Categorie
Traduttore: T. Dobner
Collana: Pickwick
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788868360887
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,96

€ 12,90

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    kinson

    20/11/2016 17.58.21

    Il libro era bloccato in bella mostra sullo scaffale da parecchi anni, uno di quelli che per sbaglio ti accolli per corrispondenza come libro del mese...Non particolarmente invogliato dalle recensioni, molte delle quali negative, ho iniziato a leggere "Duma Key" in mancanza d'altro, convinto che sarebbe stata una lettura senza mordente e parecchio noiosa. Chiaramente mi sbagliavo, è vero il libro in molte parti è lento, ma di una lentezza dolce, intima, che crea una profonda connessione con i protagonisti, facendo rivivere le loro vicende in maniera coinvolgente e sincera.L 'horror c'è ma non è l'aspetto predominante del romanzo, è per certi versi un romanzo esistenziale, sulla rinascita e sulla sopravvivenza.Finale effettivamente sottotono, ma complessivamente rimane un buon libro, per me diciamo da tre stelle e mezzo.

  • User Icon

    ludwig

    12/01/2016 22.02.02

    Non è il King che mi aspettavo,troppo lungo il percorso dei quadri e il finale ....no ,non mi è piaciuto.Ora leggerò "cose preziose" è da quel che ho capito penso non mi deluderà.

  • User Icon

    TommyTheKid

    29/10/2014 19.54.01

    Di King ho letto quasi tutto, e non sono di quelli che ad ogni suo libro dicono "poteva tagliarne 300 pagine", ma in questo caso sarebbe stato molto meglio..Tanto potenziale in questo libro, affascinante il personaggio di Elizabeth, bella l'alchimia tra Ed e Wireman, affascinante la trama. A rovinare tutto c'è la disarmante lentezza con cui tutto si svolge: ok le descrizioni dettagliate, ma qui lo zio Steve ha un pò calcato la mano, perchè questo poteva davvero essere tranquillamente un ottimo libro con 300 pagine in meno... Tanta lentezza, dopodiché tutto si snocciola in un finale frettoloso e piatto come una sardina..Peccato..Comunque sufficiente e meritevole di una lettura.

  • User Icon

    MrElanhyer

    06/08/2014 19.41.21

    Orrendo, una vera delusione. Se questo è il capolinea del Re, allora preferisco fare dietrofront e rivisitare i vecchi luoghi che il maestro del Maine ha creato e ha riempito di vite straordinarie da condividere con chi ancora non li conosce, beati loro, quei luoghi che devono ancora visitare per la prima volta. Io torno indietro, questo finale non è alla sua altezza.

  • User Icon

    Marcello Avigo

    29/12/2013 19.33.20

    Il libro più noioso che abbia mai letto ! Pessimo !

  • User Icon

    Lorenzo

    20/07/2013 15.42.15

    Davvero bello, un po' difficile per via della minuziosità incredibile con cui descrive i personaggi e le location ma d'altronde è il marchio di fabbrica del Re, il rapporto d'amicizia tra il Edgar e Wireman ti entra dentro nel cuore e non ti abbandona più. Lo stesso Wireman è autore di battute leggendarie che ti fanno ridere in mezzo ai diversi momenti di terrore e paura che costellano le ultime 200 pagine,fantastico anche il modo con cui descrive il rapporto tra Edgar e la figlia minore, insomma lo consiglio caldamente soprattutto ai veri fans del Re e non a quelli che scrivono che il finale è troppo paranormale..... Stephen perdonali non hanno mai letto nulla di te.

  • User Icon

    CATTELIR

    08/06/2013 20.10.59

    Come tutti i libri del re anche in Duma Key la scrittura è sublime, e fino a un certo punto è molto interessante anche la trama. Il finale è invece a mio avviso molto in tono minore, per certi versi ricorda IT. La media delle 2 parti porta a un giudizio medio. Ma non c'è alcun dubbio che Stephen King rimanga un autore unico e senza confronti.

  • User Icon

    Isabella

    05/06/2013 15.14.30

    Veramente pessimo! Sono una grande fan di king ma devo dire che questa volta ha veramente toppato! Non mi sono mai annoiata tanto, ho faticato ad arrivare alla fine. Lasciate perdere!!!

  • User Icon

    Rossana

    18/12/2012 20.32.47

    Sinceramente mi ha deluso un po'. Adoro Stephen King, ma credo che se avesse tranciato almeno 300 pagine avrebbe scritto un bel librone comunque. E poi il finale è un po' tirato...Non è assolutamente uno dei migliori.

  • User Icon

    Effrena

    30/11/2012 18.45.49

    Inizio ottimo. Trama assai ingegnata,molto ben sorretta. Il personaggio di Elizabeth, secondo me, è nella top ten dei personaggi di King. Finale frettoloso e davvero sotto i livelli delle altre pagine. Come pure fu, più o meno, per 'It'.

  • User Icon

    edgar

    18/11/2012 14.21.27

    imperdibile!! assolutamente delizioso!

