-15%
La fabbrica delle stelle - Gaetano Savatteri - copertina

La fabbrica delle stelle

Gaetano Savatteri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: La memoria
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 1 settembre 2016
Pagine: 294 p., Brossura
  • EAN: 9788838935442
Salvato in 62 liste dei desideri

€ 11,90

€ 14,00
(-15%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La fabbrica delle stelle

Gaetano Savatteri

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La fabbrica delle stelle

Gaetano Savatteri

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La fabbrica delle stelle

Gaetano Savatteri

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Lo straordinario personaggio inventato da Gaetano Savatteri - un suo alter ego? - per le antologie a tema di Sellerio, Saverio Lamanna, giornalista fuori dal coro e fuori dal ruolo, è finalmente protagonista di un romanzo.

«Un piccolo gioiello di stile e trama» - Lettore IBS

«Savatteri, grazie per aver creato Saverio. Davvero grazie, ma perché non scrivi un libro interamente dedicato a lui? Intelligente, colto, brillante, ma soprattutto con un senso dell’umorismo tagliente» - M. ANOBII

Lo straordinario personaggio inventato da Gaetano Savatteri - un suo alter ego? - per le antologie a tema pubblicate da questa casa editrice, Saverio Lamanna, giornalista fuori dal coro e fuori dal ruolo, è finalmente protagonista di un romanzo. I lettori delle antologie l’hanno definito su Facebook «mitico, simpatico, folgorante, mondiale» e non saranno delusi dalla Fabbrica delle stelle. L’estate sta finendo a Màkari. E settembre è un mese difficile, anche per Saverio Lamanna: si prepara a dover salutare Suleima, che concluso il suo lavoro stagionale deve ripartire per il Nord. Forse proprio per questo, per evitare saluti e separazioni, senza pensarci due volte, accetta un lavoro che lo porta lontano dalla Sicilia. Disoccupato ormai da alcuni mesi, dopo il licenziamento in tronco dal ruolo di portavoce di un sottosegretario, ancora senza soldi - malgrado abbia già pubblicato qualche libro - Lamanna raccoglie al volo l’offerta di curare le pubbliche relazioni per conto di una giovane produttrice cinematografica romana che deve presentare un film alla Mostra del Cinema di Venezia. E così sbarca al Lido con il fidato Peppe Piccionello che presto animerà le giornate mondane della mostra. Il lavoro di pubbliche relazioni di Lamanna in realtà nasconde un altro obiettivo: proteggere la giovane e ricca produttrice dal suo fidanzato un po’ troppo manesco. Tra incontri con vecchie amiche, rimpianti per Suleima, nuove tentazioni e antichi desideri, la permanenza di Lamanna tra gli hotel e i bar del Lido - popolati da attori, star internazionali, critici cinematografici e intellettuali da cocktail - si trasforma in tragedia. Un omicidio con un assassino per niente misterioso scatena la caccia all’uomo, così come tambureggiano i telegiornali con frase fatta. Ma quando l’autore del delitto è ormai alle strette, le cose cominciano a sfuggire. Nel mondo delle immagini, della finzione cinematografica, dello spettacolo dell’ipocrisia, non è facile trovare il filo che porta alla verità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,1
di 5
Totale 10
5
1
4
3
3
3
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Patty

    04/11/2019 14:38:51

    Molto meno riuscito dei precedenti (ottimi) racconti, dei quali sembra più che altro una versione 'dilatata' (diluita? allungata?) più che 'approfondita'. Tutto è esagerato e diventa poco credibile, Lamanna ormai non parla che per battute sarcastiche (più o meno riuscite), Piccionello è una maschera totalmente implausibile di se stesso, il resto dei personaggi di contorno ... beh, sorvoliamo. La seconda stellina l'ho data per simpatia, ma non certo per il merito. Che peccato.

  • User Icon

    angelo

    04/02/2019 15:15:33

    Ingredienti: una coppia attira-delitti di amici siciliani, una trasferta alla mostra del cinema come addetti stampa-guardie del corpo, una “morte a Venezia” tra star hollywoodiane, un caleidoscopio di citazioni letterarie e musicali in cui perdersi piacevolmente. Consigliato: a chi vuol recitare deridendole le più banali litanie dei luoghi comuni, a chi vuol indossare mille definizioni fashion della Sicilia.

  • User Icon

    giuseppe

    18/09/2018 16:35:58

    L’intento di Gaetano Savatteri con il suo “La fabbrica delle stelle” vuole essere quello di far emergere la falsità e l’inganno sui quali si fondano da una parte il mondo politico, dall’altro il mondo dello spettacolo. Ciò che non funziona, io credo, in questo romanzo, è l’eccessivo atteggiamento “politicamente scorretto” del personaggio Lamanna, che si esprime solo attraverso espressioni sarcastiche, troppo frequenti, tanto frequenti da comprometterne la vis satirica. Frustrato nell’ambizioso progetto di una carriera politica, Saverio Lamanna non esita a guardare con ironico disprezzo il mondo di cui fino al giorno prima era parte e accetta di assumere l’incarico di guardia del corpo di un’attrice che dovrà essere presente al festival del cinema di Venezia. Con sé porta lo scalcinato Piccionello, eternamente vestito con t-shirt e infradito. I due si improvvisano così come una sorta di Don Chisciotte e Sancho Panza, prima, Sherlock Holmes e Watson, poi. Il mondo del cinema e della televisione appare come una fabbrica di illusioni e di inganno, luogo di rivalità e ipocrisie. Si citano attori e personaggi del grande schermo, registi e romanzieri. Non poteva mancare qualche accenno all’Aschenbach di Thomas Mann, visto che ci troviamo a Venezia. La storia si tinge di giallo nella seconda metà del romanzo, dando un po' più di vivacità all’intera narrazione troppo sbilanciata sulla ricerca della battuta. La satira è un terreno che può risultare scivoloso se non è ben dosata.

  • User Icon

    AdrianaT.

    14/03/2018 09:08:44

    Non male l'ambientazione da sud a nord, fra Sicilia e Veneto, ma sempliciotto e prevedibile in tutto l'andamento e un gran finale da Razzie Award dell'editoria. Mi ricordavo un Savatteri di gran lunga più consistente. Sembra strizzi l'occhio alle più becere banalità della contemporaneità fra riferimenti a social, tv spazzatura e stupidi ambienti glamour, costruendolo a tavolino per accaparrarsi una certa fetta di lettori. E poi, pare scritto da un ventenne piuttosto che da un over 50; da sottolineare i numerosi dialoghi particolarmente penosi e le battute scontate, supposte divertenti, che nemmeno con la raspa. Forse era qualcosa che aveva nel cassetto da anni, poi rimaneggiato a scopi commerciali: non trovo altra spiegazione a questo tonfo di stile. Con il più che dignitoso 'La congiura dei loquaci' l'avevo veramente sopravvalutato - peccato!

  • User Icon

    Silvana

    09/10/2017 05:12:34

    In passato ho letto con piacere i racconti delle raccolte di Sellerio con Lamanna e Piccionello; credo che il racconto sia la dimensione giusta per le loro storie: duecentosessanta pagine con lo stesso stile mi sono sembrate onestamente troppe: troppo caricaturale Piccionello; esagerata la ricerca della battuta ad ogni costo; leggibile ma alla fine un po' pesante

  • User Icon

    Pino

    14/06/2017 08:31:11

    Mi hanno regalato questo libro e l'ho letto con piacere. Se cercate trame complicate o pensate di leggere un giallo forse conviene rivolgersi ad altre letture (anche se l'omicidio c'è). La trama è semplicissima. Il tutto si regge su ciò che accade e come reagiscono i personaggi di Lamanna e del suo amico Piccionello. Un pochino stile avvocato Malinconico di De Silva. Non capisco la recensione che parla di linguaggio triviale. A me pare linguaggio corrente del 2017 fra persone che si conoscono. Quindi: divertente e senza grosse pretese.

  • User Icon

    Antonio Pagliuso

    25/11/2016 18:36:49

    Una scrittura avvincente, non digiuna da citazioni che, profferite con sarcasmo e nel momento giusto, muovono a sorrisi il lettore. Un riso che può essere definito riflessivo e amaro come dettò il Pirandello. La storia raccontata è gustosa, ricca di critica ironia verso il mondo contraddittorio, spesso artefatto, soventemente mascherato, del jet set che fa da sfondo a un delitto consumato nello scenario della Mostra del Cinema di Venezia. Un omicidio che si presenta dalla facile risoluzione, ma che rivelerà delle sorprese ben carpite dal precario (in amore e sul lavoro), sarcastico e disincantato Saverio Lamanna e dal suo fedele assistente/compare Peppe Piccionello.

  • User Icon

    Fabio

    24/11/2016 09:05:11

    Si fa leggere e strappa qualche sorriso,ma non è né carne né pesce.Non è un thriller o un noir,sembra più un romanzo di atmosfere e considerazioni personali dell'autore,che ha purtroppo l'ossessione per la battuta spiritosa a tutti i costi,fino a diventare stucchevole e fastidioso. Il protagonista ,lamanna,già apparso in altri racconti brevi, è un piacione con la battuta sempre pronta,incostante,superficiale,che vive praticamente di rendita facendo lo scrittore a tempo perso,poco simpatico nel complesso e anche improbabile.Simpatici i personaggi di contorno qualche ricordo di gioventù e qualche riflessione dell'autore accendono una storia altrimenti poco appassionante.

  • User Icon

    Umberto Mottola

    01/10/2016 19:18:38

    Romanzo deludente, con un linguaggio spesso triviale e pieno di luoghi comuni; tuttavia i personaggi di Saverio Lamanna e Peppe Piccionello sono abbastanza simpatici.

  • User Icon

    giorgio g

    29/09/2016 15:57:56

    Saverio Lamanna riceve una strana offerta di lavoro. Il suo amico vicequestore Randone, che da Saverio aspetta l'esito di una raccomandazione (quella di far trasferire la moglie dalla prefettura di Enna a Palermo), gli propone di andare a Venezia alla Mostra del Cinema che sta per iniziare. Saverio dovrebbe organizzare l'ufficio stampa di una ragazza piena di soldi, che si è messa in testa di fare la produttrice, Gea De Simone che appena licenziato il suo addetto stampa, l'incarico che Saverio è chiamato a ricoprire. Gea deve presentare il suo film in laguna ed è nervosissima anche perché il suo fidanzato è il protagonista del film. A fare da spalla a Saverio è Peppe Piccionello, factotum del padre, responsabile della casa in sua assenza che sfoggia, oltre a un paio di infradito havaianas, una serie di magliette con scritte che vanno da "Kannolo Addicted" ad "Arancina dream", a "La Sicilia si sconta vivendoci" fino a "Selecao Sicilera Campeões do Mundo da Literatura.", squadra dei campioni del mondo della letteratura, Verga, Brancati, Pirandello, Sciascia, Tomasi di Lampedusa, De Roberto, Quasimodo, Vittorini, D'Arrigo, Bufalino, Consolo. Questo il quadro in cui è costruito il romanzo, quadro senz'altro accattivante, con l'ambientazione che si sposta dalla Sicilia a Venezia. Peccato che per incontrare il primo delitto (dimenticavo: si tratta di un giallo!) bisogna attendere oltre la metà del libro. Si tratta peraltro di una lettura piacevole che consigliamo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Saverio Lamanna, giornalista, si è rifugiato in Sicilia, in seguito al licenziamento da parte del sottosegretario per il quale lavorava a Roma. Qui non conduce una vita sgradevole: ha amici, una deliziosa fidanzata, e si dedica blandamente alla stesura di un secondo libro. Ma il denaro della liquidazione sta finendo, quello dei diritti d’autore non è certo inesauribile, e accetta di buon grado l’offerta di andare a Venezia a “proteggere” la produttrice di un film presentato alla Mostra del cinema, presentandosi come addetto stampa. E accetta anche di cercare il figlio di un pescatore misteriosamente scomparso. Quest’ultimo incarico glielo ha procurato il suo amico Peppe Piccionello, tanto utile quanto invadente e soprattutto sempre in mutande e infradito. I due partono per Venezia, previo rapido scalo a Roma. A Roma, Piccionello rifiuta di riposarsi e si lancia in una breve scorribanda notturna. Lamanna commenta tra sé e sé: “Mai ospitare un siciliano a Roma, diventa subito un personaggio di Brancati”. (…) Gea De Simone, proprietaria della Movie Valley, presenta a Venezia, in una rassegna minore, un film di una regista birmana perseguitata. Il protagonista maschile, Alo Pereira, è anche il suo “fidanzato” e la picchia spesso e volentieri. È da lui che Lamanna deve proteggerla. Quando Gea viene trovata morta è su Alo, odioso oltre che violento, che cadono tutti i sospetti. La componente “gialla”, assai prevedibile, non costituisce l’attrattiva principale del romanzo. E questo vale anche per la storia “parallela” del figlio del pescatore.

Il meglio è nella verve espressiva: esilarante come la figura “regionale” di Piccionello riesca ad ambientarsi nella snobbissima Venezia della Mostra. Le sue hawaianas diventano immediatamente un cult, e lo stesso si può dire delle improbabili magliette “Siciliano sugnu” o “Kannolo addicted” o “Arancine dream”. Non ci mette nulla a essere credibile come “cinefilo”. Né a fare amicizia con attori internazionali come “Harry Potter”; l’abito di lino bianco per la premiazione glielo impresta Jude Law (“si chiama Giuda ma è un ragazzo a posto”). Piluccando qua e là sono moltissimi i passi godibili e spiritosi: tra tutti la riproduzione del “parlato” del taxista romano o la decantazione della cassatella (“Cosa avrà mai di speciale la madeleine di Proust? Di fronte alla cassatella calda di Castellammare del Golfo vale quanto un pezzo di pane duro”) (…).

Recensione di Luca Terzolo


Un brano dell'intervista a Gaetano Savatteri sul Venerdì di Repubblica

Perché per l'ambientazione siciliana ha scelto il paese di Makari?

«Makari non esiste. Ma esiste Màcari, un piccolo borgo alle porte di San Vito Lo Capo, affacciato su uno dei golfi più belli del mondo. Ci ho messo una kappa per ricordare la sua origine araba, per renderlo esotico, per giocare tra realtà e finzione. Nelle avventure di Lamanna lo scarto tra realtà e finzione è sempre molto sottile».

Infatti, ha mescolato personaggi reali, come la giornalista della «Stampa» Fulvia Caprara e il regista Mimmo Calopresti.
«Caprara e Calopresti non sono gli unici. Ci sono anche il giornalista Alessandro Ongarato di Mediaset e altri. A quanti di loro ho attribuito parole e gesti ho chiesto il permesso in anticipo. Non l'ho fatto invece con le star internazionali, come Jude Law, Kevin Costner e Peppuccio Tornatore, che appaiono nel libro, nelle pagine ambientate alla Mostra del Cinema. Spero di non ricevere un giorno una telefonata dai loro avvocati».
  • Gaetano Savatteri Cover

    Giornalista, vive e lavora a Roma, ma è cresciuto in Sicilia. Per la casa editrice Laterza nel 2005 ha pubblicato il saggio I siciliani. È autore di quattro romanzi, tutti pubblicati dalla Sellerio editore. Approfondisci
Note legali