Categorie

George R. R. Martin

Traduttore: S. Altieri, M. Benuzzi
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2006
Pagine: 488 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804520603

PIANO DELL'OPERA

Il trono di spade. Libro primo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

Vol. 1: Il trono di spade
Vol. 2: Il grande inverno

Il trono di spade. Libro secondo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

Vol. 3: Il regno dei lupi
Vol. 4: La regina dei draghi

Il trono di spade. Libro terzo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

Vol. 5: Tempesta di spade
Vol. 6: I fiumi della guerra
Vol. 7: Il portale delle tenebre

Il trono di spade. Libro quarto delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

Vol. 8: Il dominio della regina
Vol. 9: L'ombra della profezia

Il trono di spade. Libro quinto delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

Vol. 10: I guerrieri del ghiaccio
Vol. 11: I fuochi di Valyria
Vol. 12: La danza dei draghi

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pietro

    22/06/2011 02.13.58

    A mio avviso il libro peggiore di una saga altrimenti quasi perfetta. Dopo sette libri carichi di azione e colpi di scena "Il dominio della regina" porta un vero e proprio crollo nel ritmo della narrazione: un libro di intermezzo che presenta una serie di nuovi punti di vista piu o meno secondari e interessanti. Quello che però infastidisce veramente è che nel fare cio martin decide di abbandonare quasi completamente i personaggi principali conosciuti dal lettore nei capitoli precedenti (che peraltro sono tutti ormai giunti a un punto di svolta nella loro storia personale). Detto questo ripeto che adoro il resto della serie sotto ogni aspetto e attendo con ansia l'uscita del prossimo libro, ma considero "Il dominio della regina" e il successivo "L'ombra della profezia" poco piu che tappabuchi che sarebbe stato meglio evitare.

  • User Icon

    Giorgio76

    26/03/2008 21.43.44

    Per chi ha letto i libri precedenti questo volume risulta irrinunciabile. E' un libro di collegamento con quelli che seguiranno. Voto 3 di stima ma ci si aspetta di più.

  • User Icon

    Andrea

    06/11/2007 11.29.44

    Non c'è dubbio che "Il dominio della regina" non sia avvincente come i volumi precedenti. Ciò non toglie che deve essere sempre inquadrato nell'insieme dell'opera. Pertanto, per me le 4 stelle le merita tutte. Non vedo in giro così tanti autori di Fantasy all'altezza di George Martin. Martin è un autore sempre in grado di stimolare la fantasia, e capace di descrivere nel dettaglio tutto ciò che scrive. Di conseguenza, la lettura dei suoi libri da molto spesso la sensazione di guardare un film. Mitico!!!

  • User Icon

    giulio

    23/07/2007 22.46.54

    Il dominio della regina è un libro in cui vengono introdotti molti nuovi personaggi(alcuni già visti) per portare avanti la narrazione ma nonostante questo si fa sentire la mancanza di personaggi importanti e amati come daenerys e jon.Ottimi i capitoli su Cersei e le isole di ferro(vero fulcro del libro).Il giudizio non può cmq che essere positivo.Un appello: basta spezzare questi libri!

  • User Icon

    fuliggians

    26/04/2007 14.17.27

    certo il libro è molto lontano dal livello dei precedente, ma vi è da considerare un altro aspetto oltre alla solita orrida abitudine dell'editore di spezzare i libri in più volumi. Ovvero che già in origine Martin ebbe molti problemi a finire in tempo utile questo nuovo tassello, arrivato oltre le 1000 pagine, ne avrebbe dovuto scriverne altre 500 per completare quel che doveva dire e trattare ogni personaggio lasciato in sospeso. Per necessità editoriali, dovette mettere un punto, e posticipare di tirar le file di certi personaggi. Quindi già in origine questo libro è nato monco. C'è solo da sperare che per il prossimo il nostro Martin abbia più tempo per far collimare tutte le trame.

  • User Icon

    laura

    17/03/2007 10.52.27

    Il dominio della regina parte II verrà pubblicato in Italia probabilmente nel corso del 2007. "A Dance with Dragons" verrà pubblicato in lingua originale probabilmente nel 2007. poi ci saranno altri libri dal titolo provvisorio quali "the winds of winter" e "a drean of spring". Cmq questo libro nn mi è piaciuto molto sia x la storia, sia x i xsonaggi e come venivano presentati, e sia anche x la coxtina. difatti nn mi è sembrato di ritrovarmi nella storia lasciata dal settimo libro. Questo x la mancanza di xsonaggi che erano presenti nell'altro libro e la storia di quelli familiari, come Arya che si trova a Bravoos o Sansa che nn è più neanche lei. Mi ha deluso il fatto che nn si è raccontato x nulla di Bran, di Jon pochissimo attraverso Sam; di Richon nn si è più saputo niente; di Tyrion neanche e nn si sa se è morto o no; di Catelyn che alla fine dell'ultimo libro era "viva"; di Davos; di Stannis; e anche di Sam che è partito x Vecchia città e nn si sa neanche se è arrivato; soprattutto Daenerys. Nn credo che il titolo sia azzeccato, come dal tronde x nessun libro lo è stato.

