Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Shopper rossa
Salvato in 403 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Fiori sopra l'inferno
13,51 €
LIBRO USATO
Venditore: Libreria Fieschi
13,51 €
Disp. immediata Disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,50 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Fieschi
13,51 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Fieschi
13,51 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
Fiori sopra l'inferno - Ilaria Tuti - copertina
Chiudi
Fiori sopra l'inferno
Chiudi

Promo attive (0)

Chiudi
Fiori sopra l'inferno

Descrizione


Vincitrice del Premio Edoardo Kihlgren Opera Prima Città di Milano - Finalista al POP, Premio Opera Prima 2018 - Finalista al Premio NebbiaGialla per la letteratura noir e poliziesca 2018

La nuova promessa del thriller italiano è donna
Una storia che scuote la mente e il cuore


«Ilaria Tuti ha creato non un personaggio ma una persona vera. Teresa Battaglia è più di una protagonista: è una luce piena di ombre, uno spazio dentro il nostro cuore. È già indimenticabile.» - Donato Carrisi

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell’orrido che conduce al torrente, tra le pozze d’acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l’esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l’inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling e ogni giorno cammino sopra l’inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall’età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l’indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura.»

Questo non è soltanto l’esordio di una scrittrice di grandissimo talento. Non è soltanto un thriller dal ritmo implacabile e dall’ambientazione suggestiva. Questo è il debutto di una protagonista indimenticabile per la sua straordinaria umanità, il suo spirito indomito, la sua rabbia e la sua tenerezza.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

7
2018
372 p., Rilegato
9788830449817

Valutazioni e recensioni

4,15/5
Recensioni: 4/5
(223)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(110)
4
(66)
3
(26)
2
(13)
1
(8)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

varie_età.libri
Recensioni: 4/5
Lo consiglio perché è una voce diversa tra gli scrittori di Gialli e Thriller

🎤 Lo consiglio perché è una voce diversa tra gli scrittori di Gialli e Thriller ed è italiana. 📝 Tra i boschi e le montagne di un paesino nelle Dolomiti, qualcosa si nasconde e per il commissario Battaglia è solo l'inizio di un'indagine spaventosa e davvero sconvolgente, che metterà a dura prova la sua esperienza e le capacità del nuovo ispettore Marini. 🕵️‍♀️ Teresa Battaglia è una persona empatica e forte, che riesce a vedere e capire le persone in modo autentico. 📚 Ho fatto un po' fatica a seguire la prima parte, ma poi la storia prende in un modo che non ti aspetti ed ho finito il libro tutto d'un fiato. 💫 Ci trovi su Instagram con la pagina : VARIE_ETÀ.LIBRI @varie_eta.libri

Leggi di più Leggi di meno
Tinama
Recensioni: 4/5
Fiori sopra l'inferno

E' un thriller che avvince dalla prima all'ultima pagina non solo per l'intreccio ma anche per le situazioni di suspense che l'autrice riesce a costruire intorno ai singoli personaggi, nessuno escluso. Primo fra tutti il commissario di polizia,Teresa battaglia, una donna che nasconde dietro una scorza ruvida una sensibilità imprevedibile.

Leggi di più Leggi di meno
Monica
Recensioni: 5/5
Mi ha fatto riscoprire la lettura...

Ammetto...non leggevo un libro da molti anni, non sono una grande esperta ma quest'anno avevo voglia di ricominciare e così per le mie vacanze in montagna ho scelto questo libro, non tanto per la trama ma per la copertina che, sembrerà stupido ma x me è importante! In mezzo alle montagne che mi hanno circondato per una settimana sono entrata nei luoghi molto simili a quelli che vedevo attorno a me di Teresa e.... è stato amore a prima vista, già ordinato il successivo...! Ilaria, hai fatto rinascere in me l'amore per la lettura, avvincente e toccante, ammetto che le ultime pagine mi hanno fatto scendere una lacrima, grazie mille e al prossimo tuo capolavoro che leggerò a breve...!!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,15/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(110)
4
(66)
3
(26)
2
(13)
1
(8)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

Voce della critica

E’ qualche mese che seguo le letture condivise che propone il gruppo “I thriller di Edvige” di ValeLanino e per questo mese ci siamo tuffati nel libro di Ilaria Tuti – Fiori sopra l’inferno.

