La futura classe dirigente - Peppe Fiore - copertina

La futura classe dirigente

Peppe Fiore

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Minimum Fax
Collana: Nichel
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 20 marzo 2009
Pagine: 404 p., Brossura
  • EAN: 9788875212100
Salvato in 14 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

La futura classe dirigente

Peppe Fiore

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La futura classe dirigente

Peppe Fiore

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La futura classe dirigente

Peppe Fiore

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Figlio unico napoletano trapiantato a Roma, megalomane, assediato da una selva di nevrosi erotiche, bipolare come tutte le persone di talento nell'Italia contemporanea, Michele Botta ha la sua prima vera occasione per entrare nel mondo degli adulti: viene assunto da una giovane e dinamica società di produzione televisiva. Potrebbe essere l'anno della svolta, e invece è qui che il suo equilibrio già precario finisce per sgretolarsi. Viene mollato dalla ragazza. Il rapporto con i genitori è un ginepraio di ostilità reciproche ormai arrivato al pettine. E l'emancipazione professionale è una fiction milionaria su un mitologico regista porno degli anni Ottanta, che forse non è mai esistito. Comico, caustico, eccessivo, irresistibile, "La futura classe" dirigente è l'attraversamento della linea d'ombra nell'era della demenzialità istituzionalizzata e della volgarità al potere. Ma anche l'analisi amara e impietosa di un paese attraverso la messa alla berlina della sua "santa trinità": la famiglia, il sesso, la televisione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,56
di 5
Totale 9
5
5
4
0
3
1
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    gabriele L.

    28/07/2010 06:56:27

    Davvero notevole

  • User Icon

    Vella

    24/05/2010 15:45:57

    Mannaggia a me che mi son fatto abbindolare dalle recensioni in giro per la rete. Storia tria e ritrita dell'adolescente eccomi eccomi nel mondo del lavoro ma quanti compromessi e delusioni, lasciato dalla ragazza e mamma mia che sofferenza, con spruzzatine di ricordi anni '80 che oggi come oggi vanno tanto di moda. Naturalmente lui lavora per la televisione (ultimo di una schiera di copywriter, creativi, pubblicitari eccetera che sembra che le città siano piene di questi qua). L'unica idea intrigante del libro (il pornografo ante litteram) mollata lì a seccare, a gridare vendetta. Ultima nota: i dialoghi. Terribili, soprattutto quello che conclude il libro. Se non fosse stato una liberazione, visto che si vede la fine del libro, sarebbe da incorniciare e titolare: questo NON è un dialogo!

  • User Icon

    fla_m

    08/01/2010 22:33:22

    in qualità di romana nata negli anni ottanta dichiaro che la situazione è proprio quella descritta in queste pagine (dal pisolone alle nevrosi), e che riderci su è molto meglio che piangersi addosso. quantomeno quando si tratta di leggere un romanzo che non ha pretese di voler apparire più di quello che è, e che fa proprio di questo il suo punto di forza. è stato il mio libro sotto l'ombrellone, il ricordo più piacevole delle vacanze, e va bene così. il finale è da standing ovation.

  • User Icon

    giulia

    24/04/2009 18:00:47

    Profondamente ironico e al tempo stesso al limite del surreale, con un tono sempre all'altezza del personaggio e delle vicende che si susseguono in modo quasi frenetico. Si avverte, nelle pagine, una nota di piacevole malinconia mista ad un gusto per la vita a volte sfuggente a volte astratto. Giudizio decisamente positivo.

  • User Icon

    marco.d

    22/04/2009 16:57:23

    a me è piaciuto, oltre a essere scritto molto bene l'ho trovato sincero, divertente e allo stesso tempo cupo, una visione condivisibile della generazione dei trentenni contemporanei, precari non solo nel lavoro ma anche nell'animo.

  • User Icon

    Arlecchina La Chiliota

    19/04/2009 09:48:14

    Delusa no, ma mi aspettavo qualcosina di più. La prima prova con Coniglio era stata fantastica. Penso che un sogno cosi non si ripeta mai più!

  • User Icon

    Gattona

    18/04/2009 18:58:42

    Scrittura presuntuosetta e nessun coraggio di operare dei tagli a un romanzo che, se fosse stato 250 pagine invece che 400, poteva pure essere valido. Peccato.

  • User Icon

    Luc

    15/04/2009 16:16:55

    io invece l'ho trovato magnifico. "La futura classe dirigente" è un libro scritto benissimo, incredibilmente divertente, pieno di personaggi che non si dimenticano. Primo fra tutti il protagonista Michele, con il quale chiunque ha attorno ai 30 anni in Italia oggi non può non identificarsi (io sono questi). Da leggere e da rileggere!

  • User Icon

    Lauro B.