  • User Icon

    Gloria

    20/07/2012 18.55.29

    Ok premetto che sono una fan spudorata del Re e che dei 20/25 suoi libri che ho letto non darei a nessuno meno di 4 .. però mi chiedo come si possa dare meno di 5 a un libro come questo .. intrigante,appassionante .. letto in 4 giorni tutto d'un fiato; un ritorno in grande stile al King che preferisco,le descrizioni dettagliate che ti fanno immergere totalmente nella storia e amare i personaggi come se fossero reali,la paura ancestrale che ti sfiora la pelle se stai leggendo di notte al buio ..leggere un libro di King è vedere un film "personale".. girato solo per te insomma un'esperienza unica

  • User Icon

    Francesco

    11/03/2012 17.59.34

    Carinissimo!! Un libro alla king che non annoia ma anzi appassiona..mi ha ricordato leggendolo quando guardavo i film orror da bambino d'estae..quella semi-banalità che vivrei adesso guardandoli allora non mi faceva dormire..Questo libro certo non è banale ma non cè niente di dramma psicologico profondo, ce solo un mostro..quindi niente veramente di che ma ti trasina con se fino agli abbissi..buon libro, veramente carino e ben archtettato. ...leggete amici miei leggete...

  • User Icon

    A.M.

    17/07/2011 16.39.51

    Tutto è fatidico, Cell, La storia di Lisey, Duma key... ormai è sempre più lampante il declino artistico del fu Stephen King. Con solenne tristezza annuncio che, da oggi, non leggerò più nulla dell'ex Re. Le possibilità le ha avute, ma l'incantesimo narrativo si è definitivamente spezzato dopo Il miglio verde. Tutto ha una fine, prima o poi.

  • User Icon

    Roberto

    01/03/2010 11.57.46

    le premesse erano ottime, tuttavia la storia si è sviscerata in moto assurdo e poco convincente. L'unico punto a favore è il prezzo! Se volete leggere il vero King acquistate "IL GIOCO DI GERARD"

  • User Icon

    gio

    21/02/2010 14.06.24

    Complessivamente avvincente. E’ vero che dopo qualche libro incerto, questo è degno della fama di King. Certo, non raggiunge certe vette passate (che sarebbe ingeneroso verso l’autore chiederle sempre), però lascia il segno e un senso positivo quando si finisce l’ultima pagina. Alcuni passi sono bellissimi, come quelli relativi al suo rapporto con la famiglia (ex moglie, figlie, ecc…). Altri non lo dico per non spoilerare. Consigliato.

  • User Icon

    Francesca

    05/02/2010 20.45.41

    direi che non è assolutamente il miglior libro di King (anche se io ne ho letti pochi), ma mi è piaciuto comunque perchè non è inquietante come gli altri, ma sa far paura. La storia è particolare; piuttosto originale, ma con qualche punto poco chiaro.

  • User Icon

    Nicola

    08/01/2010 12.06.01

    Non so che dire... Il romanzo cresce a poco a poco, aricchendosi, coinvolgendoci inestricabilmente. Le pagine di King sono di una bellezza unica: tanto liriche quanto crudemente marchiate dal realismo. I personaggi sono di una profondità rara. La trama, capitolo dopo capitolo, prende una piega inattesa e avvincente, ricchissima di fascino, emozione, mistero, magia, paesaggi e ambientazioni di indescrivibile bellezza. Ma poi... al culmine di questo magistrale crescendo l'elemento soprannaturale fino ad allora perfettamente e magicamente equilibrato e celato, con solo poche incursioni mozzafiato nel mondo reale, diviene l'elemento culminante, manifestandosi in forme biechissime e trite. Ciò che poteva rimanere spaventosamente nel mistero si materializza in modi che sfiorano il ridicolo. Ciononostante fino alla fine le pagine del Re rimangono insuperabili e vi trattengono dal battere il libro nel muro. Se siete capaci di resistere a un finale da b-movie che in 50 pagine rovina un capolavoro di 700 e passa allora prendetelo. Ne varrà comunque la pena, sebbene ricorderete per sempre il frettoloso quanto grottesco finale.

  • User Icon

    Pier

    13/11/2009 15.37.26

    Sono infuriato!!! Come si fa a dire che si ama il "Re" quando si dice che questo è un bel libro? Non lo è in modo assoluto. Fa ben sperare con le prime 100 pagine ma...è solo un'illusione perchè poi, come argutamente ha rilevato già qualcuno, sembra di rileggere cose già viste e riviste. Arrivi al punto di anticipare dove va a parare! Ma vi sembra possibile una cosa del genere da un autore che per suspense, colpi di scena e mistero non ha rivali? No, per me non è possibile e quindi spero proprio che questo libro sia solo una parentesi creativa del grande scrittore del Maine e mi auguro che torni presto ai livelli, alti, che ci ha abituato.

  • User Icon

    omar

    08/11/2009 14.59.48

    Io ho letto quasi tutto di King,naturalmente sono di parte visto che è il mio autore preferito, ma come qualcuno ricorda, forse non raggiunge la perfezione di L'Ombra dello Scorpione, ma con Duma Key, King è tornato dopo una decina di anni ai sui suoi altissimi livelli. Quasi inavvicinabili per molti scrittori.Le sue descrizioni restano inimitabili e ti fanno entrare nei personaggi. Poi tu scegli a quale affezionarti di più:il protagonista, l'amico, la figlia o a vecchia. E' semplicemente perfetto per trama,lunghezza del libro emozioni che ti dà e descrizione dell'amore e dell'amicizia con quel pò di suspance che solo il Re sa dare. Ci potrà essere di meglio in giro, ma questo è sicuramente un gran bel libro.

Vedi tutte le 112 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione