Recensioni I due allegri indiani

  • User Icon
    15/05/2020 13:53:15

    Personaggi improbabili, protagonisti di storie paradossali. Un'epopea onirica, grottesca, perturbante. È il delirio della parola. È il cortocircuito della ragione. È l'inadeguatezza di vivere che si trincera dietro una solitudine inquieta. Rifiuta ogni logica comune, la rovescia. Nell'immaginazione cerca il senso che manca alla realtà, un mondo a propria dismisura, un posto da chiamare casa. Impossibile da classificare, un libro di racconti brevissimi (quasi tutti si limitano a due facciate) autoconclusivi che sembra essere una raccolta di invenzioni fantastiche e/o poetiche, forse allegoriche, ma il cui punto forte è l'essenziale astrusità, il loro essere fuori dal tempo, favolistici o verosimili che siano. Si leggono d'un fiato, ma per le successive letture questo libro sarà come un'enciclopedia, andrò a leggere quel raccontino che mi aveva dato quella sensazione o quelle due pagine che parlavano di una creatura un pò così. Lo consiglio.

    Leggi di più Riduci