Traduttore: A. Carotenuto
Editore: Bompiani
Edizione: 9
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 giugno 2013
Pagine: XIII-220 p., Brossura
  • EAN: 9788845252853
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 4,86

€ 9,00

5 punti Premium

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristina

    17/11/2009 20:05:09

    Questo libro viene solitamente messo sullo stesso piano de L'amante di Lady Chatterley di D.H. Lawrence ed è questo il motivo per cui l'ho letto. Secondo me non c'è assolutamente paragone. Il libro di Lawrence è un vero e proprio capolavoro, io l'ho trovato meraviglioso e con un bellissimo significato. Emmanuelle invece mi è sembrato molto povero di contenuti, a tratti disturbante e nella seconda parte (quella "filosofica") proprio grottesco. Descrive la protagonista come una donna libera che dispone del proprio corpo come più le pare e piace e poi alla fine la poveretta finisce col fare quello che un uomo le dice che è giusto fare. Mah! Probabilmente il successo di questo libro nasce dallo scalpore che ha creato quando è stato pubblicato, ma credo che il suo valore sia tutto lì. E' un libro sicuramente sopravvalutato.

  • User Icon

    Cassandra Loren Meridians

    03/05/2009 10:04:22

    Tra tutti i libri di letteratura erotica, Emmanuelle è da considerare il più fluido e scorrevole, mai volgare, rispettoso della donna, piccante, seducente. La società, ed in particolare quella occidentale, ha un problema morale e conflittuale con i costumi sociali per quanto riguarda l'esternazione del sesso e di tutti gli argomenti ad esso legati,con indubbia e preponderante censura. Ciò che noi chiamiamo trasgressione, è un qualcosa di imposto, ma non è detto che sia sbagliato ed immorale, poi, immorale per chì? per questa società bigotta e limitante? I tabù che fin da piccoli ci impone la chiesa e la società sono realmente aberranti e stupidi. Fin da piccoli ci insegnano a nascondere le parti intime, ci vietano di parlare di molti argomenti, veniamo riempiti di castranti e pesantissime sovrastrutture stereotipali. Emmanuelle non è così: è libera di vivere e viversi senza inibizioni, gelosie, limitazioni di sorta, la sua sfera intima e sessuale in piena e consapevole libertà. Disinibita, forte, autonoma, indipendente. Se gli individui vivessero il sesso in modo naturale, probabilmente avremo meno frustrazioni, meno violenze, meno repressioni. Un vero sogno. Ma purtroppo, è solo un libro.

  • User Icon

    Giuseppe

    19/09/2007 10:52:27

    E' un classico dell'erotismo, ok, immagino infatti lo scalpore che può aver destato quando uscì negli anni '60. Molto particolareggiato, quasi un trattato di anatomia. Gustoso, comunque nella prima parte, molto pesante nella seconda metà dove l'autrice si eleva a filosofa.

Scrivi una recensione