Fitte nebbie. La prima indagine di Sambuco & Dell'Oro - Alessandro Reali - ebook

Fitte nebbie. La prima indagine di Sambuco & Dell'Oro

Alessandro Reali

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Frilli
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 153 KB
Pagine della versione a stampa: 160 p.
  • EAN: 9788875638016
Salvato in 3 liste dei desideri
Omaggio
EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Agenzia Investigativa Sambuco e Dell'Oro, con sede a Pavia, in Borgo Ticino. In un appartamento, dalla cui finestra si può vedere il fiume, svolgono la loro attività i nostri due detectives. Gigi Sambuco, il capo, un uomo tranquillo, riflessivo, che guarda alla vita e alle inchieste in modo disincantato, anche a causa del dolore profondo che cela nel cuore: la morte del figlio ancora bambino. Selmo Dell'Oro, il socio, viene dalla strada. Si vede e si sente. E? un ex teppista, con una morale discutibile, nessun senso di responsabilità e una passione ossessiva per le donne. In questa loro prima avventura, ambientata agli albori di Tangentopoli, li troviamo alle prese con un tipo molto eccentrico, un vecchio compagno di classe di Sambuco, che chiede l'aiuto del detective per scoprire l'arcano che si cela dietro la morte violenta della sua compagna...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,75
di 5
Totale 4
5
2
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Angelica

    16/08/2015 20:12:53

    Banale e scontato. Sembra la brutta copia di un brutto telefilm americano trasportato in Val Padana. Personaggi pesanti, con pensieri e vite frustranti e tristi, che non interessano a nessuno. L'intenzione dell'autore, lodevole, di voler parlare di un argomento così importante come la denuncia della perenne "mal gestione del bene pubblico" annaspa e annega in un mare di mediocrità.

  • User Icon

    Luca

    21/09/2013 17:04:13

    Il libro descrive alla perfezione i loschi affari che si celano dietro ai guadagni di molte persone corrette nel nostro paese. E, come si evince dalla conclusione, i corrotti, seppur alle volte puniti, riescono comunque a riprendersi e a ricominciare indisturbati gli sporchi giri di soldi. Pochi, come il protagonista Felicino, riescono a mettere, a loro rishio di vita, i bastoni tra le ruote a questi criminali. L'autore ambienta il romanzo nella provincia di Pavia, descrivendo perfettamente i luoghi dove egli stesso ha passato la vita e facendoli immaginare con precisione anche a chi non li ha mai visitati. Pur essendo il primo libro dll'autore, non ha nulla da invidiare a romanzi di autori contemporanei più famosi.

  • User Icon

    Carlo

    23/10/2012 15:28:33

    "Gli occhi sono asciutti, mi accorgo di non averli chiusi da diverse pagine. Li chiudo e quasi in trance mi accorgo di avere in mano un gran bel libro. Questo è l'effetto che mi ha fatto scoprire un talento come quello di Alessandro Reali. Non iniziate a leggerlo se non volete rischiare di doverlo comprare a tutti i costi". (Carlo Frilli)

  • User Icon

    bellafede

    22/10/2012 21:37:26

    Prima opera pubblicata di questo scrittore, sin dalle prime pagine si capisce l'amore che prova nei confronti dei luoghi della sua vita, partendo dalle campagne della lomellina, fino ad arrivare a Pavia, città dove ha sede l'agenzia investigativa. i personaggi sono descritti dettagliatamente e con metafore che rendono bene l'idea dei soggetti fino a farli "materializzare"davanti agli occhi del lettore. La storia è ambientata ad inizio anni '90, purtroppo , o per fortuna, avevo solo 10 anni quindi i miei ricordi della Pavia di quel tempo sono un po' sbiaditi, ma per tanti versi la città non è mutata e quindi si riescono a collocare bene , anche geograficamente, le avventure di questi strani individui.Per una persona che non conosce questi posti è, invece, un pretesto per decidere di visitare una bella zona del nord Italia. La vicenda è un po' contorta,ma il libro scorre bene, si legge tutto d'un fiato senza mai risultare scontato. Sicuramente, ora, ogni volta che farò qualche "vasca" in centro, mi guarderò intorno, nella speranza di scorgere questi insoliti detective dentro qualche bar, con in mano una birra, e , dati i tempi e l'età che avranno, magari una sigaretta elettronica!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali