Frattura

Andrés Neuman

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Federica Niola
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 610,07 KB
Pagine della versione a stampa: 408 p.
  • EAN: 9788858431115
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 10,99

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il kintsugi è un'antica pratica giapponese che prevede l'utilizzo dell'oro - o di un altro metallo prezioso - per saldare i frammenti di un oggetto rotto. Grazie a queste pregiate riparazioni, l'oggetto rovinato diventa un'opera d'arte. Il kintsugi è la celebrazione delle cicatrici, l'elogio delle linee di frattura. Il signor Yoshie Watanabe è un uomo anziano, silenzioso, solitario. Anche lui, come un vaso rotto, porta i segni dei soprusi del tempo e della brutalità degli eventi. La sua vita prende una piega drammatica quando è solo un bambino. Sopravvissuto per una concatenazione di banali casualità all'esplosione della bomba atomica di Hiroshima prima, e scampato a quella di Nagasaki poi, Yoshie non ha più nessuno. Dei genitori, delle sorelle, del Giappone in cui ha vissuto fino a quel momento, non rimane altro che un cumulo di ricordi e macerie. Yoshie cresce a Tokyo con una coppia di zii, ma appena può lascia il paese e si trasferisce prima a Parigi, poi a New York, a Buenos Aires, a Madrid, complice l'assoluta dedizione a un lavoro che gli permette di viaggiare. A scortarlo in quel vagabondare irrequieto non c'è solo la trama di bruciature che gli percorrono la schiena e le braccia: tracce invisibili, ricordi in dissolvenza, una sofferenza senza nome sono il bagaglio piú ingombrante di cui non può disfarsi. E cosí, dopo decenni passati a saldare e spezzare legami tanto intensi quanto effimeri, raggiunta la pensione, Yoshie torna a vivere a Tokyo, forse nella speranza di riconciliarsi con la sua identità. Ma nel 2011 il terremoto che precede l'esplosione di Fukushima lo costringerà a confrontarsi con i fantasmi del passato. A raccontare di Yoshie sono Violet, Lorrie, Mariela, Carmen, le donne che lo hanno amato, una per ogni città. Le loro versioni si somigliano appena, ma rivelano un'unica storia: quella di un uomo ferito, alla ricerca instancabile dell'oro che possa risanare tutte le fratture di una vita.
4
di 5
Totale 2
5
0
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alberto

    09/09/2019 20:19:38

    Un romanzo che mi ha preso fin da subito, che mi ha affascinato e che inspiegabilmente non riesco a darmi argomenti del perchè mi sia piaciuto. Forse per la struttura narrativa, non del tutto nuova, ma ben impostata? Perchè l'Autore, argentino, è riuscito a calarsi nel mondo nipponico per raccontare di Yoshie Watanabe manco fosse nato a Tokyo? Forse per i temi trattati e dibattuti tra quest'ultimo e le quattro compagne che ha amato e con le quali ha trascorso altrettanti capitoli della sua vita. Non so quindi spiegare perchè mi è piaciuto, ma fidetevi, leggetelo, ve lo consiglio.

  • User Icon

    Elena

    22/08/2019 19:22:05

    Ho comprato questo libro perché nella trama si menziona l’arte del kintsugi, antica arte giapponese che prevede l’utilizzo dell’oro per riparare oggetti. Grazie a queste riparazioni l’oggetto acquista un altro valore e diventa opera d’arte. Non è però un saggio bensì un lungo racconto senza dialoghi, ma ha una scioltezza nelle frasi per cui il racconto scorre senza pesantezza. L’autore descrive il protagonista in terza persona mentre le guest stars, le donne che hanno avuto una relazione con lui, parlano in prima persona. questa è la storia di un uomo anziano, introverso sopravvissuto alla bomba atomica di Hiroshima e, scampato a quella di Nagasaki, perdendo però genitori e sorelle. Viene cresciuto dagli zii ma, appena può si trasferisce, dimorando in varie città grazie anche ad un lavoro che gli permette di viaggiare. Durante questi trasferimenti, nonostante le ferite visibili e non, riesce ad avere delle relazioni anche se non durature. E durante la narrazione, fanno capolino queste donne che prendono la parola e raccontano il loro rapporto con lui. Dopo tanto vagabondare, ormai in pensione, torna a Tokio, forse per poter avere quella pace interiore che ha cercato allontanandosi dalle sue ferite. Tuttavia, un altro accadimento lo porterà di nuovo a confrontarsi con il passato. E qui riprende il discorso del kinsugi, il tema principale di tutto il romanzo: un uomo ferito alla ricerca dell’oro che possa riparare le sue ferite. Ho trovato questo libro di una poesia sublime, nonostante tanto dolore. “Un terremoto frattura il presente, spezza la prospettiva, smuove le placche della memoria”.

  • Andrés Neuman Cover

    Andrés Neuman nasce a Buenos Aires nel 1977. Figlio di musicisti emigrati, cresce a Granada, dove frequenta l'Università e insegna per un periodo Letteratura ispano-americana. Nel 2009 vince il Premio Alfaguara con il romanzo Il viaggiatore del secolo, votato tra i cinque migliori romanzi dell'anno in lingua spagnola da El País e El Mundo. Ma Neuman non è un esordiente. Già nel 1999 ha pubblicato il primo romanzo Bariloche, che il quotidiano El Mundo inserì fra i dieci migliori dell’anno e fu tradotto anche in Italia. Con Il viaggiatore del secolo ha segnato un colpo senza precedenti nella letteratura spagnola: vincere un grande premio commerciale, l’Alfaguara, e il Premio de la Crítica. Ha pubblicato anche tre libri di racconti... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali