Genealogia e percorsi della psicoanalisi. Teoria e pratica contemporanee

John E. Gedo

Traduttore: E. Mammoliti
Curatore: A. Grispini
Collana: Psicoanalisi
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 25 maggio 2016
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788887319279
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 22,00 €)

 
 
 

Il cuore della crisi che la psicoanalisi attraversa a cento anni dalla sua nascita è secondo Gedo il crollo del suo paradigma centrale la metapsicologia freudiana spazzata via dalle scoperte delle neuroscienze della scienza cognitiva dell'infant research. Dalle schegge del corpo dottrinario delle origini si sarebbero sviluppati modelli teorici spesso peggiori in quanto più distanti dallo sforzo di Freud in direzione di una validazione scientifica e squilibrati invece in direzione ermeneutica. Fin dal 1973 anno in cui pubblicò con Arnold Goldberg Models of Mind (Modelli della mente Astrolabio 1975) Gedo sostiene che la psicoanalisi sia una disciplina "biologica" che per ritrovare vitalità necessiti di una validazione scientifica proveniente anche da fonti extraanalitiche opinione del resto condivisa da Eric Kandel e da lui sviluppata nel noto saggio Biology and the Future of Psychoanalysis: A New Intellectual Framework for Psychiatry Revisited (AM J "Psychiatry" 156:4 505-524). In questo libro l'autore esamina sessanta monografie che considera rappresentative delle varie articolazioni dello sviluppo del pensiero psicoanalitico dal 1973 al 1998 non risparmiando giudizi caustici ma riconoscendo il valore di contributi originali anche di autori di cui non condivide il pensiero. La divisione in due parti la prima contenente le recensioni dei volumi scelti la seconda una storia degli sviluppi teorici e clinici ne fanno pur tenendo conto della inevitabile soggettività nell'operare la selezione e nell'esprimere giudizi spesso severi una buona mappa per orientarsi nel panorama psicoanalitico degli ultimi venticinque anni. Contribuisce così all'auspicato sforzo di utilizzare l'occasione della crisi di teorizzazioni giudicate indifendibili e del resto già lasciate alle spalle da molti degli autori presi in esame per uscire dal proprio isolamento di scuola movendosi da una posizione devozionale a un atteggiamento di maggiore disponibilità allo scambio dialettico con altri modelli e altre discipline.
Anna Viacava