Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo - Iacopo Melio - copertina

Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo

Iacopo Melio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Collana: Saggi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 marzo 2018
Pagine: 150 p., Rilegato
  • EAN: 9788804686026
Salvato in 40 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra...

Iacopo Melio

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo

Iacopo Melio

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo

Iacopo Melio

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Faccio salti altissimi è un gioiello di buona scrittura e di autoironia. È un libro in difesa della libertà di essere se stessi, nel rispetto dell’unicità di ciascuno e nel superamento di un fuorviante, oltre che riduttivo, concetto di «normalità».

"Ho scritto questo libro per sentirmi vivo e per condividere un pezzo di questa mia vita stropicciata. L'ho fatto per ricordare e ricordarmi che non dobbiamo avere paura di sbagliare, che i nostri errori sono solo tentativi per sognare più forte. Che vivo con le ruote per terra, ma faccio salti altissimi."

Iacopo Melio è un attivista per i diritti umani e civili: presta la voce a chi non ce l’ha, a chi si sente sconfitto in partenza, a chi ha troppa paura per tirarla fuori, usando parole come «libertà» e «uguaglianza», «giustizia» e «dignità». Rompiscatole per natura, a sovvertire regole e previsioni ha iniziato presto, scegliendo la vita. Iacopo ha venticinque anni e la sindrome di Escobar, una malattia genetica talmente rara che, secondo la scarsa bibliografia scientifica esistente, comporterebbe sintomi troppo vari per essere classificati. Essendo nato con la camicia, di sintomi ne ha una gran varietà: tra questi, uno straordinario senso dell’umorismo. Armato di penna e arguzia, e di una pagina Facebook che conta oltre 600.000 followers, rema quotidianamente contro i pregiudizi e i luoghi comuni: bersaglia chi parcheggia nei posti per disabili pensando che siano un inutile favoritismo; chi è convinto che i venticinquenni in carrozzina rimangano bambini per tutta la vita (figuriamoci avere una ragazza); chi dà per scontato che quattro ruote servano per muoversi, ma solo in casa. Per questo, nel 2015 ha fondato #vorreiprendereiltreno, una onlus che si occupa di sensibilizzazione all’abbattimento delle barriere architettoniche e culturali attraverso progetti sul territorio e un’attività mediatica costante.
Faccio salti altissimi è un gioiello di buona scrittura e di autoironia. È un libro in difesa della libertà di essere se stessi, nel rispetto dell’unicità di ciascuno e nel superamento di un fuorviante, oltre che riduttivo, concetto di «normalità», che ci vorrebbe tutti uguali, matrioske prodotte in serie. Ma è anche la storia di un ragazzo come tanti, «pezzi di vita e sogni incollati addosso», con la testa piena di progetti e speranze.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,81
di 5
Totale 21
5
17
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giulia D'Angelo

    22/09/2019 22:04:52

    Premesso che io adoro Iacopo Melio, ma questo libro mi ha proprio divertita. Si, perchè lui riesce a trasmetterti gioia attraverso queste pagine. E' vero, affronta temi più difficili, ma lo fa sempre a modo suo, rompendo qualsiasi schema. Ho imparato molto dal suo libro, anche cose banali a cui però quasi nessuno fa caso. Buona lettura!

  • User Icon

    Giulia Giraldo

    10/03/2019 22:21:30

    Scorrevole, leggero, ironico e molto profondo. Consigliatissimo

  • User Icon

    Paola

    09/03/2019 12:20:15

    Libro bellissimo, profondo, divertente e toccante. Racconta la disabilità in maniera nuova, diversa dal consueto, con quella brillante ironia che contraddistingue da sempre Iacopo Melio, che sa farti ridere a crepapelle in una pagina e poi piangere a dirotto in quella successiva. Un libro da leggere, rileggere e regalare a grandi e piccoli. In questo libro mi sono sentita accolta nella vita di Iacopo, che condivide l'intensità e le complicazioni della sua esistenza in maniera intelligente, ironica e leggera, trasmettendo al lettore tutta la sua straordinaria determinazione, la fierezza e una profonda e antica saggezza che solo un'anima grande possiede. Mi ha riempito il cuore e toccata profondamente. Grazie!

  • User Icon

    Noemi

    09/03/2019 12:17:39

    Decisamente un libro da non perdere, da leggere e rileggere, fluente e interessante, ironicamente tratta temi serissimi di alto livello sociale. spero che lo leggano in molti e che provino a ragionare ogni giorno perché saranno i primi a trarne un grande vantaggio, oltre a fare qualcosa di buono nella propria vita. Adatto, anzi consigliato a ragazzini e adolescenti. Molto consigliato agli adulti avanti con gli anni, forse qualche muro crollerà anche dentro di voi. IronIco, spontaneo, un ragazzo che fa della sua vita una normalità. Come tutti i ragazzi della sua età. Ho riso e ho pianto.

  • User Icon

    Nadia

    09/03/2019 12:14:26

    Iacopo ci racconta la sua vita con tanta ironia delicatezza e simpatia. La sua storia e' una scusa per riflettere non solo sulla disabilità ma sui pregiudizi che ci imbrigliano e sulla superficialità con cui guardiamo i nostri simili. Non vi aspettate una storia strappalacrime, la narrazione scorre con tanta autoironia e delicatezza. Iacopo si racconta per quello che e' , con tutti i sogni di una ragazzo di 20 anni e poco più, e con tutti i progetti che sta portando avanti. E' un libro denso di ottimismo e di voglia di vivere, un invito a non arrendersi. E come scrive Iacopo: "Grazie a chi, in mezzo al temporale, non smetterà mai di cercare l'arcobaleno. Questo pezzo di strada e' per tutti noi. "

  • User Icon

    Alberto

    09/03/2019 12:12:11

    "Faccio salti altissimi" è un libro attraverso il quale si riesce ad entrare nella vita dell'autore, sentendosi partecipi di ciò che racconta. Iacopo (con la I) riesce, allo stesso tempo, ad essere ironico, commovente, preciso e diretto su tutti i temi che tratta. Temi che, a me personalmente, sono molto cari. E lo fa come se ci si stesse facendo una chiacchierata a quattr'occhi, tra amici. Un libro, questo, che ci insegna che non è il nostro stato di salute fisica che, necessariamente, scrive il nostro destino. La mia speranza è che, in un tempo non troppo lontano, la nostra società sarà talmente evoluta, sia come apertura mentale che per quanto riguarda le infrastrutture, da permettere a tutti di avere lo stesso diritto di vivere una vita, per quanto possibile, indipendente. E che "disabile" sia solo una parola scritta in un referto della ASL, non una condanna.

  • User Icon

    Monica

    09/03/2019 12:09:52

    Questo libro racconta un po' della vita di Iacopo, un ragazzo di 25 anni che anziché muoversi su due scarpe, lo fa su quattro ruote. Ma lui non è certo solo questo e di sicuro non è la sua malattia. Mi ha fatto ridere tanto e piangere, emozionare e soprattutto pensare perché l'impegno sociale di Iacopo è parlare di disabilità e di barriere sia architettoniche che mentali. E lo fa col sorriso, l'ironia e l'autoironia; assolutamente controcorrente ed efficace. L'ho letto in meno di due giorni e, appena finito... l'ho ricominciato per sottolinearlo!

  • User Icon

    Maura

    09/03/2019 08:02:25

    Consiglio la lettura a tutti, facendo un salto altissimo e un tuffo nella sua vita. Iacopo si racconta, racconta la sua famiglia, alcune finestre della sua vita, i suoi pensieri con ironia, con il sorriso. Sapete una cosa? Come sempre segno i passaggi,le frasi che mi fanno dire "Giusto! Lo penso anch'io! Condivido anch'io questo pensiero!". Mi sono accorta che ogni capitolo è "segnato" .Perchè siamo tutti diversi e tutti uguali! "Buona strada" insieme, a tutti. n libro che arriva diretto al cuore del lettore , scritto benissimo . Complimenti a Iacopo con la "I"! Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Manuel

    09/03/2019 08:00:21

    Iacopo ci racconta la sua vita con tanta ironia delicatezza e simpatia. La sua storia e' una scusa per riflettere non solo sulla disabilità ma sui pregiudizi che ci imbrigliano e sulla superficialità con cui guardiamo i nostri simili. Non vi aspettate una storia strappalacrime, la narrazione scorre con tanta autoironia e delicatezza. Iacopo si racconta per quello che e' , con tutti i sogni di una ragazzo di 20 anni e poco più, e con tutti i progetti che sta portando avanti. E' un libro denso di ottimismo e di voglia di vivere, un invito a non arrendersi.

  • User Icon

    Luca

    09/03/2019 07:58:15

    Faccio salti altissimi" è un libro attraverso il quale si riesce ad entrare nella vita dell'autore, sentendosi partecipi di ciò che racconta. Iacopo (con la I) riesce, allo stesso tempo, ad essere ironico, commovente, preciso e diretto su tutti i temi che tratta. Temi che, a me personalmente, sono molto cari. E lo fa come se ci si stesse facendo una chiacchierata a quattr'occhi, tra amici. Un libro, questo, che ci insegna che non è il nostro stato di salute fisica che, necessariamente, scrive il nostro destino. La mia speranza è che, in un tempo non troppo lontano, la nostra società sarà talmente evoluta, sia come apertura mentale che per quanto riguarda le infrastrutture, da permettere a tutti di avere lo stesso diritto di vivere una vita, per quanto possibile, indipendente. E che "disabile" sia solo una parola scritta in un referto della ASL, non una condanna.

  • User Icon

    Katia

    09/03/2019 07:55:53

    Questo libro racconta un po' della vita di Iacopo, un ragazzo di 25 anni che anziché muoversi su due scarpe, lo fa su quattro ruote. Ma lui non è certo solo questo e di sicuro non è la sua malattia. Mi ha fatto ridere tanto e piangere, emozionare e soprattutto pensare perché l'impegno sociale di Iacopo è parlare di disabilità e di barriere sia architettoniche che mentali. E lo fa col sorriso, l'ironia e l'autoironia; assolutamente controcorrente ed efficace. L'ho letto in meno di due giorni e, appena finito... l'ho ricominciato per sottolinearlo!

  • User Icon

    Giorgia

    09/03/2019 07:52:59

    Scordatevi il vittimismo e l'autocommiserazione, Iacopo Melio è (giustamente) fiero di essere se stesso e lo dimostra scrivendo, in modo salace e mordace la storia della sua vita, all'insegna di un attivismo a favore di tutti quelli che, come lui, reclamano non privilegi né pietismo, ma semplicemente gli strumenti per poter utilizzare le loro capacità per il progresso e l'emancipazione di una società spesso discriminante nei confronti del diverso. Seguivo Iacopo da un po’ sul suo blog e leggere il suo libro e’ stata una gioia. Intendiamoci, non e’ un capolavoro letterario ma e’ un capolavoro di vita e del coraggio e determinazione necessari a viverla. Questo giovane uomo e’ cosi’ pieno di risorse che fa vergognare molti. Da leggere nelle scuole. Tutte!

  • User Icon

    Luigi

    09/03/2019 07:50:18

    Un libro autobiografico bellissimo. Un racconto a volte drammatico, a volte ilare,mai troppo serio e mai troppo lieve, che incarna la cosa più bella che ci può accadere:la vita. L'autore racconta di sè ma anche degli altri, perché non si è mai soli. Racconta di come si può avere una vita di qualità quando lo sguardo è liberato da vizi di pregiudizi e di stereotipi. Lo consiglio a tutti, soprattutto a insegnanti e operatori nel sociale. Lo consiglio a ogni genitore . Un libro che rende liberi dentro.

  • User Icon

    Federica

    09/03/2019 07:48:06

    Un libro da leggere tutto d'un fiato, che fa bene all'anima e che può davvero farci vedere il mondo del suo autore in un modo totalmente nuovo. Un libro coraggioso, ironico, potente, di quelli che non ti lasciano indifferente e che ti aiutano a crescere; un processo che è possibile soltanto attraverso la conoscenza, la comprensione di ciò che vediamo e di quello che ci circonda. Cos'è la normalità? Se avrete la fortuna di leggere questo libro avrete la certezza di non aver mai capito davvero cosa essa sia e quanto distanti siano i nostri preconcetti e le nostre certezze dalla sua comprensione. Esiste davvero la normalità?

  • User Icon

    Ester

    09/03/2019 07:45:54

    Il libro di Iacopo Melio è un piccolo e delicato gioiello di sincerità e di spontaneità. Nel suo modo istintivo di raccontarsi, seppure con leggerezza, ironia e finezza Melio riesce comunque a far valutare con concretezza e serietà in chi legge le problematiche connesse a quella che la nostra società usa definire "disabilità", e che invece è l' incapacità della nostra società nel riconoscere e supportare l' effettiva uguaglianza di tutti i propri membri. Si percepisce concretamente che Melio sente la Comunicazione come la sua ragione principale di vita, e si percepisce proprio perchè riesce, con il massimo della delicatezza, a far risentire in chi legge quanto la propria gioia di vivere e di rapportarsi con gli altri sia profondamente contagiosa. Con piccole pennellate, Melio ci regala un quadro pieno di colore, fantasia, saggezza profonda in un lavoro che si lascia assaporare con la facilità di un respiro.

  • User Icon

    Erik

    09/03/2019 07:41:03

    Chi pensa di acquistare il libro scritto da una persona con grave disabilità per cercare una storia strappalacrime,lasci perdere. Iacopo (con la "I",come tiene a precisare) è prima di tutto una persona coraggiosa e positiva che ci guida attraverso le vicende della sua vita e dei suoi impegni con semplicità e ironia;scrive davvero bene ed il libro si "beve" tutto d'un fiato. "avvicinarsi è il viaggio più bello che si possa fare", "vivo con le ruote per terra ma faccio salti altissimi". Iacopo Melio è anche attivo come giornalista e con la onlus "vorrei prendere il treno" e molto altro. Comprate il libro e scoprirete che "valorizzare ogni singola imperfezione elevandola a pregio" aiuterà ognuno a fare salti altissimi e vivere con più armonia.

  • User Icon

    Ester

    09/03/2019 07:39:04

    Un libro da rileggere e regalare. Iacopo non si piange addosso anzi, non e' l'urlo dei beatnics americani ma nemmeno lo "Scusi" di pucciniana Mimi' ma il proclamare con sottile humour che "ci sono anch'io". Una lettura piacevole, dove si sorride parecchio ma con qualche momento in cui gli occhi si inumidiscono (il rapporto con la sorella). La figura della “su' mamma” che con la frase -Il medico pietoso fa la piaga puzzolente, non lo compiange mai anzi lo aiuta come tutti noi a sentirsi vivo e protagonista della "Sua" vita. Un colpo al cuore L'Ave, o Maria in cui tutti ci identifichiamo.Grazie per questo libro, Iacopo (rigorosamente con la I), grazie di esserci e di farci pensare con un sorriso. Grazie.

  • User Icon

    n.d.

    22/09/2018 07:59:26

    Mi ha fatto sentire più ricca, mi ha aperto la mente e il cuore .\nLa prosa è molto scorrevole, non ci sono scuse. Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Maria

    21/09/2018 10:34:51

    Un libro perfetto da regalare: si tratta di una lettura piacevole. Il tema è affrontare la vita per quello che è. Dovrebbero leggerlo davvero tutti, che tocca le corde profonde dell'animo umano.

  • User Icon

    Megant

    01/06/2018 12:31:04

    La disabilità raccontata da chi non le ha permesso di renderlo vittima. Iacopo si racconta come si racconterebbe qualsiasi ragazzo della sua età, con le gioie ed i dolori del crescere. Con il suo modo ironico e schietto ci fa riflettere sulla disabilità in tutte le sue forme, in un certo senso ci fa rendere conto di quanto siamo semplicistici quando si tratta delle disgrazie altrui, con i nostri "minutini" o con i nostri modi non sempre corretti di approcciarci al tema della disabilità. In questi anni Iacopo mi ha insegnato molto sul tema grazie alla sua pagina Vorreiprendereiltreno, questo libro è stato il modo di conoscerlo meglio con e al di là della disabilità

Vedi tutte le 21 recensioni cliente
  • Iacopo Melio Cover

    Iacopo Melio (San Miniato, 1992) vive nella campagna toscana, a Cerreto Guidi, e studia scienze politiche presso la Scuola «Cesare Alfieri» di Firenze. Grazie alla onlus #vorreiprendereiltreno, che ha fondato nel 2015, è diventato un punto di riferimento nazionale per la disabilità. Lavora come giornalista freelance per «Fanpage.it» e per altre testate online. Nel 2016 ha pubblicato Parigi XXI (Miraggi Edizioni). Nel 2018 Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo (Mondadori). Approfondisci
Note legali