Salvato in 19 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' eresia del Cannonau
15,68 € 16,50 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
L' eresia del Cannonau 160 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,67 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,70 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,50 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,50 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,50 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
SUKKAZONE
16,50 € + 10,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Biblioteca di Babele
10,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,91 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,67 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,70 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,50 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,50 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,50 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
SUKKAZONE
16,50 € + 10,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
10,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,91 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
L' eresia del Cannonau - Gesuino Némus - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' eresia del Cannonau Gesuino Némus
€ 16,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Proposto al Premio Strega 2020 da Arnaldo Colasanti.

Nei giorni in cui l'ultima coda dell'estate lascia la Sardegna orientale, a Telévras una bambina di dieci anni sparisce nel nulla. Non parla, teme il latrato dei cani e le urla degli uomini, ed è nera, come i suoi genitori, venditori ambulanti di passaggio in terra sarda. Tutta la comunità si stringe solidale alla famiglia nelle ricerche: dal maresciallo Ettore Tigàssu al mitico centenario Aedo Pistis, fino agli sgangherati avventori della mescita del paese, devoti al vino Cannonau. Un microcosmo a cui il lettore avrà accesso a poco a poco insieme al personaggio dello "straniero", al suo primo incontro (e scontro) culturale con la gente del posto: Ferruccio, milanese, che ha finito di scontare ventisei anni di prigione e deve riprendere confidenza con il mondo. Nel nuovo romanzo di Gesuino Némus ambientato nella immaginaria - e ormai leggendaria - Telévras, nel cuore dell'Ogliastra, il mistero si dipana percorrendo vie mai battute, itinerari irrazionali, in un baccanale di cibo, vino, gioia di vivere e tradizioni sacrileghe.

Proposto al Premio Strega 2020 da Arnaldo Colasanti: «D'estate, nell'immaginaria Telévras, una bambina di dieci anni sparisce nel nulla. Non parla, è nera come i suoi genitori, venditori ambulanti di passaggio. La comunità si stringe alla famiglia nelle ricerche: dal maresciallo Ettore Tigàssu al centenario Aedo Pistis, fino agli strani avventori della mescita del paese, devoti al mitico vino Cannonau. Certo, ovunque scorre un'incancellabile disperazione, eppure la scrittura sembra nutrirsi di una profonda speranza. Pian piano, il mistero della sparizione diventa la forma complessa di un paesaggio, finisce per identificarsi con il mistero e con la bellezza di una terra preziosa, arida, meravigliosa, fatta sì di silenzi e di tradizioni sacrileghe eppure, al tempo stesso, di una forza vitale senza confronti. Nemus, col passo del romanziere di una volta, narra e racconta per far vivere all'unisono i personaggi e i lettori. Nulla è pretestuoso: tutto è necessario, così come la vita o forse come la possibile morte della bambina. Quello che più colpisce del romanzo di Gesuino Nemus è la sua capacità di immaginare la nuda verità dell'esistenza. Un paradosso che solo la vera letteratura sa esprimere.»

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
14 novembre 2019
188 p., Brossura
9788869938740

Valutazioni e recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
(6)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Delia
Recensioni: 3/5

Trama ben tratteggiata, anche se l'intreccio si intuisce abbastanza in fretta e ci si chiede come mai il carabiniere Tigassu e i compaesani non prendano da subito la pista giusta. Come sempre complotti, corruzione ai livelli più alti delle istituzioni vengono ben evidenziati lasciando un po' amareggiati. Non convince come il primo libro, esagera nell'esaltare ex galeotti come salvatori e custodi del buon senso e fedeltà e non si capisce bene l'astio che in tutti i libri Nemus ha verso gli editori e i recensori dei suoi libri che accusa di recensire senza leggere.

Leggi di più Leggi di meno
Bertie
Recensioni: 5/5

Grazie a dei "veri sardi" ho conosciuto questo autore che è stata una vera scoperta! Lettura piacevole e scorrevole Lo consiglio molto!!

Leggi di più Leggi di meno
Astrifiammante
Recensioni: 5/5

E dopo teologia, catechismi, ora pro nobis, ora pure l'Eresia. Il vino è buono, la scrittura pure meglio. Lo adoro quest'uomo-scrittore che non riuscirò a conoscere mai (sigh!). Fine. Ora stappo una bottiglia. Prosit.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

«Dove non può il sostantivo, l’aggettivo ha effetti dirompenti», così, con questa e tante altre perle di saggezza, Gesuino Némus (al secolo Matteo Locci) incantò quattro anni fa lettori e critica, con un delizioso e divertentissimo romanzo d’esordio intitolato La teologia del cinghiale (Elliot), insieme e grazie al quale, lo scrittore sardo si è aggiudicato, tra gli altri, il Campiello Opera Prima ed il John Fante; cioè, due tra i premi letterari più importanti d’Italia.

Oggi Némus torna senza esitazione ad indossare le vesti del funambolo della parola e, con una disinvoltura ed una classe non comuni, alza il sipario su quel fantastico spettacolo di piroette e numeri che solo lui sa, senza errori, portare a termine, muovendosi tra i pericoli di due lingue così importanti e complesse (il sardo, la sua prima scelta, e l’italiano come lingua straniera) da fare impallidire persino le insidiosissime, mitiche Simplegadi. Il risultato è lì, a beneficio di un lettore curioso e divertito, sempre più sorpreso dalla quantità di riferimenti, tutti calzanti e mai sfrontati; perché Némus è indubbiamente colto, ma non lo vuole ammettere.

Il ritorno dello scrittore di Jerzu – e soprattutto di quel paesino della Sardegna orientale chiamato Televras, che sta ormai a Némus come Vigata sta a Camilleri – si deve a L’eresia del cannonau (188 pagine, 16,50 euro), romanzo, anche questo divertente e profondo (alcuni, lo so, potranno considerarla una contraddizione in termini, ma vi assicuro che non lo è) uscito a novembre per i tipi di Elliot edizioni. Al centro della storia c’è la tragica scomparsa di una bimba; che sconvolge nel modo più violento e doloroso il languido susseguirsi delle ridondanti giornate della mai doma comunità di Televras e la induce ad organizzare ricerche sempre più difficili in territori che solo con grande generosità potremmo definire impervi.

Tutti si muovono guidati dalle tre indiscusse autorità del paese: Padre Carlo, il Maresciallo Tigassu e, ovviamente, Samuele Baccanti della omonima “Pubblica mescita Cannonau & Basta”, mentre una pletora di personaggi altrettanto illustri come un aedo centenario che dispensa racconti non verificabili, un eremita dal passato hippy, chiamato “il vescovo” ed un gruppo di non meglio identificati, devoti estimatori del “Cannonau” comincia a disegnare i contorni di una comunità, fiera fino al paradosso delle proprie origini, eppure sempre pronta ad offrire a chi, come Ferruccio – che sardo non è – la possibilità di godere di una terra che «ti può guarire, se davvero la ami».

Anche questa volta l’autore non si è accontentato di imbastire la solita trama con finale, più o meno “come da copione”; che, per carità, forse sarebbe andata, comunque, bene. Già sbilanciatosi, direi senza possibilità di ritorno, con La teologia del cinghiale, Némus è tornato, a modo suo, sui grandi temi dell’amicizia, della lealtà, dell’amore e, adesso, anche dell’inclusione, dando voce a tutti quei volti che di solito voce non hanno e che, invece, sanno insegnare “come si insegna veramente: senza voler insegnare”, cioè con le loro vite, i loro sacrifici, la loro pazienza, facendo leva su quella capacità di «tramandare l’eresia e non il dogma» che i semplici, e forse con loro i folli, hanno, «proprio come il Cannonau». Per questo, la recherche, alla fine, non sarà solo quella, necessaria, della bambina.

Una menzione a parte meritano, in questo ultimo romanzo di Némus, gli eserghi; qui addirittura in tre lingue: latino, italiano e, ovviamente, sardo, cominciano a diventare delle vere e proprie perle; quasi come quelli di Colin Dexter (anch’egli, d’altra parte, era un isolano).

Recensione di Camillo Scaduto

 

 

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Gesuino Némus

1958, Jerzu

Gesuino Nèmus, pseudonimo di Matteo Locci (Jerzu, 1958), è uno scrittore italiano. Esordisce nella narrativa con La teologia del cinghiale, edito da Elliot nel 2015 e vincitore, tra gli altri, del Premio Campiello Opera Prima e del Premio John Fante Opera prima. A La teologia del cinghiale segue I bambini sardi non piangono mai, vincitore Premio Franco Fedeli miglior poliziesco dell’anno 2016.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore