confine. Il corpo con cui Giovanna Cristina, rinata, sta al mondo, esisteva già, modellato da esperienze ed abitudini, ricco dei segni di incontri e abbandoni, ubbidiente nel conformarsi al ruolo assegnato finché la “figlia […] che “da nessuno è stata generata”, non gli ha chiesto, appunto, di oltrepassare un confine per ricongiungersi alla parte mancante e placarsi nella conquista dell’identità in cui ciascuno, convintamente, si riconosce. “Dolore minimo” non è il manifesto di chi ha sperimentato, crescendo, “un ribelle scollarsi dalla carne, /una lotta fratricida tra spirito/ e pelle.” È il viatico di chiunque abbia voglia di assaporare una poesia potente che porge con delicatezza al lettore un paradigma per orientarsi nell’infinita, meravigliosa confusione dell’esistere. Rita Imperatori

Leggi di più Leggi di meno
chiara.deidda@yahoo.it
Recensioni: 5/5

Dolore minimo è la storia di una nascita, di una metamorfosi presagita per anni, desiderata, forse temuta. Parole bellissime e profonde quelle che Giovanna usa per raccontar la fatica di esser madre di sé stessa, il peso e la gioia di una dicotomia ( Non mi sono mai conosciuta/ se non nel dolore bambino/ di avvertirmi a un tratto/ così divisa. Così tanto parziale). Seguendo l'antichissima voce, Giovanna trova il coraggio: E quel mostro che in tanti anni/ avevo allontanato, fu assai più/ docile quando, abolite le catene,/ lo presi infine per mano.È un gioco di compresenza, assenza e malinconia:“Tornare poi allo specchio/ e scoprire che qui, proprio qui,/ sotto questi seni e questi fianchi,/ dietro la maschera di trucco/ e dietro i tacchi alti/ qualcuno qui c'era, / per un po' c'è stato/ e poi all'improvviso/ non è stato più”. E ancora: “Talvolta il terrore dell'assenza/ mi sconvolge- quando mi accorgo/ che lo spazio che occupa il mio corpo/ era esattamente il tuo. Con me/ porto anche le tue radici./ Per quanto intangibile tu sia ora/ ti rivedo./ Ti ritrovo ovunque./ Eri me quando bastava solo/ un soffio distratto di vento/ per spezzare il ramo”. Ha coraggio da vendere, Giovanna, e una forte determinazione: diventar madre di sé stessa, partorirsi, non è un percorso semplice ( Nei riti di rinascita c'è un prezzo / da pagare- ed è la rinuncia, l'umiliazione,/ privarsi di tutto per avere una possibilità. /Ma come ogni madre, riesco persino / a rimboccar le coperte, soffiare/ la buonanotte, con le dita scostare i capelli/ da una fonte che non trova più pace). Eccola, finalmente: ecco il frutto di questa ricerca, ecco il nuovo inizio. Non ci sono vagiti a sancire la nascita né corridoi d'ospedale, ma la fredda aula di un tribunale e un papà-giudice che la chiama davvero, per la prima volta-finalmente.Finalmente questo corpo è diventato ciò che il cuore è sempre stato, ciò che ha sempre saputo.

Leggi di più Leggi di meno
Enrico C.
Recensioni: 5/5

"Dolore minimo" di Giovanna Cristina Vivinetto è uno di quei rari libri che entrano diritti dentro il cuore. Non è solo alta lirica. E', soprattutto, una coraggiosa testimonianza di un lungo e doloroso viaggio nei meandri dello spirito e della trasformazione della carne. “Da quando il corpo ha cominciato a mutare ogni punto è una parete sfondata. Non ci sono più angoli inviolati a contenerti” Non poteva esserci argine al suo percorso. Lei era già altrove. “ Sulle cime oltre le possibilità dove si crede mai nulla succeda eppure un mistero accade” Lei non lasciava segni, non lasciava impronte e, se mai le avesse lasciate, nemmeno le avrebbe poi sapute riconoscere, confuse, sovrapposte, perché un'altra lei era cresciuta al suo fianco e poi le era entrata dentro e reclamava i suoi spazi. “La traccia del passaggio – non la vedi perché il mio sentiero è troppo stretto per starci in due” E lei non poteva più nascondersi, non poteva più fingere. Anche gli altri infine avrebbero visto. Capito mai. Le avrebbero riservato soltanto solitudine e dedicato inquietanti pensieri. “Non capiranno: scorgeranno gli occhi del mostro. Lo guarderanno in faccia, cercheranno la paura come si fa con un prodigio. Pregheranno di vederlo ruggire e soffiare fiamme.” Ma intanto, giorno dopo giorno lei aveva lavato il suo corpo e l'acqua le aveva restituito la giusta luce. Così l'avrebbe saputo perdonare questo mondo. “Ancora una volta dimostrargli tutto lo stupore della vita anche quando pareva negata” Ecco, trovo assolutamente naturale e nel contempo geniale, l'aver tramutato sulla carta, l'aver trasformato in parole scritte il dialogo ininterrotto che per lunghi anni ha animato le due creature che in lei si dibattevano. Dolore minimo è un'opera dolce e struggente, è la storia di una irrinunciabile e improrogabile rinascita.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Giovanna Cristina Vivinetto

1994, Siracusa

Laureata in Lettere e ha pubblicato il primo testo in Italia che affronta in versi la transessualità. Dolore minimo (Interlinea, 2018), è stato recensito dalle maggiori testate giornalistiche e letterarie. È la vincitrice della VII edizione del premio Cetonaverde Poesia Giovani, della 59°a edizione del premio San Domenichino Città di Massa, del 63° Premio Ceppo Pistoia 2019 Selezione Poesia Under 35 e della 90° Premio Internazionale Viareggio-Rèpaci come Opera prima.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore