-15%
copertina

La figlia di Iorio

Gabriele D'Annunzio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: Roberta Bertazzoli
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 1 gennaio 2004
Pagine: 285 p., Brossura
  • EAN: 9788889320006

€ 40,80

€ 48,00
(-15%)

Punti Premium: 41

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La figlia di Iorio

Gabriele D'Annunzio

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La figlia di Iorio

Gabriele D'Annunzio

€ 48,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La figlia di Iorio

Gabriele D'Annunzio

€ 48,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    20/10/2012 22:47:24

    Un vero amante della letteratura non può non leggere Gabriele D'Annunzio (e non solo «Il Piacere» che è e rimane indiscutibilmente un'opera magistrale con citazioni celeberrime come « Habere, non haberi » cioè « Possedere, non essere posseduto» e «Memento audere semper» cioè «Ricorda di osare sempre» che è e rimane una delle più conosciute massime dannunziane). Scritta nel 1903, rappresentata e ristampata innumerevoli volte, La figlia di Iorio, si legge oggi con animo diverso da quello di allora, con forse minor attenzione alla pura successione dei fatti e maggiore invece al senso totale della rappresentazione. La vicenda appassionata e tragica di Aligi, che ha «dormito settecent'anni» e di Mila di Codro, peccatrice nel senso più arcaico e favoloso del termine, non ha di reale che alcuni movimenti indispensabili: il resto, il valore definitivo, bisogna ricercarlo nel modo con cui la realtà, per pura forza di poesia, riesce a trasformarsi in mito. C'è insomma, nella figlia di Iorio, la condizione di un'Italia «senza tempo» sorpresa alle radici della propria vita, con sentimenti puri che prima di essere individuali sono corali, e religiosi nel significato più aperto possibile. E' appunto questa religiosità che in D'Annunzio deriva dal profondo attaccamento «alla terra d' Abruzzi, alla mia madre , alle mie sorelle, al mio fratello esule, al mio padre sepolto. A tutti i miei morti, a tutta la mia gente. Fra la montagna e il mare. Questo canto. Dell'antico sangue. Consacro» ed al profondo attaccamento alle sue leggende che oggi ha finito per riassumere in sé il valore dell'Opera, indicandoci un modo di leggerla nuovo e più adeguato. Un'unica nota decisamente personale: povera Mila !!!

  • User Icon

    Bonamente Alessandra

    23/09/2005 12:02:36

    La Figlia di Iorio, è una tragedia complessa e composita che attinge a fonti bibliche e letterarie, al folkloore abruzzese,complessa per l'indeterminatezza dei riferimenti spazio-temporali, per una vicenda che allude ad una iniziazione spirituale, ad una catarsi che si realizza con il sacrificio (il rogo purificatrice) della protagonista. Mila di Codra è la 'Figlia di Iorio', sensuale e ammaliante, figura sacra (l'Angelo muto domina alle sue spalle)e demoniaca (la cui sensualittà spinge a impulsi irrefrenabili ogni uomo che la vede)... Ho imparato ad amare questa tragedia alla seconda, forse alla terza lettura, dopo un attento studio delle sue imprescindibili didascalie. Perchè diventa facile amarla? Perchè l'espressività verbale dell'autore si traduce in una immediata plasticità dell'opera che viene subito impressa nella memoria visiva (ed emotiva) del lettore.

  • Gabriele D'Annunzio Cover

    (Pescara 1863 - Gardone Riviera, Brescia, 1938) scrittore italiano. La vita e le opere Debuttò giovanissimo con la raccolta di versi Primo vere (1879), cui seguì nel 1882 Canto novo, nel quale è evidente l’imitazione di G. Carducci temperata da una già personale vena sensuale e naturalistica. A Roma, dove iniziò (ma non concluse) gli studi alla facoltà di lettere, D’A. visse all’insegna della mondanità e dell’estetismo, sempre alla ricerca di nuove sensazioni in nome di un compiaciuto erotismo al quale sarebbe rimasto fedele sino alla fine con ossessive varianti. Dal decadentismo europeo assimilava, intanto, ideali di sensibilità e di raffinatezza e il gusto del tecnicismo formale: nacquero così, accanto... Approfondisci
Note legali