Parliamo di thriller e parliamo di primo libro dell’autrice (come romanzo, perché è successivo a libri di racconti, già pubblicati). Sono tornata in mezzo alle montagne, le montagne del Friuli che l’autrice cela dietro nomi di luoghi di fantasia, ma che da dettagli e come riporta nel suo epilogo definisce come la sua terra, quella in cui è nata e vissuta.

La Tuti ha una descrizione dei luoghi che è così sublime da esserne completamente avvolti: leggendo si ha la sensazione di essere in quella foresta, in mezzo alla neve, con quei rumori, con quei suoni, con quei profumi. Si è trasportati direttamente sulla scena, la mente immagina esattamente quello che lei sta descrivendo. Il paese di Tavernì, con i suoi abitanti, con il suo abitato, arroccato ai piedi delle montagne al confine con la foresta, protetto dalle cime innevate.

Altro punto di forza del libro sono i personaggi; il commissario Teresa Battaglia: mi ha ricordato in certi tratti il Commissario Pedra Delicado, una donna forte che, in quanto donna, riesce comunque per il ruolo che ricopre a farsi rispettare. Una donna combattiva, che non si piega all’avanzare della sua malattia che le provoca disagi, ma non si arrende, cerca sempre un modo per lottare. L’ispettore Marini, impacciato e pasticcione all’inizio del racconto, diventa pagina dopo pagina una valida spalla per il commissario e per la risoluzione del caso. Il gruppo: definito come gruppo di persone, troviamo il gruppo dei bambini e il gruppo degli abitanti di un paese. La scrittrice fa risaltare in tutti e due i casi con maestria le dinamiche del gruppo: gli abitanti del paese, essendo un piccolo centro abitato, nascondono segreti, si spalleggiano, si difendono, si percepisce la coesione, in questo caso ostacolando persino le indagini; per il gruppo dei bambini è bravissima a portare alla luce le dinamiche di gruppo, un leader, uno per tutti tutti per uno, la difesa del branco da parte del più grande e più maturo. Un gran bel lavoro.

Ho apprezzato molto il tema della maternità, sia dal punto di vista della mamma con figli, sia della mamma senza figli, tema non facile da sviluppare all’interno di un thriller.

Interessante tutto lo studio svolto sugli esperimenti svolti nel 1978 da un orfanotrofio austriaco sui bambini: i bambini ospitati nella struttura, pur essendo nutriti, vengono privati di ogni tipo di affetto con conseguenze devastanti. Il punto di partenza è costituito dagli studi psicologici del dottor René Spitz, parte integrante del racconto.

La storia, nota più dolente, è un po’ piatta, con qualche buco, a tratti un po’ nebulosa quasi da sconfinare nel fantasy. Le descrizioni infinite in certi momenti quasi a voler nascondere e confondere sulla trama togliendo alla storia della suspance che ne farebbe un ottimo thriller.

E’ un primo libro, Teresa Battaglia, Massimo Marini e Ilaria Tuti hanno tanta strada davanti a loro. Sono su un ottimo sentiero, e sono convinta che il prossimo sarà ancora meglio del primo.

Leggi di più Leggi di meno

Con Fiori sopra l’inferno Ilaria Tuti esordisce nel panorama del giallo italiano.
Il romanzo ha lasciato entusiasti pubblico e critica, ottenendo la Menzione Speciale al Premio Giorgio Scerbanenco.

“La luce era quella di un sole malato: non scaldava, non rincuorava. Avanzava lenta sulla pietra della piccola cappella conquistando l’ombra, ma essa stessa era ombra sotto mentite spoglie”.

Il commissario Teresa Battaglia indaga sui recenti avvenimenti che hanno sconvolto la piccola valle di Travenì. La cittadina si riempie di due colori: il rosso del sangue di corpi profanati e il bianco della neve che imbianca incessantemente ogni cosa su cui si poggia.
La spiccata empatia che il commissario percepisce nei confronti dell’assassino le permette di cogliere le contrapposizioni sottili del mondo che la circonda: una natura incontaminata e l’attività dell’uomo che cerca di conquistare sempre più spazio, il colpevole che spesso non è solo carnefice, ma anche vittima, uomini pronti a tutto per dimenticare segreti sepolti da tempo.
L’atmosfera è cupa e misteriosa: animali sacrificati, laghi ghiacciati, montagne silenziose, passi che si perdono nella foresta.
Il lettore si immerge totalmente nell’atmosfera creata da Ilaria Tuti, sospende inevitabilmente il giudizio fino alla fine e si sofferma sugli aspetti più umani che questa storia mette in luce: la forza dell’amicizia, la volontà di andare oltre la solitudine, il potere dell’amore materno.