  • User Icon

    Enrico Zinoni

    11/03/2007 16.32.30

    ho letto tutto d'un fiato gli otto libri pubblicati dalla Mondadori, certo questo non sarà il più bello ma merita comunque! vorrei tanto sapere quando usciranno i prossimi in italia! non vedo l'ora! W Martin, uno tra i migliori ...(o forse il migiore?)

  • User Icon

    Diego

    18/02/2007 12.17.33

    Qualche commento: in primo luogo si tratta di un libro comunque superiore ai 3/4 della letteratura fantasy in circolazione, e dunque merita almeno 4 stelle. In secondo luogo, trovo scandaloso la politica di divisione dei libri della casa editrice. Io ho comprato e letto il libro in inglese a settembre sopraffatto dall'attesa pagandolo euro 9,90 per l'intero "A feast for crow" (e non per metà!), per quanto si tratti di un'edizione paperback. Anche quando usciranno le edizioni economiche italiane, si spenderà come minimo il doppio. Il libro: premesso che sono un fan sfegatato della saga, trovo che A feast for crow si configuri come un ponte verso i libri futuri, più che come un libro a sè stante, e la prima metà raccolta in questo libro (il cui titolo assegnato alla versione italiana non mi piace nemmeno un po') rappresenta probabilmente un espediente narrativo per arrivare alle canoniche 1000 pagine dei libri di Martin (si legga: servono per "allungare il brodo"!) e raccontano ben poco. Ai lettori chiedo di aspettare la seconda metà, decisamente più densa di avvenimenti, per giudicare il libro nel suo complesso. Insomma, diciamo che le prime 600 pp circa preparano a quanto avverrà nelle ultime 300. Non è possibile evitarle, per comprendere le vicende del seguito, per quanto a volte pesanti. Inoltre, la mancanza dei personaggi più amati non si farà sentire, e non mancherà la solita mattanza di personaggi. Chiudo con un consiglio: chiunque mastica un po' di inglese (un bel po' a dire il vero...), faccia propria una copia di un libro Martin in lingua originale, non se ne pentirà. Per quanto di difficile lettura, il suo stile è decisamente apprezzabile, aulico e mai banale, e la traduzione (pre quanto in generale ben fatta) perde sempre qualcosa. Certe frasi rendono decisamente meglio in inglese, e i nomi dei luoghi, nonostante l'ottimo lavoro di chi li ha tradotti in italiano, in lingua originale risultano più evocativi che in italiano (WInterfell = Grande Inverno, Riverrun = Delta delle Acque, e così via)

  • User Icon

    novella

    09/02/2007 10.21.20

    Decisamente libro che non corrisponde alle aspettative del lettore.Libro di passaggio,ce lo auguriamo,in cui gli accadimenti sono pochi e ancor meno le novità.Auguriamoci che la seconda parte sia più viva,più intensa e coinvolgente degna dei libri che l'hanno preceduta.

  • User Icon

    Raffaele Persichetti

    19/01/2007 13.20.44

    ho letto con entusiasmo tutti i libri della saga...fino a questo. è di una noia mortale non succede nulla. Sarà perchè è solo la prima parte del libro originale... ma vermanete mi sento di sconsigliarlo... perlomeno finchè non esce anche il seguito. cosa che con i tempi della mondadori non avverrà prima di un paio d'anni. peccato

  • User Icon

    Axl

    16/01/2007 17.59.13

    Martin è sempre Martin, anche quando il libro è sotto tono rispetto agli altri, ma non per questo inferiore. Ora che è iniziato Il Banchetto per i Corvi è giusto soffermarsi su aspetti meno dinamici magari, ma di certo lo stesso interessanti. E non dimentichiamoci che questa è solo la prima parte del libro originale (GRAZIE MONDADORI!), e a detta di chi l'ha letto in lingua madre il meglio deve ancora venire. Isole di Ferro, Dorne e Valle di Arryn sono le ciliegine del banchetto, dove la torta è rappresentata da Cersei Lannister e gli intrighi di Approdo del Re. Aspetto con ansia il seguito.

  • User Icon

    Umberto

    16/01/2007 17.07.44

    Il voto non è per il libro in sè, quanto per la mania di pubblicarlo spezzato in più parti pubblicate a distanza di tempo una dall'altra. Quello che veramente delude è che, arrivati in un crescendo di avvenimenti, paf !, il libro si interrompe e dovremo aspettare mesi per la pubblicazione della seconda parte. Per il resto, è un'ottima continuazione della saga.

  • User Icon

    Nicola

    10/01/2007 17.21.03

    Ottimo libro, fantastico Martin!é vero che ci sono meno colpi di scena di alcuni dei precedenti libri, ma stiamo parlando di una saga fantasy, non di un univo libro in cui può accadere tutto in un lampo!! La seconda metà, ancora da pubblicare, ma da me letta in inglese, è fantastica!!non deluderà nessuno!!

  • User Icon

    Stefania

    20/12/2006 08.39.07

    Il libro mi ha convinto pochissimo... si è dimostrato veramente deludente e per nulla al livello delle altre opere. Che dire? Speriamo soltanto che con la prossima pubblicazione Martin riesca ad alzare il livello...

  • User Icon

    Blackened roar

    18/12/2006 17.03.31

    Martin non delude mai,neanche in un libro di metà saga come questo. Purtroppo la Mondadori persevera nella sua politica economica e fa pagare decisamente troppo per una traduzione spesso imprecisa e soprattutto per un libro che è solo la metà dell'originale. Un consiglio per tutti: nonostante avessi una conoscenza meramente scolastica dell'inglese mi sono intestardita sull'inglese di Martin e dopo qualche difficoltà ne sono venuta a capo. Ora sto leggendo "A Feast for crows" in originale(uscito in edizione economica tra l'altro!)e lo sforzo iniziale ripaga decisamente la possibilità di scoprire il vero Martin.Provateci.

  • User Icon

    Mauro

    17/12/2006 15.58.01

    Il libro è bello, ma paga parecchio l'avida politica della mondadori di spezzarlo in due. Martin ha dichiarato di aver voluto dividere le storie dei personaggi per renderne alcune complete invece che tutte incomplete, però tale idea che permea di se tutto il libro è stata resa impercettibile. Diversi colpi di scena, ma in quello che in Italia sarà il secondo (9 meglio). Se non amate l'inglese, siate pazienti e non rimarrete delusi.

  • User Icon

    giosmacco

    16/12/2006 20.25.27

    concordo con le recensioni precedentemente postate...libro che riflette un asituazione di stasi "quiete dopo la tempesta" e che è decisamente lento per come ci aveva abituato l'aitore nei capitoli precedenti...davvero deplorevole il comportamento della casa editrice che continua a frammentare la saga rendendola decisamente meno avvincente dello scritto originale. unica nota veramente negativa è il prezzo di vendita decisamente altissimo. aspettiamo con ansia il prossimo...speriamo di non dover attendere tanto..

  • User Icon

    massimo

    16/12/2006 16.34.47

    A feast for crows (qui la prima puntata, secondo la tradizione di spezzare in due i ponderosi tomi del buon Martin) è finalmente arrivato, dopo estenuanti mesi di attesa (possibile che solo Harry Potter viene tradotto "in diretta" in tutto il mondo ?? Questione di volumi (di vendita), certo, ma anche l'Afgano è stato pubblicato in contemporanea ..). Oddio, molti si lamentano di dover pagare "mezzo libro" a prezzo intero ... ma bisogna considerare che l'originale inglese viene 18 sterline (+ IVA e trasporto) e alla fine costa uguale ai due mezzi libri tradotti, senza contare che l'inglese di Martin non è lineare e scolastico, occorre una ottima padronanza della lingua per leggerlo. Comunque, tornando al tema, la saga delle guerre infinite si prolunga tra intrighi, tradimenti, nuovi e vecchi personaggi (e' il primo libro che incontro in cui quasi un quinto delle pagine è dedicato ad elencare i protagonisti, presenti e passati - con i defunti sempre più numerosi ..). A questo punto si potrebbe chiedere all'editore di sprecare 10 pagine per una sinossi delle puntate precedenti: visti gli ampi intervalli tra la pubblicazione di un volume e l'altro, spesso riannodare nella memoria tutti i fili della storia diventa problematico. Per scelta dell'Autore una parte dei personaggi (tra cui i famosi draghi) è stata accantonata per il prossimo volume (non la seconda parte del presente, ma A Dance with Dragons che potrebbe uscire in originale nell'ottobre 2007). La storia è quindi un po' più lenta (o meno movimentata, se volete) che nelle precedenti puntate (anche perchè tra stragi e battaglie cominciano a scarseggiare i protagonisti ..) ma è sempre godibile. Certo, se qualcuno che non ha letto le puntate precedenti compra il libro per sbaglio quasi sicuramente non arriva a finirlo. Only for fans ...

  • User Icon

    Ado66

    11/12/2006 21.46.49

    Un gran piatto a cui manca un poco di sale. Martin riesce ancora a farci sognare con i suoi numerosi personaggi ma ci sono pochi colpi di scena e purtroppo dobbiamo rassegnarci ad aspettare il seguito prima di poter dare un giudizio + completo. Tutto sommato,un libro con un giudizio + che positivo che regge bene il confronto con i precedenti.

  • User Icon

    Geppo

    29/11/2006 10.17.28

    Classico romanzo di meta’ saga, si potrebbe definire la quiete dopo la tempesta. Lettura sempre piacevole, ritmo meno vertiginoso rispetto ai libri precedenti. Purtroppo sara’ necessario attendere la pubblicazione della seconda parte per un giudizio completo. Per il momento un solo colpo di scena in 400 pagine, un po’ poco per come ci aveva abituati Martin. Una nota di merito ai capitoli di Brienne e del reame di Dorne.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione