-25%
L' ebreo errante - Elie Wiesel - copertina

L' ebreo errante

Elie Wiesel

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: D. Vogelmann
Editore: Giuntina
Collana: Diaspora
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 25 agosto 2011
Pagine: 195 p., Brossura
  • EAN: 9788880574132
Salvato in 30 liste dei desideri

€ 11,25

€ 15,00
(-25%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

L' ebreo errante

Elie Wiesel

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' ebreo errante

Elie Wiesel

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' ebreo errante

Elie Wiesel

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Ma, nel momento del cheshbon hanefesh, facendo il bilancio della mia vita, devo riconoscere che i miei veri maestri, per guidarmi e per spingermi avanti, mi attendono non in luoghi prestigiosi e lontani ma nelle piccole aule piene d'ombre e di canti dove un ragazzo al quale assomigliavo studia ancora oggi la prima pagina del primo trattato del Talmud, sicuro di trovarvi tutte le risposte a tutte le domande. Meglio: tutte le risposte e tutte le domande. Perciò, spesso per me l'atto di scrivere non è altro che il desiderio inconfessato o cosciente di incidere alcune parole su una pietra tombale: alla memoria di una città scomparsa, di un'infanzia esiliata e di tutti coloro che ho amato e che se ne sono andati prima che abbia potuto dirglielo."
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,25
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    angelo

    11/07/2018 11:50:14

    Ingredienti: tredici brevi racconti di un sopravvissuto ai lager, un protagonista sospeso tra il rispetto delle tradizioni religiose e il rifiuto di Dio, vari incontri da adulto giramondo e ricordi da bambino in Transilvania, una riflessione finale sulla banalità del male. Consigliato: a chi mantiene accesa la memoria nel buio di ogni notte, a chi cerca spiegazioni agli eventi meno giustificabili dell’umanità.

  • User Icon

    Pasquale Mannara

    21/02/2017 10:59:56

    E' un libro stupendo e lacerante. Consiglio di leggerlo in immediata prosecuzione de "La notte". Gli ultimi due capitoli costituiscono un caposaldo dei "perché" non risolti e verso i quali, pur ammessa la mera necessità di divulgazione storico-filosofica ed antropologica, secondo Wiesel si farebbe bene a tacere. Il mondo sapeva e non ha fatto niente; Churchill, Roosvelt, Stalin conoscevano già dal 1941/1942 l’esistenza dei campi di concentramento e i meccanismi dello sterminio, ma non mossero un dito per salvare gli ebrei o almeno intralciare quella infernale routine, fosse stato anche solo per bombardare le linee ferroviarie che portavano alla morte. Nessuno fece niente per avvisare i tanti che “partivano”; nessuno ebbe mai notizie da Radio Londra su quale fosse la loro reale destinazione. Con quale diritto le generazioni successive parlano e pontificano ora sui “morti”, non avendone titolo alcuno? La spiegazione di Wiesel è che in fondo gli ebrei della diaspora erano storicamente un peso per tutti e il loro destino non turbava le coscienze più della notizia di un furto in un negozio o di un incidente stradale. Tutto avveniva come se non fossero stati anch’essi appartenenti al genere umano, per cui il loro sterminio lasciava indifferenti sia le altre nazioni ed etnìe, sia le altre confessioni religiose a partire dalla chiesa cattolica, sia il nascente Stato di Israele, sia la comunità ebrea americana. Con questa feroce consapevolezza, i deportati si allineavano disciplinatamente, chinavano la testa e “andavano”, quasi mai reagivano, infine morivano. Da quando furono aperti i campi di concentramento il mondo si confronta in infinite discussioni di genere storico, filosofico, letterario, antropologico, alla ricerca di confortanti e rassicuranti “perché”, ma Wiesel nega a tutti tale possibilità di conforto e rassicurazione ed invita a tacere sui morti. Peccato si parli poco dell'infausto ruolo svolto dai Consigli Ebraici, senza del quale tanti sarebbero sopravvissuti.

  • User Icon

    Riccardo

    16/02/2010 14:31:08

    Malinconico, decadente, a volte disperato, ma bello, avvincente, coinvolgente. Un capolavoro di poche pagine, ma intense. C'è qualcosa nei narratori ebrei che conquista una parte di noi. Forse quella parte che il mondo moderno sta tentando in tutti i modi di fare scomparire. Un sincero Grazie al narratore di Sighet.

  • Elie Wiesel Cover

    Scrittore e giornalista statunitense di origini ebraico-ungheresi, nato a Sighetu nel 1928 e morto a New York nel 2016. Sopravvissuto ad Auschwitz e Buchenwald, dove perde i genitori e la sorella minore, nell’aprile 1945 viene assegnato a un orfanotrofio francese. Dopo gli studi di filosofia alla Sorbona si dedica al giornalismo. La prima prova letteraria è un lungo racconto della sua esperienza nei lager, scritto in yiddish e pubblicato in Argentina nel 1955; consigliato da Mauriac (con cui instaura una profonda amicizia) ne ha affronterà poi la riscrittura in francese, dando vita a uno dei capisaldi della letteratura dell’Olocausto, La notte (1958): in una prosa scarna e frammentata, il romanzo descrive il sovvertimento di ogni valore umano, fisico e spirituale,... Approfondisci
Note legali