Ed ora… sposiamoci (DVD)

Stand-In

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Stand-In
Regia: Tay Garnett
Paese: Stati Uniti
Anno: 1937
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,87 €)

Un’importante banca spedisce a Hollywood uno sprovveduto funzionario perché indaghi sui motivi che hanno portato sull’orlo del fallimento una società cinematografica della quale la banca detiene la maggioranza delle azioni. Il giovanotto rischia di perdere la testa, ma gli viene in aiuto una graziosa ragazza, un’attrice, che lo aiuta a venir fuori dai guai. Finale con marcia nunziale.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Cinema e Cultura, 2019
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Inglese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 1,37:1
  • Area2
  • Tay Garnett Cover

    "Propr. William Taylor G., regista statunitense. Occasionale stuntman, nel 1920 è sceneggiatore per H. Roach e M. Sennett; esordisce nella regia nel '28, sotto il marchio Pathé (Celebrity, Celebrità). E esprime al meglio vigore narrativo e freschezza dell'azione in esotiche ambientazioni marinaresche, prima mescolando il mélo alla commedia (Amanti senza domani, 1932) e all'avventura (Sui mari della Cina, 1935, con J. Harlow, C. Gable, W. Beery), poi puntando su ritmi più rapidi (Il mercante di schiavi, 1937, sceneggiato da W. Faulkner) con scazzottate da antologia (La taverna dei sette peccati, 1940, con M. Dietrich e J. Wayne). La sua professionalità e duttilità si esprimono anche nella commedia brillante (L'amore è novità, 1937) in cui satireggia sulla stessa Hollywood (E ora... sposiamoci,... Approfondisci
  • Leslie Howard Cover

    Nome d'arte di L.H. Stainer, attore e regista inglese. Figlio di genitori ungheresi, si arruola nell'esercito durante la prima guerra mondiale ma ben presto viene congedato a causa di un trauma subito. Decide così di iniziare a recitare. In pochi anni si fa conoscere nei teatri inglesi e americani come il perfetto «englishman», intellettuale e di bell'aspetto. Esordisce sul grande schermo all'inizio degli anni '30 e nel 1934 è il giovane studente sedotto da una fatale B. Davis in Schiavo d'amore di J. Cromwell. Nello stesso anno, diretto da H. Young, incarna uno dei suoi personaggi più celebri, l'imprendibile eroe romantico noto come La primula rossa, ruolo ripreso anche in La primula Smith (1941) di cui è anche regista. Accanto a H. Bogart nel drammatico La foresta pietrificata (1936) di... Approfondisci
  • Humphrey Bogart Cover

    "Propr. H. De Forest B., attore statunitense. Icona maschile del cinema classico hollywoodiano, sicuramente il più citato nella storia del cinema (da J.-L. Godard a W. Allen), mito intramontabile di molte generazioni femminili per il suo personaggio di «tough guy» (duro) dall'animo sensibile; è destinato dal padre medico a seguirne le orme, ma si fa espellere dalla scuola e si arruola in marina dove, in seguito a un'esplosione, si procura una leggera ferita al labbro superiore e un conseguente piccolo difetto di pronuncia delle «s» (blesità), che rimarranno tratti caratteristici del suo volto e della sua recitazione. Inizia a calcare le scene nel teatro di un amico di famiglia nei primi anni '20, e nel 1930 debutta in un corto cinematografico, ma senza successo. Per qualche anno si divide... Approfondisci
  • Joan Blondell Cover

    Attrice statunitense. Inizia la carriera vincendo un concorso di bellezza per diventare Miss Dallas e, dopo esperienze nella rivista e nella commedia musicale, esordisce a fianco di J. Cagney con La vacanza del peccatore (1930) di J.G. Adolfi, nel ruolo della protagonista. La simpatia e la naturalezza che la contraddistinguono, accompagnate da un certo sex appeal, le aprono le porte del successo, prima in coppia con J. Cagney e successivamente con D. Powell. Gira una serie interminabile di musical per poi passare alle commedie sofisticate e a quelle giallo-rosa che sfruttano abilmente il personaggio di donna vivace e ingenua a lei congeniale, come per es. la Mamie di Nemico pubblico (1931) di W. Wellman, che conserva la sua dolcezza in un mondo dominato dalla violenza. Anche nel genere drammatico... Approfondisci
Note legali