Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Fanfare for the Common Man - Sinfonia n.3 (200 gr.) - Vinile LP di Aaron Copland,Eiji Oue,Minnesota Orchestra

Fanfare for the Common Man - Sinfonia n.3 (200 gr.)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Aaron Copland
Direttore: Eiji Oue
Orchestra: Minnesota Orchestra
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Reference
Data di pubblicazione: 30 giugno 2015
  • EAN: 0030911151119
Nel 2000 la Reference Recordings ha celebrato il primo centenario della nascita di Aaron Copland, il compositore americano più amato e conosciuto, con un disco che comprende due delle sue opere più belle e apprezzate. La Fanfare for the Common Man è diventata un pezzo classico grazie al fatto di essere eseguita durante molte occasioni sportive. Le sue maestose melodie per ottoni e percussioni non mancano mai di suscitare gli entusiasmi delle folle, non appena vengono eseguite. La Terza Sinfonia è invece considerata il capolavoro di Copland e la più bella sinfonia di un autore americano del XX secolo. Un programma interamente americano che contribuisce a gettare luce su un continente ancora poco considerato per quanto riguarda i suoi compositori classici, che ci viene oggi riproposto nello splendore sonoro del vinile da 200 grammi.
  • Aaron Copland Cover

    Compositore statunitense. Nato a Brooklyn da genitori ebrei russi immigrati (il loro nome originale era Kaplan), iniziò gli studi musicali a New York, per poi continuarli, dal 1921, a Parigi con N. Boulanger. Tornato negli Stati Uniti, organizzò con R. Sessions concerti di musica contemporanea. Dal 1927 al ''37 insegnò alla New School for Social Research di New York, e negli anni 1935-44 e 1951-52 alla Harvard University. In seguito insegnò composizione al Berkshire Music Center. Nei primi lavori si mostrò sensibile alle manifestazioni della musica d''avanguardia; come nelle Variazioni per pianoforte, del 1930, nelle quali l''uso percussivo dello strumento e l''organizzazione geometrica dei moduli ritmici richiamano Bartók e Stravinskij. Poi, verso la metà degli anni Trenta, optò per una scrittura... Approfondisci
Note legali