Film con Wolf

Film con Wolf

,

(Landsberg, Polonia, 1929 - Berlino 2011) scrittrice tedesca. Ha vissuto nella Germania Est, laureandosi a Lipsia e svolgendo attività di lettrice editoriale a Berlino e a Halle. Il suo percorso è strettamente ancorato alla storia dell’ex RDT e al tempo stesso atipico rispetto a quello degli intellettuali della sua generazione. Il suo impegno politico ufficiale si è accompagnato infatti a un’insistente rivendicazione della propria autonomia di scrittrice; nel 1976 è stata espulsa dall’Unione degli scrittori tedeschi. Il racconto lungo, Il cielo diviso (Der geteilte Himmel, 1963), storia di un amore nella Germania divisa, divenne uno dei testi più letti e discussi nel suo paese. Riflessioni su Christa T. (Nachdenken über Christa T., 1968), scarna biografia di un’amica scomparsa, scava nelle difficoltà dell’individuo a inserirsi nel socialismo reale degli anni ’60. Successivamente la W. ha esplorato i modelli di comportamento della generazione cresciuta con il nazismo (Trama d’infanzia, Kindheitsmuster, 1975, nt) e le analogie tra i poeti romantici e gli intellettuali di oggi (Nessun luogo. Da nessuna parte, Kein Ort. Nirgends, 1979), immaginando l’incontro, nel 1804, tra Heinrich von Kleist e Karoline von Günderode, entrambi incapaci di calarsi in una relazione convenzionale. Degli stessi anni sono L’ombra di un sogno (Die Schatten eines Traumes, 1978) e il saggio su Bettina Brentano del 1979 (in Pini e sabbia del Brandeburgo. Saggi e colloqui, 1990). Nel racconto Cassandra (1983) l’opposizione tra la profetessa e la società troiana allude alla minaccia del conflitto nucleare, in cui l’individuo, a Est come a Ovest, è ridotto a mero oggetto amministrato; Cassandra è colei che osa dire la verità prima che la sua parola venga colonizzata e confiscata. Tra le opere successive: Guasto (Störfall, 1987), una meditazione sul tema dell’esistenza dopo il disastro di Chernobyl; Recita estiva (Sommerstück, 1989); Congedo dai fantasmi (Auf dem Weg nach Tabou, 1994), che affronta, tra l’altro, il tema delicato dei suoi rapporti con la Stasi, la polizia politica della Germania Est; Medea (1996), rilettura del personaggio mitico che diventa riflessione sulle origini dell’idea di potere; In carne e ossa (Leibhaftig, 2002), discesa agli inferi di un corpo malato e di una mente persa tra illusioni del passato e disincanto del presente; La città degli angeli (Stadt der Engel oder The overcoat of Dr. Freud, 2010), sul soggiorno della W. a Los Angeles nel 1992-93, lucida riflessione su memoria e rimozione. Per quarant’anni la W. ha annotato, ogni 27 settembre, fatti e pensieri di quel giorno: Un giorno all’anno. 1960-2000 (Ein Tag im Jahr, 1960-2000, 2003) è un vivissimo autoritratto, intessuto di quotidianità, attraverso il quale si possono leggere anche i profondi mutamenti della Germania nell’arco di quarant’anni.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Reparti
(2)
Supporto
(1)
(1)
Offerte
(2)
Disponibilità
(1)
Prezzo
Attori e interpreti
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
Vedi tutti Mostra meno
Registi
(2)
(2)
Editori e marche
(2)
Media recensioni
(2)
Venditore
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)

Tutti i risultati (2)

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore

Chiudi