La follia di Banvard. Tredici storie di uomini e donne che non hanno cambiato il mondo

Paul Collins

Traduttore: M. Lunari
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 17 maggio 2006
Pagine: 354 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788845920776
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,80
Descrizione
Capita, nella vita di tutti, che qualcosa vada storto, magari proprio quando fortuna e gloria erano appena state assaporate, o sembravano a portata di mano. E, a volte, la differenza fra successo e fallimento passa per un capriccio di troppo. A tardiva ricompensa dei loro sogni infranti, i tredici personaggi ritratti in questa galleria di sconfitti hanno tuttavia avuto la ventura di incontrare un biografo, Paul Collins, scrittore contemporaneo capacee di trasformare un dagherrotipo svanito, la pubblicità di un rimedio taumaturgico o il brevetto di un'invenzione portentosa, ma assolutamente inutile, in altrettanti microromanzi.

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberto

    24/03/2017 13:42:50

    Un lavoro notevole di ricerca, tenuto conto che questi personaggi in quanto "perdenti della storia" non hanno lasciato tante tracce quanto i "vincenti". Il tema di fondo rimane la straordinaria capacita' umana di illudersi e illudere gli altri con le idee piu' folli e irrazionali che si possano concepire.

  • User Icon

    Lupus

    22/02/2015 09:26:31

    Oh, uno spasso! Curioso, divertente, a tratti arguto e con un certo retrogusto amaro che ogni tanto ti fa fermare e riflettere su piccole e grandi cose che a volte, eh già, passano inosservate. Consigliato senza se e senza ma!

  • User Icon

    ANNA MARIA

    11/10/2014 18:08:00

    Semplicemente delizioso!

  • User Icon

    Piero

    04/09/2007 16:11:09

    Grande capacita' narrativa. Come afferma il risvolto di copertina, sono 13 dagherrotipi ( e non semplici ritratti) quelli che emergono dai racconti di Collins, che delle vicende originarie riesce a trattenere e fissare accenti, tonalita', ombre ancestrali che evocano in qualche modo la grande letteratura gotica americana. Non e' un libretto divulgativo o una banale raccolta biografica dedicata a personaggi strambi, e' buona letteratura straniera. Incredibile la capacita' della Adelphi di pubblicare solo grande qualita'.

  • User Icon

    Gaetano

    06/10/2006 22:17:58

    Nel soffermarsi su certi dettagli di costume, la scrittura prende il volo e diventa esilarante, spazzando via il peso delle ricerche sulle quali si basa ciascuna delle biografie raccontate. A partire da un filo conduttore individuato con lucidità, Collins si trascina attraverso archivi e biblioteche di tutto il mondo. Un metodo utilizzato anche per il libro successivo, che prima o poi uscirà anche in Italia, dedicato alla bizzarra vicenda di Thomas Paine, un personaggio storico di tutto rispetto, eroe rivoluzionario e protagonista della nascita di tre democrazie (Inghilterra, America e Francia), che finì scomunicato e seppellito senza decoro - ma il racconto di Collins comincia dai suoi resti, trattati come reliquie e commerciati qua e là dai suoi sostenitori. Anche qui, l’abilità di narratore consente a Collins di offrire l’esito ideale a ricostruzioni storiche complicate e talvolta irrilevanti agli occhi della scienza ufficiale. Una scrittura sempre piacevole, sempre comprensibile, anche quando si tratta di spiegare la fisica delle particelle o l’astronomia nei termini visionari di qualche scienziato del passato che aveva preso la strada sbagliata e per questo è stato cacciato frettolosamente dall’olimpo del sapere.

  • User Icon

    Stefano

    12/09/2006 14:36:26

    Una piacevole scoperta.L'autore di questo libro ci giuda nel tempo e nelle vite di personaggi a noi ignoti ma che hanno comunque avuto la loro piccola storia,a volte anche divenendo celebrità per i loro contemporanei.Un bel viaggio in altre vite che dimostra come sia difficile rientrare tra gli immortali e quanta 'umanità' ci sia nella vita di questi 'sfortunati' personaggi.

  • User Icon

    fedefico

    26/07/2006 22:25:22

    Si sente il bisogno di serate fredde davanti al camino per assaporare i racconti questo gruppo di eroi della sconfitta, nobili profeti dell'errore, del caos. E' la fede comune di questi personaggi in ciò che potrebbe essere (ma guarda caso non è, in nessun caso, mai)a renderceli così affascinanti, valorosi, commoventi.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione