-50%
L' esistenza di Dio - Raul Montanari - copertina

L' esistenza di Dio

Raul Montanari

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Dalai Editore
Collana: I tascabili
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 gennaio 2008
Pagine: 306 p., Brossura
  • EAN: 9788860732125
Salvato in 36 liste dei desideri

€ 3,95

€ 7,90
(-50%)

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

L' esistenza di Dio

Raul Montanari

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' esistenza di Dio

Raul Montanari

€ 7,90

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' esistenza di Dio

Raul Montanari

€ 7,90

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Condannato per un delitto di cui è parso fin troppo ansioso di dichiararsi colpevole, Adriano salva in carcere un ragazzo, Bruno, da una violenza sessuale. Ma Bruno non è un detenuto qualsiasi: è il figlio di un boss mafioso. Quando Adriano esce dalla prigione trova Bruno ad aspettarlo, pieno di una riconoscenza che finisce per rivelarsi pericolosa per lui, per i suoi affetti e per tutto il mondo che sta cercando di ricostruire intorno a sé. Cosi Adriano dovrà alla fine affrontare Bruno e mettere in gioco la propria esistenza per salvare quella delle persone che ama. Ambientato in una Milano visionaria, questo thriller psicologico assume le cadenze di una tragedia greca, dove il destino incalza l'eroe costringendolo a scelte drammatiche.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,31
di 5
Totale 31
5
20
4
5
3
1
2
3
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ezio

    11/03/2019 04:46:07

    Trama e personaggi sono descritti in maniera esaustiva, compresi i rapporti tra di loro. Onestamente pero', "Chiudi gli occhi" e' di un'altra categoria....peccato. Rimane comunque lo stile veloce e leggero degli altri romanzi

  • User Icon

    serafini lino pasqualino

    30/11/2018 11:49:20

    un romanzo mediocre,trama sufficiente .libro nel complesso piacevole

  • User Icon

    AdrianaT.

    30/09/2017 13:43:00

    Montanari scrive bene. Almeno, a me piace. Le cose della vita, in particolare della mia generazione, sono sempre quelle, ma messe giù piuttosto bene. I suoi pensieri girano per il mio verso e arrivano là dove conosco, ma la sua storia qui genera squallore e angoscia costante. È sensuale, ma fino ad un certo punto. È crudo, ma fino ad un certo punto. È violento, blasfemo, ma fino ad un certo punto nella giusta misura e poi tende a scivolare oltre la mia soglia del banale e dello schifo che non mi soddisfa anche se avverto un minimo gradimento che pesca dal profondo, qualsivoglia sia la superficie.

  • User Icon

    sara orioli

    11/02/2011 10:10:53

    Il primo romanzo che ho letto di Montanari, e penso proprio che non sarà l'ultimo. Una bella scoperta ( anche questa, ricercata).

  • User Icon

    Nicola81

    31/10/2009 13:08:24

    Mi è piaciuto, ma meno di CHIUDI GLI OCCHI e LA VERITA' BUGIARDA. Non che sia un brutto libro, anzi, però manca decisamente di pathos. Nemmeno nei due romanzi precedenti la componente thriller era preponderante, ma qui è addirittura inesistente, ed allora il tutto si consuma nel rapporto fra i cinque personaggi principali, tutti accumunati da un passato difficile e da un presente incerto, che non fanno altro che incontrarsi, spesso casualmente, per le strade di una Milano che, a parte loro, non sembra avere molti altri abitanti... Le coincidenze sono inevitabili nella letteratura, ma stavolta mi sembra che Montanari abbia francamente esagerato. La sua scrittura, però, è sempre di altissimo livello e, grazie alla consueta bravura nell' analisi psicologica dei personaggi, riesce a rendere interessante una vicenda che in mano a chiunque altro risulterebbe di una banalità sconcertante. Insomma un romanzo abbastanza profondo, ma chi cerca qualcosa di simile al noir o al thriller farà bene a rivolgersi altrove.

  • User Icon

    maria pezzullo

    29/09/2008 22:05:36

    Ho scoperto recentemente Montanari e questo romanzo è fra quelli che mi è piaciuto di più. Dopo le prime 10 pagine che sono mozzafiato(vale la pena di leggerlo solo per questo) ha inizio il racconto vero e proprio. I temi di cui tratta lo scrittore sono diversi ma uno in particolare mi ha toccato ed è quello del coraggio.Il protagonista infatti si muove in questo mondo in cui è il male a far da padrone con un' assunzione di responsabilità ed una consapevolezza che con le proprie scelte comportamentali si decide il proprio destino morte compresa che lascia senza parole.Una lezione per tutti in un'epoca in cui valori come la solidarietà,la generosità, il farsi carico dell'altro sono una chimera.Bellissimo, inquietante e commovente.

  • User Icon

    omacc

    02/09/2008 09:14:18

    Questo libro e' stato una sorpresa. Teso,semplice, tagliente va dritto al cuore.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    25/05/2008 09:47:48

    Nel romanzo si snodano due amicizie apparentemente solo simili, in quanto appartenenti a mondi diversi, perché con Carlo, amico d’infanzia, è un rapporto di reciproca riconoscenza, mentre con Bruno, figlio di un boss e salvato in carcere da una violenza, obbedisce alle ataviche regole dalla malavita, a un codice d’onore in cui ogni aiuto disinteressato finisce con il creare l’obbligo di ripagarlo. In questi due mondi antitetici si muove, suo malgrado, Adriano (il personaggio principale), cercando sempre di restare in quello originario, ma costretto poi a piombare nell’altro nel momento in cui Carlo, mosso dal bisogno, commetterà un’imperdonabile sciocchezza. Ci sono poi alcune righe di introduzione dove si fa un distinguo fra illusioni e speranze, due concetti che si assomigliano, ma non sono uguali. Le prime fanno parte del passato, mentre le speranze guardano al futuro, e i contrari sono rispettivamente le delusioni e le disperazioni, in cui le prime finiscono per essere esperienze amare, ma salutari, mentre le seconde sono la resa totale, o meglio ancora, come dice l’autore, sono l’unico peccato per il quale non c’è perdono, né in terra né in cielo. Ecco, in questa disquisizione c’è tutto il nocciolo dell’opera e si arriva anche a comprendere il perché dello strano titolo: chi vive di illusioni finisce per le sue disgrazie con il prendersela con Dio (Dio perché mi hai fatto questo?). Ma con le illusioni non si cresce, perché non hanno futuro, a differenza delle speranze, e il gesto finale di Adriano è una speranza, in un mondo migliore, dove tutti i suoi affetti possano vivere, magari anche nel suo ricordo. Nel complesso, L’esistenza di dio finisce con il travalicare i canoni del noir classico, affrontando tematiche che quasi sommergono la trama, ma che riescono a dare al romanzo un’impronta che lo nobilita e che con convinzione mi induce a raccomandarne vivamente la lettura.

  • User Icon

    Mauri-74

    28/03/2008 19:26:19

    Il libro che mi ha fatto conoscere Raul Montanari, secondo mè un grandissimo scrittore...ora me ne mancano un paio e li ho letti tutti. Consigliatissimo, sia questo che tutti gli altri, una certezza!un modo di scrivere unico!grazie

  • User Icon

    Nicoletta

    20/03/2007 00:10:11

    Di questo autore ho letto l'anno scorso chiudi gli occhi che mi era piaciuto abbastanza e quando ho visto in libreria quest'altro romanzo l'ho comprato con piacere, l'ho letto in due giorni tanto è scorrevole, leggero, e scritto in modo semplice ma mi sembra che sia la storia a mancare. Purtroppo lasciate passate alcune settimane devo constatare che non mi è rimasto nulla che non siano immagini stereotipate di personaggi strambi e atmosfere irreali, oltretutto faccio fatica a rammentare la trama. Leggendo gli altri commenti mi chiedo se per apprezzarlo avrei dovuto leggere tutti i suoi libri così da cogliere significati sotterranei che invece mi sono sfuggiti? Oppure si cercano significati sotterranei proprio quando manca la sostanza? Non so se lo consiglierei, per questo il mio voto è 2 su 5.

  • User Icon

    stefano

    11/12/2006 23:19:26

    Nelle pagine di Montanari ritrovo acute riflessioni sulla società di cui faccio parte, in più la trama è molto avvincente e godibilissima. Le pagine scorrono veloci...e spesso si vorrebbe rallentare nella lettura, ma è difficile farlo tanta è la curiosità e il trasporto con cui si VIVE la narrazione. Ci si trova pienamente coinvolti nella storia e anche una volta chiuso il libro i personaggi così ben definiti rimangono vivi dentro di me. E' piacevole e fa sentire Montanari molto vicino al lettore ritrovare alcuni elementi che caratterizzano i suoi libri. Ne cito alcuni: la pesca descritta sempre con dovizia di particolari, il fiume. E infine gli scenari sullo sfondo delle storie. Se questa volta è mancato il lago d'Iseo troviamo una nitidissima descrizione di Milano. Grazie Raul!

  • User Icon

    Roberta Licursi

    15/11/2006 19:34:29

    C'è qualcosa che non funziona nel mondo dell'editoria italiano se un autore bravo come Raul Montanari non riesce a sfondare in maniera fragorosa. I suoi libri hanno il pregio di essere leggibili e profondi in uno scenario caotico e inflazionato nel quale si fa a gara per ritagliarsi una originalità stilistica che spesso affonda le proprie basi nel nulla. Chi tira via la punteggiatura, chi le maiuscole, chi scrive in rima, chi per enigmi. E chi ha voglia di leggere un libro divertente e profondo che abbia il sapore della vera letteratura riuscendo ad intrattenere ed appassionare? Io la risposta l'ho trovata, leggo Raul Montanari.

  • User Icon

    sigmund

    06/07/2006 17:56:36

    una sola ombra, quella tirata sulla psicanalisi, anzi contro, benché la condivida pienamente mi chiedo: ma ce n'era proprio bisogno? era così utile alla storia? è stato l'unico momento in cui mi sono annoiato, ciò non toglie che montanari si becca 5. Se un dio esiste, questo libro gli renderà giustizia.

  • User Icon

    Greta

    22/06/2006 16:25:10

    Mettiamola così: se qualcuno mi avesse regalato questo libro, togliendo il nome dell’autore con la sfida all’ “indovina chi”, io a pagina dieci circa avrei risposto. Raul Montanari, giocandoci pure dei soldi. E’ una sicurezza questa. Come una coperta che tiene caldo, è una consolazione, perché quando di un autore hai letto tutto o quasi (compresi articoli, scritti nel forum, interviste partecipazioni tv etc. etc.) è con una strana forma di autocompiacimento che scorri il suo ultimo libro con velocità e beatitudine. Come se il fatto che “anche questo” ti sia piaciuto, fosse un merito del lettore che ha saputo scegliere l’autore giusto, quello che non delude. Insomma se questo libro mi è piaciuto è merito mio no? A parte le divagazioni personali, potrei scrivere qualcosa come dieci pagine in word solo per parlare di quel dio che forse c’è o forse no e che ricorre così spesso nei lavori e nei discorsi di Raul Montanari. Ma siccome io faccio parte di quella fetta d’umanità che ha deciso di non affrontare il problema….lo accantono pure qui. Vorrei soffermarmi invece sull’enorme spirito di espiazione che avvolge il protagonista. Adriano è noi, è la parte di noi che ha bisogno di crederci, è chiunque voglia il bene degli altri arrivando ad annullarsi per una strana forma di masochismo e di amore eccessivo. Adriano mi è piaciuto, la storia pure, dio anche. L’amicizia, forte e salda anche nel dubbio è stata tracciata bene e senza cadute di tono. Naturalmente ha descritto meglio l’amicizia fra Adriano e Carlo (anche perché Adriano è il protagonista) ma è stata svelata anche se non approfondita quella tra Federica e Bianca. Lo stile è il suo: per chi lo ama è uno scorrere felice fino all’ultima sillaba, anche se si tratta di un noir, senza troppi fronzoli in mezzo e posso dire senza ombra di dubbio che ad ogni libro questo stile si rafforza sempre di più. Lo senti quando l’autore è “sicuro” nel suo incalzare e anche quando è sincero e mai forzato..

  • User Icon

    stefano

    14/06/2006 10:53:01

    E' quasi imbarazzante, un altro libro stupendo. Grazie Montanari.

  • User Icon

    Vincenzo Altamura

    13/06/2006 21:58:24

    Nell’ “Esistenza di dio” Raul Montanari ci conduce in un viaggio fantastico osservando gli avvenimenti dietro i vetri: talora apparentemente limpidi, poi deformanti, appannati, smerigliati, gocciolanti, imbrattati, infine lucidi a specchio. Allora il vetro ci rimanda la nostra figura: l’Oudeis omerico che non possiamo fissare. Intuiamo tuttavia che quello zero è la cifra chiave, la benda che ricopre il viso di Ananke. Una schiera di automi instancabili, pagina dopo pagina, solleva Dio dalla fortezza vuota, e lo stende sulle case e sulle chiese, sulle strade aride e sulle finestre vigili: siamo così in basso che non possiamo vedere. Bravo Raul, bravo elevato a una potenza che è soltanto nello spirito di chi ti sappia leggere

  • User Icon

    martina cossia castiglioni

    04/06/2006 11:16:18

    Di recente Raul Montanari si è definito un «sacerdote delle storie». Uno dei bisogni primari dell'uomo è per lui quello di RACCONTARE, e Raul si considera essenzialmente un narratore, un costruttore di trame, un autore al servizio delle storie. I suoi romanzi hanno sempre trame forti, vicende ben costruite che trascinano il lettore e gli fanno divorare i suoi libri in un paio di giorni. Eppure più romanzi leggo di Raul più mi convinco che la loro forza sta soprattutto nella scrittura, nello stile. Certo ne «L'esistenza di Dio» la trama è importante, ed è importante, più che mai, la figura del protagonista. Ma nel leggere io mi sono fatta incantare dalle descrizioni - quelle di Milano, ma anche quelle dell'«anima» dei personaggi – dall'abilità che ha Raul di usare il linguaggio, dal suo stile semplice ma nello stesso tempo ricchissimo. Bello l'incipit, bello il brano su Milano e il «sono tornato», bella perché molto vera la notte d'amore con Federica, bello il capitolo in cui Adriano porta il figlio di lei sul lago. Ecco, io avrei tolto invece la scena «dell'orgia», che nei libri di Raul non manca quasi mai ma che in questo romanzo, secondo me, è superflua. O il capitolo sulla psicoanalisi che, Raul perdonami, ho trovato un po' banale. Ma per il resto «L'esistenza di Dio» mi è molto piaciuto, l'ho trovato più maturo di «La verità bugiarda». Insomma, un romanzo da consigliare assolutamente. E poi, spero che venga il giorno in cui Raul parlerà di sé più come di uno SCRITTORE che di un Narratore.

  • User Icon

    Maurizio D'Ambrosio

    25/05/2006 13:15:19

    Consigliato da una mia amica, sua grande estimatrice. Divorato in due giorni. Non avevo mai letto Raul Montanari, adesso sono fermamente intenzionato ad approfondire questa piacevole conoscenza recuperando altre sue cose.

  • User Icon

    Giorgio Vitali

    23/05/2006 17:11:20

    Straordinario. Il tizio con il nome da arabo che si atteggia a conoscitore di Dostoevskij deve aver letto solo l'intervista a cui fa riferimento... Probabilmente Montanari deve avergli soffiato la ragazza, visto che anche in un'altra occasione aveva infierito in questa maniera gratuita nei confronti dell'autore milanese. Il più bel romanzo italiano che mi sia capitato di leggere negli ultimi 10 anni (e ne ho letti tanti...). Più maturo rispetto all'ultimo LA VERITA' BUGIARDA, meno roboante, meno compiaciuto, più intimista. Complimenti. Continui così Raul e se ne infischi dei delatori.

  • User Icon

    Marino

    20/05/2006 22:21:11

    A ogni nuovo libro Montanari lascia il segno. Avvincente e denso di spunti di riflessione come sempre, questo autore ha fatto di nuovo centro.

Vedi tutte le 31 recensioni cliente
  • Raul Montanari Cover

    Raul Montanari ha pubblicato tredici romanzi e tre libri di racconti. I più noti: La perfezione (Feltrinelli 1994) e, per Baldini & Castoldi, Che cosa hai fatto, Chiudi gli occhi, L’esistenza di dio, La prima notte, Strane cose domani (premio Bari, premio Siderno e voto degli studenti alla selezione Premio Strega 2010). Più di cento suoi racconti sono usciti in antologie, quotidiani e periodici. Con Aldo Nove e Tiziano Scarpa ha scritto Nelle galassie oggi come oggi (Einaudi), insolito bestseller nel campo della poesia. Ha pubblicato il saggio Il Cristo zen (Indiana 2011), oltre a numerosi articoli, opere teatrali, sceneggiature e traduzioni dalle lingue classiche e moderne (Sofocle, Seneca, Shakespeare, Poe, Stevenson, Wilde, Borges, Cormac McCarthy fra gli altri).... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali