Categorie

Fabrizio Desideri

Editore: Laterza
Edizione: 5
Anno edizione: 2006
Pagine: 176 p. , Brossura
  • EAN: 9788842074762

Il libro presenta "un'estetica per principianti" a partire dal "problema del 'senso' dell'estetica", nel duplice significato del termine "senso": come "capacità soggettiva di sentire" e come "ciò che l'intelligenza può afferrare". La prima parte concerne in generale l'estetica. L'indagine muove da una riflessione sulla dimensione estetica, intesa come quella sfera esperienzale prelinguistica, in cui si verifica la genesi della soggettività. Particolare rilievo viene dato all'esame dei giudizi estetici, quelle asserzioni relative al gusto che concernono le proprietà "aspettuali" di un oggetto (relative alla percezione soggettiva) e che si distinguono dalle proposizioni epistemiche che riguardano i concetti. Su questa base viene definita estetica ogni esperienza consistente nell'instaurarsi di una relazione armonica con il mondo. L'oggetto estetico sarebbe qualcosa che "sopravviene" rispetto alle proprietà fisiche rilevate dalla percezione "normale". L'autore si sofferma poi sulla "feconda indeterminatezza" che caratterizza l'esperienza estetica e sul problema della definizione della bellezza. Essa è intesa come l'"espressione di un accordo", che si origina dalla percezione di una "molteplicitá di rapporti (...) colta nell'unità di una forma". La seconda parte è dedicata all'arte e in particolare all'ontologia dell'opera d'arte. Gli oggetti artistici, sottoinsieme di quelli estetici, sono infatti caratterizzati dall'essere "opere", cioè risultato della "produttività tipica di un fare". Essi si distinguono da altri prodotti della tecnica perché sono caratterizzati da un essenziale rapporto con l'autore. Affinché si possa parlare di oggetto artistico è cioè essenziale che la sua origine sia attribuibile a una "intenzionalità estetica". Questa non è però sufficiente: occorre infatti un'intenzionalità specificamente artistica, espressione della congiunzione di tecnica ed estetica, la quale non è limitabile all'intento dell'autore, ma costituisce una proprietà dell'opera stessa. Gli ultimi due capitoli esaminano specifici problemi dell'estetica dell'opera d'arte: i generi, lo stile, l'interpretazione e il rapporto fra arte e poesia.

Alessandro Bertinetto

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    libetta

    28/04/2012 22.31.22

    Materia editoriale che gode fortunatamente di una certa recente proliferazione di testi già editati e di inediti, nei saggi di base come in quelli approfonditi, anche una risposta intellettuale ai quei libri, sempre degli ultimi anni, che tentano di avvicinare il diffidente e l'impreparato all'arte sminuendone i contenuti e livellando il giudizio sull'opera ad un momento unico indistinto.

Scrivi una recensione