Categorie

Umberto Galimberti

Editore: Garzanti Libri
Collana: Le Garzantine
Anno edizione: 1999
Pagine: 1239 p. , ill. , Brossura

52 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Enciclopedie e opere di consultazione - Opere di consultazione

  • EAN: 9788811504795

scheda di Viacava, A. L'Indice del 2000, n. 03

Sette anni dopo la prima edizione Utet, riappare nelle Garzantine, in forma enciclopedica, il dizionario di psicologia di Umberto Galimberti. Accolto allora da un generale consenso e da qualche critica (cfr. "L'Indice", 1993, n. 9), avente per oggetto l'inevitabile approssimazione insita nello sforzo di compilare da soli un dizionario di una disciplina così estesa e articolata, oggi si ripresenta, forte di un buon successo commerciale e alcune traduzioni, in forma economica aggiornata e ampliata soprattutto nelle aree delle scienze cognitive, delle neuroscienze e della genetica. L'aggiunta di alcune appendici fornisce un quadro storico, una panoramica sull'attualità della professione di psicologo, e una ricca bibliografia, a cui si aggiungono le voci sugli autori, assenti nel dizionario del 1992. Ferma restando l'impostazione junghiana dell'autore e la predilezione per un orientamento psicodinamico, è evidente lo sforzo di correggere le mancanze e gli errori della precedente edizione (sono comparsi sia "modularità" che "connessionismo", la voce "sogno" è più articolata e ricca, "lateralizzazione" è stata aggiornata, ecc.). Resta tuttavia la perplessità sulla scelta editoriale di affidare non la cura, ma la compilazione di un'opera di respiro così vasto a un singolo autore, per quanto colto e prestigioso.

Anna Viacava

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vincenzo milazzo

    01/04/2006 15.23.50

    Ritengo il libro utile oltre che avvincente. Non esiste una voce che sia banale, semmai semplice, ma, come tutti sanno, la semplicità è complessità digerita, filtrata, divulgata. La complessità della mente e delle teorie che cercano di palesarla non è per tutti e tutti non possono parlarne. Esiste un limite di umiltà e decenza. Credo che Galimberti, avendo fatta propria la lezione dell'esistenzialismo, della fenomenologia, della psicologia analitica e, soprattutto, della filosofia greca, conservi la capacità di prescindere dall'hic et nunc del pensiero psicologico per approdare ad una concezione aspaziale e atemporale della psiche e, in definitiva, del senso dell'esistere. Un bel libro.

  • User Icon

    Massimo Del Papa

    17/12/2005 19.51.12

    A prescindere dalle ovvie difficoltà nel realizzare praticamente da solo un’opera così imponente e ambiziosa, per la prossima edizione consiglierei al professor Galimberti ( oltre che alla Garzanti!) di svecchiare l’ Enciclopedia ( rendendola in tal modo assai più “sfiziosa” e appetibile per un maggior numero di palati non propriamente “addetti ai lavori” ) togliendole quella fin troppo palpabile aura di accademica seriosità che dalla lettura di ogni voce traspare. Per fare ciò, credo sia inevitabile rivedere e aggiornare moltissime voci alla luce delle realtà psico-culturali attuali. Basterebbe solo fare un giro nel sito del MIUR, all’elenco delle varie scuole di psicoterapia riconosciute, per rendersi conto delle fin troppe lacune presenti in quest’opera. Consiglio solo così, en passant, alcune voci da aggiungere nella prossima edizione, voci che al sottoscritto (e non solo!) paiono davvero imprescindibili: Milton Erickson e relativa ipnosi non direttiva, Programmazione Neurolinguistica (Bandler e Grinder), Robert Desoille e la R.E.D., Gianmario Balzarini e l’Analisi Immaginativa, psicologia degli enneatipi (enneagramma), ecc.

  • User Icon

    Mario Alberti

    03/01/2005 12.33.40

    Complessivamente scarso , superficiale , descrive solo teorie senza alcun approfondimento. Le stesse voci sono esposte con maggior intelligenza e completezza nella Garzantina di Filosofia . Inoltre Galimberti dimostra di non conoscere nè la fisica nè la logica moderma , penso anche poco di neuroscienze , come dimostra tutta la sua produzione letteraria .

Scrivi una recensione