Editore: Mondadori
Collana: Oscar gialli
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788804668527
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    21/10/2016 06:36:17

    Solo a destreggiarsi fra le pagine sognando stampata su ogni rigo la smorfia di Bogart che domina la storia, c'è da fermarsi in un'ammirazione che spegne ogni commento. La prosa di Hammett è come un lungo fiammifero, continua a offrire quel calore ruvido, brusco e semplice insieme che ha nell'arrivo sulle mani un bruciore di dolcezza che si finisce per amare. E' questa la meraviglia del libro, l'innesto fra una storia forte, diretta, e una resa narrativa di proporzioni strepitose, il ghigno di uno stanco diamante nella cenere, l'angolo impossibile raggiunto da uno sparo in corsa. Solo il ritratto di Sam vale da solo una caterva di applausi:"Pronunciata e ossuta, la mascella di Sam Spade presentava un mento appuntito che sporgeva da sotto l'arco più dolce delle labbra. Sembrava un Satana biondo. Quasi attraente". Nel mio sentimento di lettore tuttavia la trama può anche vivere in una specie di penombra discosta, perchè è il fascino della scrittura a colmare di grandezza il corso e l'esito dell'intera vicenda. Fuori da insipidi estetismi, il nervo e l'osso sono tutti lì, in un'azione sempre a braccetto con una specie di destino segnato, un finale sempre possibile, in ogni istante. E' questa la traccia che resiste, quell'ombroso tratto in un'animo che sente vita e morte come un solo triste abbraccio:"Aveva capito che gli uomini muoiono a caso e vivono solo quando la fortuna, cieca, li risparmia". E un'ironia improvvisa a demolire ogni luna del destino, la piega del viso mentre la sigaretta pende sulle labbra, dove si pensa e si sorride dentro, dove niente pare che ne valga la pena e insieme vale tutto:"Se crepo ci rimango male lo stesso". Un vertice della letteratura in termini assoluti, polvere di rude eleganza soffiata a livelli altissimi, il forte affronto che la realtà mostra senza mezzi fronzoli e la carezza rubata nella fragilità dei caratteri. E il resto è nella bravura che sa lasciarci:"Sparì e basta, come un pugno quando apri la mano". Capolavoro assoluto.

  • User Icon

    Nino

    17/09/2013 17:12:30

    Il romanzo, considerato una vera e propria pietra miliare, rappresenta il prototipo di tutti i romanzi "hard boiled" che sono seguiti. I dialoghi sono diretti, immediati, potenti. Hammett si concentra sulle espressioni dei volti, sulle pose dei protagonisti, sui loro tic, sulle abitudini (come quella di Sam Spade di arrotolare continuamente una sigaretta), indugiando talvolta sul loro abbigliamento o sui tratti del volto per caratterizzarne la descrizione. La parte finale, quando per tre quarti del libro ci si è chiesti quanto siano plausibili certi passaggi narrativi, è davvero strepitosa. In un crescendo di avvenimenti tutto si chiarisce e ci si rende conto di quanto le vicende possano essere verosimili. Sam Spade diventa l'icona di tutti gli investigatori privati, seguito a breve distanza dal bellissimo Marlowe di Chandler, personaggio per certi versi simile a Sam Spade eppure così diverso. Sam Spade è un uomo rude, violento, istintivo, determinato, capace di non farsi sopraffare nè dai malviventi, nè dalla Polizia, e neppure dalle donne, con le quali ha comunque un atteggiamento dolce, non disdegnando assolutamente i rapporti sessuali. Marlowe, invece, pur essendo attratto dalle donne è più tendente alla misoginia e comunque non si lascia quasi mai andare, se non per un fuggevole bacio. Inoltre Sam Spade non ha problemi ad accettare compensi alti dai suoi clienti, quando questo è possibile, e non disdegna di poter lucrare da una situazione vantaggiosa. Marlowe è più galantuomo, è sempre al verde e lavora tranquillamente per il suo compenso minimo senza chiedere altro, quando lo ritiene. Per il resto i personaggi sono molto simili, freddi, determinati, laconici, con atteggiamenti da macho, sicuri di sè in ogni situazione e sempre pronti all'azione. John Huston realizza poi nel 1941 una trasposizione cinematografica del romanzo che diventerà un film cult, con l'interprete più azzeccato, il grandissimo Humphrey Bogart.

  • User Icon

    byAx

    28/01/2013 09:40:51

    Trama ricca d'azione, dialoghi frizzanti, e poi lui, Sam Spade, uomo di poche parole. Personaggio carismatico, dalla lingua tagliente e dai modi schietti, giganteggia tra le pagine di questo poliziesco dai toni neri, creando l'archetipo di tutti i detective "duri" che verranno dopo di lui; seminale. Se il libro vi ha conquistato, buttate l'occhio al bellissimo film di John Huston, in cui Bogart diventa icona egli stesso impersonando magnificamente Spade.

Scrivi una recensione