Family day. Quando il luogo del delitto è casa tua - copertina

Family day. Quando il luogo del delitto è casa tua

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2008
Pagine: 334 p., Brossura
  • EAN: 9788820044947
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 8,00

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 4,49 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dodici racconti brevi e lunghi dei migliori giallisti italiani. Figli che uccidono i genitori, genitori che si sbarazzano della prole, mariti e mogli che anziché ricorrere all'avvocato ricorrono ad una buona dose di topicida, tanti Caini che mettono mano al coltello per denaro o per passione, il tutto in ambito famigliare. Esplosioni di follia o di odio all'interno delle mura domestiche che, anziché proteggere, diventano la cassa di risonanza di conflitti e tensioni destinati a raggiungere vette innominabili.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    zombie49

    23/03/2013 18:07:27

    Raccolta italiana di racconti noir che hanno come tema la famiglia o il luogo di lavoro. Ho sempre diffidato delle opere a più mani, e questo libro ne è la conferma. Peccato x l'unico racconto buono, "L'ascensore" 4/5: un impiegato vede nello specchio di un ascensore il fantasma di un cugino che lo ammirava non ricambiato. E' terrorizzato, ma lo spettro ha altre intenzioni. Il tema è sfruttato, ma il racconto è intrigante. Ricordi di Poe. L'ultima storia, "Family Day" 1/5, supera ogni immaginabile kitsch. Un padre moribondo e cattivissimo vuole rivedere i tre figli ancora più cattivi. Demenziale truculenta sex story con un morto ammazzato ad ogni pagina e una parolaccia ad ogni riga. Più kitsch di così non si può. Ed è pure noioso. Uno dei peggiori racconti mai letti. Per restare in tema, vomitevole. Le altre storie sono di cattivo gusto e banali come lo stile con cui sono scritte.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali