L' estate senza uomini

Siri Hustvedt

Traduttore: G. Guerzoni
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 maggio 2013
Pagine: 165 p., Brossura
  • EAN: 9788806216313
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione
Boris, insigne neuroscienziato newyorkese, si è concesso una "pausa", vale a dire un'amante più giovane, e la moglie Mia, poetessa e filosofa, l'ha presa male ed è finita in ospedale con una diagnosi di "psicosi reattiva breve". Uscita dall'ospedale, Mia non se la sente di tornare nella casa disertata dal marito, e decide così di allontanarsi per qualche tempo da New York per andare a trovare la madre, che abita in una struttura residenziale per anziani a Bonden, Minnesota, la cittadina dove Mia è nata e cresciuta. Comincia così questa inconsueta storia di una convalescenza, la convalescenza di una donna che, sperimentando un'estate senza uomini, riscopre in una realtà provinciale apparentemente squallida e monotona un mondo di relazioni umane ancora più ricco e coinvolgente di quello a cui era abituata nella sua sofisticata vita di intellettuale metropolitana. Non si pensi però a un'ingenua riscoperta delle radici, perché lo sguardo posato da Siri Hustvedt sulla provincia americana non ha nulla di idilliaco: le tenere adolescenti che studiano poesia sottopongono le compagne a raffinate torture psicologiche, le arzille vecchiette ricoverate in ospizio coltivano lubrichi "divertimenti segreti", e le simpatiche famigliole nelle loro villette suburbane sono lacerate da violenti diverbi. In questo mondo apparentemente mansueto ma intimamente turbolento, Mia irrompe come una sorta di deus ex machina, suscitando confidenze, svelando intrighi e risolvendo conflitti.

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Etta_due

    26/07/2017 10:59:14

    Sembra più un esercizio di stile che un romanzo. L’ho voluto finire per due motivi: il primo è che odio lasciare un libro senza averlo terminato e il secondo motivo è che volevo capire fino a che punto non mi piacesse. L’utilizzo che fa dell’io narrante è di dubbio gusto, a volte fastidioso. Qualche spunto di riflessione interessante c’è ma si perde nel caos di una storia-non-storia che somiglia più ad un flusso di coscienza (mal riuscito) che ad un buon libro. Ho tentato fino alla fine di capire come la protagonista riesca (o non riesca) a risollevare le sorti del suo matrimonio e di se stessa, ma non ho trovato risposte. Avrei dovuto dare 1 sola stella, ma la brevità e la scrittura scorrevole gliene fanno guadagnare una seconda. L’autrice se non sbaglio è una filosofa/poetessa, non una scrittrice…beh dovrebbe evitare di scrivere romanzi. Non consigliato.

  • User Icon

    Alberto

    30/08/2013 17:57:03

    Ho letto solo ora questo libro di S.H. dopo averla conosciuta con "Elegia di ... ecc". Non mi ha deluso, a mio modestissimo avviso questo nn è un romanzo, la storia, debole come qualcuno ha scritto precedendomi, è di pretesto per l'autrice che nn dimentichiamo è sopratutto poetessa e filosofa. Ho trovato passi filosofici e qualche verso poetico molto validi. Ecco perchè assegno 4 su 5. Consigliato a chi non cerca la "storia" ma motivi di riflessione sulla vecchiaia e la morte.

  • User Icon

    strummercave

    03/09/2012 11:39:11

    Sembra più un esercizio di stile, con frequenti rimandi alla poesia e alla filosofia, che un romanzo americano. Storia piuttosto modesta e poco reale, alcuni personaggi stereotipati (la setta delle ragazzine su tutti), un uso dell'io-narrante a volte irritante. Unico pregio, la brevità.

  • User Icon

    Mauz

    09/08/2012 15:12:07

    Una commedia americana, a tratti poco realistica. La lettura scorre abbastanza rapidamente.Niente di eccezionale ma leggibile.Più o meno sufficiente

  • User Icon

    Federica

    02/07/2012 15:14:06

    Come fa Mia, poetessa tradita dal marito, a ritrovare se stessa e a fare pace con la vita? Ho cercato una risposta fino alla fine dl libro ma sono rimasta delusa. Romanzo noioso e dispersivo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione