Fughe - Ouvertures - Preludi - Suites

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Georg Philipp Telemann
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 5
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 7 novembre 2013
  • EAN: 5028421943374

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Fugues légères et petits jeux à clavessin seul TWV30 21-26; Venti Piccole Fughe TWV30 1-19; Quarantotto Preludi corali TWV31 e altro
Georg Philipp Telemann fu uno dei compositori più prolifici e attivi della storia della musica. Contemporaneo di Johann Sebastian Bach (e ai suoi tempo molto più famoso del sommo Cantor lipsiense), Telemann si dedicò con profitto a quasi tutti i generi dell’epoca, scrivendo opere che vennero apprezzate per la loro eleganza, originalità e freschezza. Tra le altre cose, il grande compositore di Magdeburgo è autore di un’imponente produzione per clavicembalo, strumento di cui era come Bach, Händel e Domenico Scarlatti uno straordinario virtuoso. Questo cofanetto triplo presenta una vasta silloge di brani di breve durata, tra cui suites, fughe, ouvertures e partite. Per quanto possano essere di breve durata, tutti questi lavori riflettono la brillantezza e la raffinata arguzia del loro autore, uno dei più grandi geni di Barocco europeo. Considerato tra i cembalisti italiani di maggior talento in circolazione, Roberto Loreggian esprime con meravigliosa immediatezza la vitalità e il coinvolgente brio di queste gradevolissime opere, alternandosi alla tastiera della copia di un clavicembalo storico e di un organo. Questo cofanetto comprende accurate note sul compositore e sulle opere eseguite.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Georg Philipp Telemann Cover

    Compositore tedesco. Figlio di un pastore evangelico, in campo musicale fu prevalentemente un autodidatta, ma ebbe modo di verificare le proprie cognizioni musicali e di prendere diretta cognizione di tutti gli stili (in particolare di quello italiano) a Hildesheim (dove trovò un protettore nel rettore del ginnasio), a Braunschweig e ad Hannover. Trasferitosi a Lipsia nel 1701 come studente in giurisprudenza, l'anno seguente fondò un Collegium musicum che contribuì notevolmente allo sviluppo culturale della città, collaborando attivamente con Johann Kuhnau, Cantor della Thomaskirche. Organista della Neue Kirche nel 1704, l'anno dopo si stabilì a Sorau, maestro di cappella in quella corte, poi (1708) ad Eisenach, patria di Johann Sebastian Bach col quale fu in rapporti di amicizia (gli tenne... Approfondisci
Note legali