Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni La fine del mondo e il paese delle meraviglie

  • User Icon
    10/05/2021 10:33:35

    A distanza di una dozzina d'anni dalla lettura, mentre proseguo ancora oggi a tuffarmi in qualche Murakami ogni tanto, questo si staglia secondo me come il suo miglior romanzo. Forse perché è stato il primo che ho letto, mi è rimasto dentro come il più magico, emozionante

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    map
    18/04/2021 23:29:59

    Un po' confusionario, ancora più filosofico delle sue altre opere... Non mi è dispiaciuto, ma da Murakami, che conosco ormai bene e che mi piace moltissimo, mi aspettavo molto di più...

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/04/2021 18:29:47

    Di Murakami apprezzo sempre la scrittura, così lineare e così piacevole, che da sempre l'impressione che i libri si leggano da sé. Tuttavia, in questo libro ho (ahimè) incontrato decisamente troppo punti morti, ripetizioni, che non mi hanno fatto godere il racconto totalmente. Nonostante questo, la trama è avvincente e i personaggi adorabili: una lettura che consiglio!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/02/2021 19:01:41

    Forse tra gli scritti più onirici di Murakami, potrebbe dar l'impressione di esser confusionario all'inizio, come una matasse che lo scrittore andrà districando lungo il corso dei racconti. Le immagini descritte sono fantasiose e assurde, lasciando alla fine al lettore la sensazione di essersi risvegliato da un sono. Raccomando la lettura, così come per gli altri romanzi di Murakami <3.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/01/2021 14:29:20

    Indubbiamente è un libro che si presta a pareri contrapposti, ma tralasciando la prolissità di alcuni passaggi (caratteristica di Murakami) è un'opera pregevole, che si legge scorrevolmente e meno "complicata" di altre sue creazioni più cervellotiche. La trama è avvincente, la storia cattura il lettore ed i personaggi di cui tener traccia sono pochi e ben caratterizzati oltre che coerenti con le vicende narrate. Murakami è uno scrittore che adora uscire dagli schemi narrativi classici ed anche in questo caso non segue alcun clichè, lasciando alla fine molti spunti di riflessione e la certezza di aver letto un ottimo libro!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    27/11/2020 11:30:46

    Libro imperdibile per gli amanti di questo autore. Comprende le tematiche ricorrenti delle sue opere, idem a livello di atmosfere surreali, oniriche, personaggi molto particolari che sono tratteggiati a livello psicologico in modo impeccabile. Un libro che devo rileggere, ti entra dentro e ripensi per giorni alla storia, ai dettagli simbolici di essa, al finale. 8 stelle, posso??

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/10/2020 15:18:31

    Meno di una stella non è possibile dare, peccato! "Il nulla cosmico" sarebbe stato molto più appropriato come titolo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/09/2020 18:52:40

    Secondo voi non stona un giapponese nel paese delle meraviglie al posto di Alice? Anche se quel giapponese si chiama Murakami ed è pregno di filosofia occidentale? Secondo noi sì! Infatti questo romanzo, uno dei primi dello scrittore datato 1985, proprio non riesce ad entusiasmare il lettore spaesandolo con cervellotiche spiegazioni e stucchevoli descrizioni paesaggistiche di mondi surreali. Difficile da inquadrare come genere, a metà tra il trattato scientifico, il surreale, l'horror e il fantasy presenta tutti i topos dell'autore che ritroveremo nei romanzi successivi: ombre separate dai corpi, dicotomia degli opposti, dimensione a-temporale, buio opprimente, spazi chiusi, teschi, unicorni. Prendendo spunto dalla città ideale descritta da Platone ne "La Repubblica" (priva però delle implicazioni politiche) e dalla teoria "dell'eterno ritorno" del filosofo tedesco Nietzsche, Murakami le interfaccia con la neurofisiologia dando luogo ad uno scontro tra coscienza (dal latino cum scire, ovvero "essere consapevole") e le possibilità infinite che si celano all'interno del nostro cervello: il risultato sono due storie all'apparenza antitetiche che alla fine convergono e che richiamano alla memoria le nostrane "convergenze parallele" o la più orientale concezione dello "Yin e Yang". Cinquecento e passa pagine per dire che essere se stessi, con le proprie imperfezioni e difetti, vivere la vita secondo le proprie possibilità, equivale ad essere perfetti nella propria imperfezione. Usando le medesime parole dell'autore questo romanzo "non è la fine del mondo".

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/08/2020 13:44:31

    Due mondi paralleli surreali che pian piano tendono ad avvicinarsi in un finale molto significativo e molto umano. Difficile digerire la parte iniziale ma una volta immersi non se ne esce più.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/05/2020 19:55:28

    Questo è stato il mio primo libro di Murakami. È stato una scoperta! Affascinante, imprevedibile, sorprendente, profondo e soprattutto coinvolgente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    FD
    15/05/2020 07:39:39

    La poesia e il lirismo di Murakami in un romanzo su due livelli, due esistenze diverse ma intrecciate, ricco di dettagli e di vita

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 19:40:39

    Ho conosciuto Murakami con questo titolo e, ad ora, resta quello che preferisco. Una storia surreale e bellissima che ti cattura e catapulta in un altro mondo al ritmo incalzante della narrazione che fa venir voglia di leggere capitolo dopo capitolo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 17:03:09

    Scrittura caratteristica di Murakami, anche con questo libro ho avuto difficoltà ad entrare nelle due storie, ma una volta entrataci non riuscivo più a staccarmi. Scritto sublimemente

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 23:09:43

    Con un taglio un po' fantascientifico un po' fantasy, Murakami propone una dissertazione a tratti particolarmente acuta sul rapporto tra mente e realtà. Abilmente strutturato in una doppia storia in cui man mano si dipanano correlazioni che giungeranno, al terminare del libro, ad una fine che è un principio, il libro risulta una lettura piacevole e spesso avvincente che non fa assolutamente pesare le 450 pagine di cui è composto.Unico neo le forse troppo intricate spiegazioni che motivano l'evoluzione degli eventi, cervellotiche e per questo poco plausibili anche se ben incastrate in un discorso più ampio che si vena di filosofia, metafisica ed etica avvicinando quest'opera al cyberpunk e alla fantascienza umanista. Murakami stupisce ancora una volta.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 10:51:49

    Un libro travolgente , sviluppato benissimo e personaggi ben caratterizzati. Un capolavoro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 10:00:04

    Da leggere tutto d'un fiato. Murakami ha saputo scrivere due storie parallele rendendole entrambe esternamente piacevoli ed interessanti. Con un protagonista forte e reale che oltre ad affrontare avventure ed imprevisti si riprova anche a dover andare in lavanderia. Un racconto ricco di dettagli e riflessioni sulla vita.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/04/2020 15:52:32

    Parte male, ma prosegue brillantemente. Come da copione, solite storie parallele ambientate in due mondi opposti, ma profondamente simili. Una volta finito, il libro lascia un bel senso di pace interiore. Consigliatissimo a chi piace il genere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    31/01/2020 15:40:34

    Solito schema di Murakami...mondi paralleli e storie parallele che solo in apparenza non si sfiorano mentre sono parte integrante l'uno dell'altro. Libro che acquista forza con il progredire della storia, inizio stentato e quasi da fantascienza, eccessivo, assurdo, ma poi ti cattura e lascia un vuoto ad ogni pagina che passa ..promosso anche se non il migliore dell'autore

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/01/2020 18:44:19

    Un libro meraviglioso. Da leggere assolutamente!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/10/2019 14:46:52

    Io AMO Murakami ma i racconti non sono il suo forte. Secondo me lasciano qualcosa di incompleto cosa che invece i suoi libri non fanno.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/09/2019 20:31:25

    Due poli opposti, il buio e la luce, la meraviglia e il disastro, l'ordine ed il caos... come lo Yin e lo Yang si completano, l'uno attrae l'altro, si incontrano. Due storie apparentemente diverse provenienti da due mondi diversi, stessi personaggi di uno stessa visione onirica. Nel racconto trapela nebbia, offusca ogni cosa. Tutto è in disordine, tutto è al contrario. La tessera mancante del puzzle svelerà ogni cosa. Uno dei migliori capolavori di Haruki Murakami, stesso stile particolareggiato caratterizza questo romanzo. Essere tra sonno e veglia, questa è la sensazione che si avverte, immersi nella lettura di questo mare spaziale. Il finale? Ti lascerà un vuoto incolmabile che ti porterai dentro per tutta la vita.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/09/2019 15:49:58

    Credo il più bel libro di Murakami, di certo il mio preferito. Un'atmosfera surreale e una trama suggestiva. L'autore ti fa immedesimare nei luoghi, nelle vicende e nei personaggi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/09/2019 19:20:20

    Questo libro è composto da capitoli che si intervallano a vicenda e che sono collocati alternativamente nella fine del mondo e nel paese delle meraviglie. I protagonisti sono due uomini provenienti dalle due diverse realtà. Ognuno dei due si sente inadatto a vivere nel proprio rispettivo mondo. Il “lettore di sogni” cerca di varcare i confini delle mura che circondano la città in cui egli vive, mentre l’altro uomo (il cibernatico) desidera un ordine nella sua esistenza vuota ed insignificante. Ancora una volta Murakami viaggia nell’onirico e ci rappresenta il mondo e l’Uomo attraverso metafore e allegorie vitali e fondamentali per riuscire a scavare dentro sé stessi, attraverso lo specchio del fantastico. Uno dei romanzi più belli che abbia mai letto, complesso ma profondo, bellissimo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/07/2019 09:08:14

    Ecco l'inizio del mio cammino iniziatico al "genere folle" di Haruki Murakami, La fine del mondo e altre meraviglie. E' un libro difficile da recensire, ma anche da inquadrare in un genere preciso, fantasy? sì, ma anche romanzo allora incominciamo. Due linee parallele, due storie che all'inizio sembrano distinte ma che finiscono con l'intrecciarsi, da un lato una Tokyo futuribile e cinica, dall'altra una città fortezza, senza lo slancio delle emozioni che rende le persona che la abitano del tutto prive di sentimenti , anestetizzate nel cuore. In mezzo si muovono creature prodigiose, gli Invisibili creature mostruose che vivono sotto le metropolitane, c'è tutto e di più Ombre che si separano dai loro corpi d'appartenenza e dialoghi surreali al limite del fantascientifico ma con un filo di naturalezza da renderle straordinariamente possibili e reali. Perché è bello dunque questo autore, perché? Ci ho messo un po' per capirlo, per mettere fuoco , ma al risposta è semplice più che mai:"Non c’è nulla che mi piaccia di più di quel breve intervallo di tempo che va da quando mi infilo nel letto a quando mi addormento. Mi porto qualcosa da bere, ascolto la musica, leggo qualche pagina. E’ un piacere immenso, come un bel tramonto o l’aria pura e pulita." Eccoq ua la risposta al di là del mondo onirico che Murakami confeziona ad arte c'è la semplicità delle piccole cose che sonnolento care al protagonista, un metodico, un professionista serio, un Semiotico e pure legato al piacere della quotidianità che disarma intenerisce. Questo libro è un pezzo dimalinconia, del mondo surreale fantascientifico che mi avvince, è la solitudine di certe anime di fronte ai grandi e piccoli quesiti della vita. la colazione fantastica non vi sono dubbi ma i tratti di realismo sono a dir poco sbalorditivi, non accenno volutamente alla trama perché è irrilevante e poi la trovate ovunque, ma se vi proponete di immergermi in questo folle genere ricordatevi di tenere aperta la mente, e acceso i

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/07/2019 13:24:02

    devo ammettere la mia scarsissima obiettività riguardo gli scritti di Murakami, ma questo libro mi è piaciuto da impazzire

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/04/2019 14:24:35

    Uno dei due o tre romanzi di Murakami che ho apprezzato maggiormente, insieme a "1Q84" e "Kafka sulla spiaggia". È il romanzo dei mondi paralleli di Murakami in assoluto, nel senso che il protagonista passa da un universo all'altro in continuazione. Ed è forse anche il romanzo più pessimistico sulla vita che lui abbia scritto e, per l'autore stesso, il romanzo preferito in assoluto, come dichiarò in un'intervista del 2004 alla "Paris Review". Un romanzo "fantastico" e "onirico", si può dire anche "distopico", perché in effetti lo è.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/03/2019 11:21:52

    Libro particolarissimo, due storie, in apparenza senza nessun nesso, che poi si intrecciano inesorabilmente. Adoro Murakami e anche in questo libro ho apprezzato la sua scrittura. La trama non è molto semplice da spiegare ma lo consiglio a chiunque abbia apprezzato in precedenza l'autore, o a chiunque voglia provare un'esperienza nuova ed unica.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/03/2019 08:54:45

    La storia corre su due binari e su due mondi paralleli che lentamente si avvicinano. Il primo mondo è "Il paese delle meraviglie" che corrisponde a grandi linee alla città di Tokyo in cui il protagonista, senza alcun nome, vive. Egli è un Cibermatico che lavora per il Sistema, una grande organizzazione che si occupa di protezione di non ben precisati dati, preziosi e sensibili. Il protagonista, in virtù del lavoro che fa che prevede un procedimento chiamato shuffling, viene coinvolto in una folle ricerca sotterranea che culmina con una lenta corsa contro il tempo e alla scoperta di sè e del mondo. Il secondo binario è invece "La fine del mondo" che coincide con una città cinta da una muraglia invalicabile in cui il secondo protagonista (senza nome) si trova, non ricordandosi come ci sia effettivamente arrivato. Lentamente scopre come funziona la vita in quella strana e perfetta città, conosce personaggi a loro modo pittoreschi: il burbero Guardiano, il Colonnello in pensione, la bibliotecaria senza cuore, animali monocorno di cui deve leggere i teschi. Ma soprattutto viene privato della sua ombra che, nel romanzo, funge da coscienza del protagonista e da scatola dei ricordi. Il protagonista infatti non ha alcuna memoria del mondo da cui viene e solo alla fine capirà a chi e a cosa appartiene, ma soprattutto conoscerà se stesso. In Murakami niente è finito e delineato perfettamente come nei romanzi comuni, c'è sempre qualcosa che sfugge e che stimola la riflessione e l'immaginazione del lettore. Credo stia proprio in questa peculiarità il punto forte dello scrittore giapponese.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/12/2018 09:42:20

    Snobbato rispetto ad altri titoli di Murakami,questo libro intreccia trame interessanti e appassionanti. Alcune parti potrebbero essere più corte,ma alla fine della storia non è di quelle che vi ricorderete!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/09/2018 16:14:46

    La storia corre su due binari e su due mondi paralleli che lentamente si avvicinano. Il primo mondo è "Il paese delle meraviglie" che corrisponde a grandi linee alla città di Tokyo in cui il protagonista, senza alcun nome, vive. Egli è un Cibermatico che lavora per il Sistema, una grande organizzazione che si occupa di protezione di non ben precisati dati, preziosi e sensibili. Il protagonista, in virtù del lavoro che fa che prevede un procedimento chiamato shuffling, viene coinvolto in una folle ricerca sotterranea che culmina con una lenta corsa contro il tempo e alla scoperta di sè e del mondo. Il secondo binario è invece "La fine del mondo" che coincide con una città cinta da una muraglia invalicabile in cui il secondo protagonista (senza nome) si trova, non ricordandosi come ci sia effettivamente arrivato. Lentamente scopre come funziona la vita in quella strana e perfetta città, conosce personaggi a loro modo pittoreschi: il burbero Guardiano, il Colonnello in pensione, la bibliotecaria senza cuore, animali monocorno di cui deve leggere i teschi. Ma soprattutto viene privato della sua ombra che, nel romanzo, funge da coscienza del protagonista e da scatola dei ricordi. Il protagonista infatti non ha alcuna memoria del mondo da cui viene e solo alla fine capirà a chi e a cosa appartiene, ma soprattutto conoscerà se stesso. In Murakami niente è finito e delineato perfettamente come nei romanzi comuni, c'è sempre qualcosa che sfugge e che stimola la riflessione e l'immaginazione del lettore. Credo stia proprio in questa peculiarità il punto forte dello scrittore giapponese; ovvero la capacità di trascendere le trame, i personaggi, le storie a cui siamo abituati e presentare al lettore uno o più mondi da esplorare, da approfondire. Lascia al lettore la possibilità di attribuire significati personali ad elementi del libro, non fornisce una chiave di lettura univoca.

    Leggi di più Riduci