Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia. Diari e lettere 1938-1945

Mario Avagliano,Marco Palmieri

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 gennaio 2011
Pagine: LXXXI-388 p., Brossura
  • EAN: 9788806206659

44° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Storia e archeologia - Storia - Specifici eventi e argomenti - Genocidi e pulizia etnica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,10
Descrizione
Questa ampia scelta di testimonianze coeve è frutto di un accurato lavoro su documenti poco esplorati: ci propone la cronaca della persecuzione cosi come fu registrata giorno dopo giorno dagli stessi ebrei, cioè coloro che subirono le leggi razziali, gli arresti, le deportazioni e spesso pagarono con la vita. I brani sono stati suddivisi tematicamente e cronologicamente per consentire di ripercorrere l'intera storia della persecuzione antiebraica in Italia tra il 1938 e il 1945, dalla campagna di propaganda antisemita all'emanazione delle leggi razziali, dall'internamento sotto il fascismo alle razzie e agli arresti sotto la Repubblica sociale italiana, dalla fuga in clandestinità al concentramento nei campi italiani, dalla deportazione nei campi di sterminio al ritorno dei sopravvissuti. Un affresco storico che assume un significato particolare anche perché costituito di parole scritte dalle vittime di una persecuzione e di un crimine che il nazifascismo voleva mettere a tacere ed annientare, e che invece sono arrivate fino a noi, lasciandoci traccia tangibile, prova storica inconfutabile e memoria indelebile di ciò che è stato. Prefazione di Michele Sarfatti.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    monica

    05/02/2013 13:50:11

    Commuovente. Lettere scritte dalle carceri o biglietti gettati dai treni piombati diretti ai Lager di sterminio, parole di sconforto oppure di speranza, le loro ultime parole perche' molte di queste persone non fecero ritorno dai centri di sterminio.

Scrivi una recensione

Il libro costituisce un'antologia ragionata dell'ampia raccolta di testi reperiti nel corso di una lunga ricerca, compiuta dai due autori in archivi pubblici e in collezioni private, in Italia e all'estero, e intende consegnare al lettore "una storia corale" della persecuzione antiebraica in Italia, tramite le parole di chi ne fu vittima. I protagonisti delle lettere e dei diari sono uomini e donne, letterati e persone "comuni", fascisti (poi disillusi) e antifascisti, italiani e stranieri, ebrei che vivevano in Italia ed ebrei già fuggiti all'estero. Tutti gli scritti presenti nell'opera sono stati redatti nel momento in cui si svolgevano i fatti e per questo rappresentano una documentazione importante. Fanno infatti emergere la percezione immediata che le vittime ebbero di fronte agli eventi "al riparo dai filtri e dalle mediazioni della memoria postuma e dalle ricostruzioni successive". I brani sono disposti in ordine cronologico, suddivisi in sezioni tematiche, con l'obbiettivo sia di ricostruire le vicende e le reazioni dei singoli di fronte alla persecuzione e alla deportazione, sia di ripercorrere le tappe dell'intera vicenda. C'è tutto: dalla persecuzione dei diritti a quella delle vite, dagli internamenti alle deportazioni, dagli aiuti da parte delle popolazioni locali alle delazioni e denunce, dalle fughe in clandestinità alle varie forme di resistenza. Il silenzio durante il periodo dell'internamento viene in parte compensato dagli scritti dei pochi sopravvissuti dopo la liberazione. Grazie alla volontà di conservare la memoria di persone ed eventi, utilizzando documenti inediti e poco conosciuti, mediante la narrazione in prima persona, l'opera viene a costituire una base documentaria del tutto nuova, funzionale a eventuali e ulteriori ricerche sul tema.
Elena Fallo