Categorie

Luca Di Fulvio

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2008
Pagine: 571 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804562160

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    filippo

    14/09/2015 22.04.30

    Grandioso e originale, emozioni travolgenti in un libro meraviglioso.

  • User Icon

    Lorso57

    19/03/2014 10.10.22

    Mi aspettavo molto di più viste le numerose recensioni entusiastiche che dopo la lettura non mi sento di condividere. Testo eccessivamente lungo con esagerate e ripetute cadute nella volgarità. Non male la parte dedicata alla nascita e allo sviluppo della radio clandestina, per il resto una sensazione di una trama troppo costruita e con un finale scontato e inevitabile. Sopravvalutato.

  • User Icon

    Stutiz

    26/08/2013 15.01.19

    Francamente non condivido l'entusiasmo ne confronti di questo libro, io l'ho trovato terribilmente polisso e in alcune parti decisamente noioso. Credo che ancora una volta sarebbe stato più gradevole con un centinaio di pagine in meno, ma oggi pare vada di moda il gigantismo anche nei libri, o no?

  • User Icon

    Veronica

    15/05/2013 18.24.22

    Libro straordinario! Di Fulvio scrive benissimo e riesce a creare una struttura fantastica. I personaggi sono resi magnificamente e alcuni mi sono davvero rimasti nel cuore (fantastico Sal Tropea). Mi sono trovata a rallentare la lettura verso la fine, cosa che mi capita di rado, proprio per centellinare e godere della compagnia di Ruth e Christmas il più possibile. Consigliatissimo.

  • User Icon

    LUCIA

    15/10/2012 09.14.36

    Straordinario, ho appena finito di leggerlo e mi sento sola senza Ruth e Christmas!! mi succede quando entro talmente tanto nella storia.Molto coinvolgente a tratti duri ma la vita dei nostri emigranti era dura.Grazie Luca

  • User Icon

    andrea

    27/06/2012 21.43.32

    Un assoluto capolavoro, bellissimo: un romanzo storico che racchiude sogni, e quel talento che ognuno di noi ha e che può realizzare nella propria vita. Fantastico, pieno di magia.

  • User Icon

    lasimo

    21/05/2012 12.12.05

    Grazie al mio amore per avermi fatto sognare con Ruth e Christmas. Bellissimo libro!!!

  • User Icon

    Chiara

    11/05/2012 15.48.37

    Ho comprato questo libro dopo aver saputo che per settimane è stato in testa alle classifiche tedesche e non sono rimasta delusa! Finalmente una bella storia, ben raccontata, che fa sognare! Bravo Luca Di Fulvio

  • User Icon

    francesco

    01/04/2011 10.46.02

    Chi è amante della lettura capirà quel che voglio dire. A volte si entra in libreria perchè sappiamo cosa cercare. A volte semplicemente si entra per curiosare e vedere cosa è uscito di nuovo. A volte, come in questo caso non sono stato io a sciegliere questo libro, ma lui me. L'avevo già visto e lasciato perdere, rivisto in un'altra libreria e scartato di nuovo. Alla terza volta nell'essesima libreria a molta distanza dalla sua uscita me lo sono di nuovo trovato di fronte. L'ho comprato. E me ne sono innamorato. Io non ho la presunzione, come altri di pensare che l'unica lettura "degna" sia quella dei vari "grandi della letteratura". Secondo me la "gang dei sogni" è un capolavoro. Un capolavoro della letteratura moderna perchè lascia profonde emozioni. E vedo che ha fatto la stessa impressione a molti altri come me. Qualcuno si rammarica che questo libro probabilmente non diventerà un best seller...io ne sono francamente felice. Se fosse un successo planetario non potrei considerarlo così mio. Sono geloso di questo libro. Il mio libro preferito. Una parte della mia vita. Piccola s'intende...è solo un libro, ma ne farà parte per sempre. Leggetelo...opure meglio di no...

  • User Icon

    Marzia

    30/03/2011 09.14.35

    Ho appena finito questo fantastico romanzo e sono ripartita a rileggere le prime pagine per assaporare i primi drammatici attimi...veramente stupendo, emozionante.L' autore mi ha conquistata ancora come aveva gia fatto con La scala di Dioniso,non vedo l'ora di leggerne altri.

  • User Icon

    massimo

    10/01/2011 13.00.31

    Mi è piaciuta molto questa "saga" che ci riporta nell'america del primo '900. Gli ingredienti ci sono tutti, bei personaggi, trama avvincente, amore, amicizia, denaro, un pizzico di violenza e un pò (forse troppo?) sesso. Mi è stato consigliato da una simpaticissima libraia a capoliveri (isola d'elba, se ci andate passateci ne vale la pena) che ha l'abitudine di esporre i libri consigliati con una fascetta e una breve recensione scritta a mano. Insomma il passaparola stavolta ha funzionato a meraviglia

  • User Icon

    robbi63

    06/05/2010 23.32.14

    Bellissimo, emozionante, uno dei libri più belli che ho letto. Concordo con altri lettori nel dire che sarebbe la trama perfetta per un film. L'unico difetto, se proprio devo trovarne uno, è la maniera molto esplicita, quasi volgare di rappresentare alcuni fatti. Comunque...meraviglioso!!

  • User Icon

    chiara.aba

    14/01/2010 18.20.31

    MERAVIGLIOSO! credo sia uno dei libri più belli che abbia mai letto. è scorrevolissimo, e soprattutto riesce ad emozionarti come pochi! lo adoro!

  • User Icon

    paola albani

    27/10/2009 13.09.25

    la gang dei sogni. bellissimo racconto, intenso, scritto su diversi piani narrativi che solo pochi scrittori riescono a fare. io l'avrei già sceneggiato nella mia testa con kate winslet e leonardo di caprio. certo di caprio non è più così giovane da interpretare la parte di un ragazzo, ma il trucco fa miracoli. spero che un regista si accorga di questo libro

  • User Icon

    maurizio crispi

    23/09/2009 00.02.12

    "La gang dei sogni" si legge sino alla fine senza un attimo di cedimento del desiderio di andare avanti. Ha una struttura narrativa particolare, perchè dopo un'inizio unitario con la storia di Cetta, del suo arrivo in America e dei difficili inizi nel "nuovo mondo", la trama si fa complessa. Nella prima parte, con l'affresco di Little Italy e del mondo brulicante degli immigrati che lottano per diventare "americani", il romanzo ricorda molto "C'era una volta in America" e, sicuramente, sarebbe molto piaciuto a Sergio Leone. Poi, la struttura narrativa si suddivide in tre filoni principali che riguardano i tre verì protagonisti di più di due terzi della storia, mentre Cetta - pur mantenendo la sua importanza - recede più sullo sfondo: Christmas,lotta per diventare "americano", secondo gli insegnamenti della mamma; Ruth deve guarire - nel corpo e nella mente - da una violenta aggressione; Bill Cochrann si pone come una sorta di alter ego malvagio di Christmas. Le storie dei tre stanno a contatto, divergono, tornano a intrecciarsi: il piacere della lettura si fonda proprio sulla mutevolezza di questi percorsi di vita che, intanto, portano il lettore a viaggiare attraverso gli States sino alla California, a Los Angeles e ai nascenti studios hollywoodiani. C'è tratteggiata anche tutta la storia dell'intrattenimento mediatico di quegli anni: i primi passi della cinematografia sia di quella "ufficiale", sia di quella clandestina, l'avventura dei grandi fotografi (Ruth che, attraverso la fotografia, ritrova una via di salvezza dal tunnel della depressione e dell'assenza di speranza, ricorda molto Diane Arbus, anche lei di origine ebraica i cui genitori appartenenti ad una famiglia di pellicciai mewyorkesi avevano fatto fortuna grazie all'intraprendenza del nonno), ma anche l'avventura della nascita delle grandi emittenti radio e del broadcasting. Il romanzo è avvincente, molto ben scritto, con una prosa attenta esenziale, curatissima, senza una sbavatura. Un grande affresco che genera momenti di autentica commozione.

  • User Icon

    Grandebu

    09/07/2009 14.32.52

    Se uno mi chiedesse di consigliargli un libro io non avrei dubbi: gli consiglierei "La gang dei sogni" di Luca di Fulvio. Esistono altri libri belli, anche bellissimi, ma quelli glieli potrebbe consigliare un'altra persona, una persona che non ha letto questo libro. Mi viene rabbia a pensare che questo non diventerà mai un best-seller! Pochi libri oltre a questo mi hanno fatto ridere fuori dalla mente. E mai così tanto. Nessun libro mi ha mai fatto piangere. A parte questo. E tanto. Se fosse possibile, questo libro sarebbe l'Emozione stampata su carta, impaginata apposta per voi. Se avessi scritto questo libro mi sarei ucciso per l'orgoglio.

  • User Icon

    francescamuu

    11/02/2009 12.06.18

    di fronte a tanto entusiasmo, forse una voce contrastante. libro senz'altro scritto bene e fluido fino all'ultima pagina. anche la storia è scorrevole, ma... ma... mi è sembrato un po' scontato, un po' banale. troppi colpi di fortuna: i protagonisti sono sempre al posto giusto e - se mostrano un po' di iniziativa - guarda caso ottengono proprio quello che avevano sperato. non so, forse è un po' troppo romanzato, forse nella vita paradossalmente non tutto arriva cosi' facilmente... Comunque è da leggere.

  • User Icon

    anticonemico

    10/02/2009 11.44.21

    Mi spiace andare controcorrente come i salmoni ,ma secondo me questo libro ci mostra un'America poco credibile, un paese capace di soprusi e violenza ma nel quale il protagonista esce indenne da qualsiasi bruttura perche' ha una specie di aurea dorata che lo rende simpatico a tutti persino a gangsters capaci di ammazzare le loro madri per pochi centesimi.....Le vittime di questo romanzo alla fine (per la gioia del lettore) trovano la loro felicita', tanti soldi, il successo ed una bella casa mentre i pochi cattivi, quelli che han fatto male a Ruth o sono stati avversi a Christmas trovano la giusta morte nel modo che tutti ci aspettiamo....E' una specie di favoletta a ritmo di ragtime piena zeppa di nonni ricchi e con il cuore d'oro, di genitori distratti dotati di battuta crudele e di figlie stuprate e mutilate che ritrovano la loro sanita' mentale in maniera rocambolesca e poco credibile. Un prodotto furbo fatto apposta per il grande schermo che ha il compito di strappare la lacrimuzza ed il sospiro di sollievo finale. Secondo me c'entra poco la speranza e c'entra poco il sogno americano, c'e stata solo la volonta' di mettere su carta stampata una storia d'amore fasulla come una banconota da sei dollari....

  • User Icon

    omacc

    06/02/2009 15.10.39

    Devo lodare il grande coraggio di Di Fulvio che dopo il successo dell'impagliatore avrebbe potuto (cosi' come han fatto i piu') costruirsi una carriera da scrittore di thriller ma ha preferito invece spaziare......La sua tenacia unita alla sua capacita' narrativa sono state premiate!!

  • User Icon

    Claudia

    21/01/2009 10.51.45

    BELLISSIMO!!! Ti tiene letteralmente incollata alle pagine! Consigliatissimo!!

Vedi tutte le 37 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione