Festival Session (Limited Edition) - Vinile LP di Duke Ellington

Festival Session (Limited Edition)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Duke Ellington
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Jazz Images
  • EAN: 8437012830868
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 19,90

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,90 €)

Il fotografo francese Jean-Pierre Leloir (1931-2010) ha catturato alcune delle immagini più iconiche della vita del jazz in Francia durante gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta. Questa collezione, in edizione limitata, raccoglie alcuni dei migliori album della storia del jazz arricchiti dalle splendide e inedite fotografie di Leloir che ne ritraggono i rispettivi autori. Nel 1956, ovvero nel periodo in cui sostenere una formazione ampia come quella della sua big band stava iniziando a rivelarsi difficile, Duke Ellington ha partecipato al Newport Jazz Festival. Quella sua partecipazione gli donò una nuova popolarità e lo stesso Ellington era solito dire di essere rinato a Newport nel 1956. Da quell’anno in poi Ellington divenne un ospite fisso del festival (così come per molti altri festival simili che cominciavano a nascere in quegli anni). Ellington solitamente presentava nuovi brani in occasione di questi concerti e l’album “Festival Session” del 1959 è una registrazione in studio che contiene principalmente i brani presentati ai festival jazz di Newport e Playboy dello stesso anno.
Disco 1
1
Perdido
2
Copout Extension
3
Duel Fuel –Part I
4
Duel Fuel –Part II
5
Duel Fuel –Part III
6
Idiom ’59 –Part I
7
Idiom ’59 –Part II
8
Idiom ’59 –Part III
9
Things Ain’t What They Used To Be
10
Launching Pad
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
Note legali