    12/04/2009 15:09:55

    Che delusione! Dopo un'ottima prestazione nei racconti, Fiore non ha il fiato della maratona. Infatti sulla distanza lunga delle 400 pagine non decolla mai; tutto gira in tondo su una sola idea, che sembra veramente non bastare. Il suo indubitabile stile non basta per far superare la noia. Ho faticato molto per finire di leggerlo.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
Michele Botta ha ventisei anni, è compulsivo, nevrotico, particolarmente abile a trovare pretesti per andare in collera e a ingenerare limiti nella pazienza apparentemente illimitata della sua fidanzata; coltiva un'evidente propensione all'alcolismo, è ossessionato dai manifesti giganti del naufragando Veltroni, assuefatto alla pornografia online, torturato da un reflusso gastroesofageo, perseguitato da una pretendente fasciofuturista. Soprattutto, Michele è stato assunto da una società di produzione televisiva, e mentre lavora al format di Qua la zampa!, un delirante reality sui cani, l'occasione della svolta gli si presenta nella forma di una fiction milionaria su un patriarca del porno. La futura classe dirigente racconta il tentativo di Michele di tenere insieme tutti i pezzi di sé al cospetto della fortunata circostanza.
Il respiro ampio e la narrazione in prima persona impongono a Peppe Fiore una voce differente da quella dei racconti: il romanzo è loquace e, complice la soggettiva, l'autore si mette più in gioco; la formula è efficace e i dialoghi perfetti, gli stacchi cinematografici, le risate, numerose e potenti, i temi e i problemi affrontati senza remore non esauriscono i pregi del romanzo: l'eleganza consueta della prosa di Fiore intesse ogni singola frase e procura al lettore un piacere raro; e il sarcasmo disperato che innerva il romanzo va a porsi al polo opposto – e qui la prima persona trionfa – rispetto a una presa di distanza ironica.
Se dei personaggi di Cagnanza e padronanza (Gaffi, 2008; cfr. "L'Indice", 2008, n. 11) su queste pagine si era detto che non possedevano "nemmeno i vocaboli, le immagini, gli oggetti per dire la disperazione", Michele i vocaboli, le immagini e gli oggetti li possiede, ma la sua disperazione è non trovare più la via alla credibilità del male. Da un lato, infatti, la mediatizzazione dell'homo italicus rende impossibile un rapporto diretto con le proprie emozioni: Michele è inesorabilmente spettatore di se stesso, come se si vedesse sempre da dietro una telecamera. Dall'altro, la comicità mediatica all'italiana – che è in fondo il riflesso di un carattere nazionale: per Michele se apri il Gabibbo dentro c'è Berlusconi, ma se apri Berlusconi dentro c'è un altro Gabibbo – ha contaminato tutto. Il risultato di questa combinazione è la tragedia paradossale di Michele Botta: non riuscire a salvaguardare nemmeno una dimensione personale dove resti in vigore un puro sentimento del tragico, una percezione di sé non inquinata dalla caricatura.
Intanto, là fuori, il mondo sembra edificato dall'"ultimo uomo" dello Zarathustra di Nietzsche: quello che saltella e rende tutto piccino, che ha inventato la felicità e ammicca. Non è solo la vita di Michele: è l'Italia intera ad assumere i tratti mai così espliciti della commedia all'italiana. Qui uno scassinatore non può che essere lo scassinatore di un film di Lino Banfi. Solo Roma conserva a tratti connotati seri e tragici, un mostro di cemento soffocato ora dal sole ora dalla nebbia, un nulla spietato e desolante, l'altra faccia, opposta e veritiera, del nulla della demenza collettiva.
Eppure qualcosa si muove. Come se reagisse all'iperfagia delle comunicazioni e delle relazioni, il corpo di Michele manifesta il proprio limite e tenta di ricreare un ordine autonomamente. Michele Botta, che dice – non senza un tono di fierezza – di essere arrivato a Qua la zampa! passando per Wittgenstein, è il nodo al centro di una ragnatela impossibile: vive all'incrocio tra la sua relazione con Francesca e quella con i suoi genitori, patologiche per motivi diversi; lavora per una piccola casa di produzione dai trascorsi seri e impegnati che oggi scende a patti con il mercato televisivo più disastroso, senza che si capisca cosa si debba fare, cosa non si debba fare, cosa sia lecito fare senza perdersi e rispetto a quale ordine morale; è ossessionato da un Pd ciclopico che mischia tutto in un grande nulla e intanto bazzica una spasimante fasciofuturista, con l'esito di essere bastonato da picchiatori rasati. Vive, soprattutto, nella sterminata terra di nessuno, tipicamente italiana, tra l'adolescenza e la vita adulta. Il risultato è il reflusso gastroesofageo, immagine e antidoto di un'integrazione impossibile tra Wittgenstein e Qua la zampa!, tra un ventiseienne e l'Italia contemporanea.
La depurazione è dolorosa e sfiancante, però fa il suo dovere. Il rigetto di ciò che è impossibile accogliere – e che non lo si potesse accogliere lo avevano già capito l'amico Ennio scappato in Giappone e Francesca in partenza per il Libano – libera finalmente lo spazio per un'esperienza emotiva immediata, una capacità di riappropriarsi del presente. Qualcosa che assomiglia a una saggezza comincia a comparire nei rapporti familiari. Intanto Michele si accorge che il Bagaglino non lo fa più ridere mentre scorrono le immagini della Roma di Alemanno, dell'otto per cento della Lega, dei pestaggi nelle strade e di tutta la tragedia che si nascondeva dentro quell'ultimo Gabibbo.
Jacopo Nacci
Note legali