A tutti gli amanti dei romanzi di Donato Carrisi e agli appassionati dei gialli in generale.
Dedicato a coloro che vedono misteri in ogni angolo e possiedono un’anima investigativa.
A chi pensa che il mondo sia fatto di mille sfaccettature, questo libro insegna che la verità non è mai semplice come appare.

di Jessica Colombo
Si ringrazia il Master Booktelling

Leggi di più Leggi di meno

La breve nota biografica ci fa sapere che l’autrice ama il mare, ma vive in montagna.
Questo particolare è singolare perché la capacità che ha Ilaria Tuti di saper cogliere alcuni elementi chiave dell’ambiente montano e con poche parole riuscire a descrivere paesaggi, fauna, sensazioni, odori, umori ed emozioni toccando le “corde giuste” dell’animo del lettore, è una specie di magia che ci trasporta in un battibaleno a Travenì: piccolo paesino friuliano incastrato tra i monti e i boschi.
Si ha quasi l’impressione che il suo vero amore sia la montagna.

Chi ci introduce nella storia è Mathias, un ragazzino che sogna di diventare veterinario e che si aggira nei boschi con i suoi amici, la sua seconda famiglia, i suoi “fratelli di sangue”.

I bambini sono parte della storia e nella storia ci accompagnano, senza stonare mai e insieme a noi percepiscono la paura degli “adulti”. Quella paura che piano piano sfonda il guscio della protagonista del romanzo: Teresa Battaglia.

Il Commissario Battaglia che, incautamente, viene creduta UN commissario (uomo) dall’ingenuo ispettore Massimo Marini che arriva insieme a noi sulla scena del crimine: vestito di tutto punto, giovane, educato e goffo… talmente tanto da infastidire Teresa e intenerire noi lettori.

La scena del crimine, neanche a dirlo, è inquietante: una vera e propria mise en scène in cui gli attori sono il cadavere, il fantoccio che “forse” rappresenta chi ha commesso il crimine e la squadra di polizia che osserva, raccoglie prove e cerca di dare un senso ad un atto che si porta dietro una crudeltà e una violenza inspiegabili. Perché? Ma soprattutto chi porta dentro di sé tanta rabbia?

In un attimo siamo tutti al fianco di Battaglia e Marini, sulle tracce del killer.

Teresa Battaglia è una profiler di prim’ordine: il suo approccio alle indagini e gli anni di esperienza alle spalle ricordano i protagonisti di Criminal Minds. Massimo Marini invece è metodico: alla ricerca di prove e dedito all’analisi dei fatti una specie di Tenente Colombo del 2017. Due metodi opposti che scandiscono l'inchiesta dando un ritmo da cui è difficile prendersi una pausa.

Ma Ilaria Tuti ci regala un puzzle, perché il susseguirsi degli eventi di oggi sono scanditi da una serie di flashback che ci portano in Austria, 1978... Sta a noi ricostruire lo sfondo che ci porta alla soluzione delle indagini e a capire il perché della furia omicida.

Coinvolgente fino all’ultima pagina ed elegante, questo romanzo ha già conquistato il titolo di “Caso letterario dell’anno”: richiestissimo alla fiera del libro di Francoforte ancora prima della sua pubblicazione in Italia, sarà tradotto in 20 paesi.

Se Donato Carrisi è senz’ombra di dubbio il Re del thriller italiano, possiamo dire che probabilmente avrà al suo fianco una degna Regina.

Buona lettura!

Maria Josè Castelli

 

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Ilaria Tuti

1976, Gemona del Friuli

Ilaria Tuti è nata a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha studiato Economia. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha vinto il Premio Gran Giallo Città di Cattolica. Il thriller Fiori sopra l'inferno, edito da Longanesi nel 2018, è il suo libro d'esordio. Tra i suoi libri ricordiamo anche: Ninfa dormiente (Longanesi, 2019) e Fiore di roccia (Longanesi, 2020). Del 2021 il romanzo La luce della notte, il ritorno dell'amatissima Teresa Battaglia in un romanzo di rinascita e speranza. Sempre per Longanesi pubblica nel 2021, Figlia della cenere, nel 2022, Come vento cucito alla terra e nel 2023 Madre d'ossa.Fonte immagine: credit P. Gurisatti.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore