Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro

Giovanni Bianconi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 27 marzo 2018
Pagine: 426 p.
  • EAN: 9788806238681
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Dei brigatisti si ripercorrono le vicende personali, le mosse durante il sequestro, i contrasti interni, i sentimenti e le reazioni alle risposte dello Stato, i colloqui con l'ostaggio, la vita clandestina nella giungla metropolitana grazie alla quale i ricercati sono passati indenni dai controlli di polizia nella città assediata, fino alla tormentata decisione di uccidere il prigioniero come unica conclusione possibile della "battaglia" ingaggiata col rapimento. Nella Dc emerge un atteggiamento che col trascorrere dei giorni va dalla sorpresa alla sofferta consapevolezza di ritrovarsi paralizzati per una Ragione di Stato contro la quale Moro combatte la sua personale battaglia dalla prigione brigatista.

€ 10,88

€ 14,50

Risparmi € 3,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giuseppe

    18/02/2019 22:09:51

    Bianconi ripercorre tutte le tappe del sequestro Moro dimostrando competenza, obbiettività ed equilibrio narrativo. Ne consiglio senz' altro la lettura, specie se non si hanno approfondite conoscenze della vicenda. Non ho però condiviso la scelta di nominare i brigatisti con il loro "nome di battaglia".

  • User Icon

    franco

    21/07/2018 17:52:28

    Nell'alluvione di parole e immagini del quarantennale appena trascorso, alluvione da cui non emerge nulla di conclusivo sulla tragedia Moro e in cui galleggiano troppe opinioni e pochi fatti, è stato per me un'attività veramente igienica ripercorrere giorno per giorno la vicenda sotto la guida attenta e ben informata di Bianconi, che analizza tutti i fatti noti e rimette in scena tutti i protagonisti dei 55 giorni con le loro azioni, dagli amici, ai familiari, ai vertici politici e istituzionali, ai poliziotti, fino ai terroristi. Una narrazione totale e coinvolgente, che permette a chiunque abbia vissuto da spettatore quel tragico periodo, di riscoprire i propri pensieri e ricordi, di far riemergere le riflessioni allora fatte. E come ogni bravo cronista, Bianconi riesce a smantellare anche alcuni miti, per esempio quello che vuole Moro come vittima emblematica, quando invece i brigatisti giungono a lui dopo avere attentamente soppesato le "candidature" di Andreotti e di Fanfani e averle scartate per banali motivi pratici e operativi: Moro era il più vulnerabile per un sequestro. E poi evidenzia, analizzando i fatti giornalieri, una verità semplice e sconvolgente: le forze di polizia brancolano nelle tenebre fin dall'inizio e per gran parte del tempo restano sempre uno-due passi indietro rispetto ai terroristi! Appare penoso come abbiano dei terroristi solo informazioni e foto vecchie, come ne abbiano perso le tracce da quando sono passati dall'estremismo alla clandestinità. Funzionari acuti ve ne sono, come quello Spinella che ha le giuste intuizioni fin dall'inizio, ma mancano di ogni informazione dal di dentro, insomma, non sono riusciti a penetrarlo con opportuni infiltrati. Eppure non era un fenomeno muovo, da anni se ne subivano le aggressioni. La crescente tensione fra Moro e i vertici politici, fermi nel rifiuto di ogni trattativa, viene ben messa in luce, così come il dramma della famiglia. Insomma, il libro di Bianconi è ancora oggi indispensabile.

Scrivi una recensione